C'era una volta il Principe Azzurro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
C’era una volta il Principe Azzurro
C'era una volta il Principe Azzurro.jpg
Titolo originaleCharming
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2018
Durata85 min
Genereanimazione, musicale, commedia
RegiaRoss Venokur
SceneggiaturaRoss Venokur
ProduttoreJohn H. Williams, Henry Skelsey
Casa di produzioneVanguard Animation
Distribuzione in italianoStx Entertainment
MontaggioRoy Neal
MusicheTom Howe
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

C'era una volta il Principe Azzurro (Charming) è un film d'animazione del 2018 scritto e diretto da Ross Venokur.

Il budget del film è stato pari a $20,000,000, mentre gli incassi internazionali sono pari a circa $8,751,856.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Filippo Azzurro è stato maledetto sin da bambino dalla consigliera di suo padre Nemesi Maldamore: il ragazzo ha il potere di ammaliare con la sua presenza ogni donna che incontra. Anche Biancaneve, Cenerentola e la Bella Addormentata sono innamorate di lui e tutte tre fidanzate, ognuna all'insaputa dell'altra, con il bel Filippo.

L'incantesimo si potrà rompere solo se prima del suo ventunesimo compleanno il giovane Philippe troverà il suo vero amore. Ma il padre, stanco della sua leggerezza, lo invia in una missione sconosciuta per trovare il vero amore insieme a un uomo di nome Lenny. Sotto le vesti di quest'ultimo, in verità, c'è la ladra di gioielli Lenore, anche lei maledetta dalla stessa strega; infatti, al contrario del principe, la ragazza non è in grado di provare amore.

Per evitare le guardie reali, si nasconde in una panetteria mentre Cenerentola, Biancaneve e la Bella Addormentata entrano per ordinare delle torte nuziali. Spacciandosi per un fornaio e rubando tutti i loro beni Lenore capisce che sono tutte e tre sono fidanzate con Filippo e lo rivela alle ragazze, questo causa scandalo in tutto il regno. Lenore viene arrestata e poi, corrotta dai tre guardiani della principesse, convinta a portare il principe in un luogo chiamato Montagna di Fuoco solo in cambio delle loro ricchezze. Per evitare altri scontri con le guardie reali e sapere come Filippo reagisce di fronte alle donne, si atteggia a un uomo di nome Lenny.

Filippo e Lenore viaggiano attraverso molti ostacoli verso la montagna. Per prima cosa vengono attaccati da una tribù di donne giganti nota come Matilija, ma l'incantesimo di Filippo salva la giornata, impedendo loro di essere mangiati. Mentre il principe viene consacrato da quasi tutta le Matilija, Lenore viene accolta da Mezzo Oracolo, che la informa che Filippo potrebbe essere il suo vero amore. Dopo aver ottenuto la "forcina" del capo, Filippo riesce a liberare Lenore dalle sue catene, poi dopo essere fuggito e aver restituito un rubino a un mostro tonale, Lenore inizia a sviluppare sentimenti per Filippo, e stabilisce un appuntamento al Dainty Dish, un ristorante locale. Tuttavia Nemesi lo scopre e lancia una maledizione che trascina inspiegabilmente tutte le donne nell'area verso il principe. Lenore ha il cuore spezzato nel vedere il ragazzo circondato da altre donne eppure i due continuano il viaggio e arrivano alla Montagna di Fuoco, quindi Lenore riceve la sua ricompensa. Filippo è confuso dal freddo contegno di Lenny dopo il suo viaggio al Dainty Dish, a quel punto Lenore gli dice la verità sul suo travestimento. Sebbene sentisse di averlo tradito, Il principe le dice che la ama ancora, ma lei si rifiuta di ascoltarlo. Il principe rivela che non ama davvero le principesse ed è condannato all'esecuzione. Mentre sta per essere impiccato, Filippo parla del suo sacrificio. Nemesi arriva per portare l'ultimo capitolo della sua maledizione prima che Lenore venga a salvare Filippo. Nel tentativo di salvarla da uno degli attacchi di Nemesi, Filippo si sacrifica. Prima che muoia Lenore ricorda il vero bacio dell'amore e lo usa per salvargli la vita e tutto l'amore nel regno. L'incantesimo viene rimosso e Nemesi viene sconfitta. I due si sposano alla fine e si preparano per il loro "lieto inizio".

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Trophy Boy - Avril Lavigne, Ashley Tisdale, G.E.M.
  2. Not Changin' - Catherine "Cat" Missal
  3. Charming Anthem - Steve Aoki
  4. Balladino - Sia
  5. Magical - Demi Lovato, Wilmer Valderrama
  6. Avalanche - Nick Jonas, Demi Lovato
  7. Soar - Magical Thinker, Donna Missal
  8. Somebody To You - The Vamps, Demi Lovato
  9. Charming - Catherine "Cat" Missal

Distribuzione e incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film non è stato distribuito negli Stati Uniti, né in Canada, e neppure nell'Asia orientale, ma sono in Europa, in Medio Oriente, in America Latina, in Australia, Nuova Zelanda e Russia.

Paese Data[2] Incassi

in dollari[2]

Spagna 20 aprile 2018 $730,585
Vietnam
Ungheria 26 aprile 2018 $228,483
Lettonia 17 maggio 2018
Bulgaria 18 maggio 2018 $177,550
Turchia $106,381
Ucraina 24 maggio 2018 $366,497
Islanda 25 maggio 2018 $77,355
Portogallo 31 maggio 2018 $408,880
Croazia $125,510
Serbia $81,413
Montenegro
Slovenia $36,966
Romania 15 giugno 2018 $292,765
Russia 28 giugno 2018 $681,627
Israele 19 luglio 2018
Grecia 26 luglio 2018 $415,310
Polonia 27 luglio 2018 $1,209,731
Germania 5 agosto 2018
Sud Africa 10 agosto 2018 $338,197
Arabia Saudita 23 agosto 2018 $206,597
Kuwait
Lituania 26 ottobre 2018 $87,156
Australia 1 novembre 2018 $254,059
Nuova Zelanda $47,803
Brasile 6 dicembre 2018 $806,773
Estonia 14 dicembre 2018
Paraguay 3 gennaio 2019 $11,526
Messico 11 gennaio 2019 $391,239
Bolivia 17 gennaio 2019 $36,223
Argentina 21 febbraio 2019 $102,998
Uruguay $17,114
Italia 28 febbraio 2019 $1,147,072
Colombia 14 marzo 2019 $127,115
Slovacchia 11 aprile 2019 $164,880
Regno Unito 2 agosto 2019 $15,668
Repubblica Ceca 26 settembre 2019 $59,904
Totale incassi: $8,751,856

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ boxofficemojo.com, https://www.boxofficemojo.com/movies/intl/?id=_fCHARMING01&country=ES&wk=2018W16&id=_fCHARMING01&p=.htm=.htm.
  2. ^ a b Charming, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 28 settembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]