Bubble Bobble II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bubble Bobble II
videogioco
PiattaformaArcade, Sega Saturn, PlayStation, Microsoft Windows, Xbox, PlayStation 2
Data di pubblicazione1994
GenerePiattaforme
Temafantasy
OrigineGiappone
SviluppoTaito
PubblicazioneTaito
Periferiche di inputJoystick, 2 pulsanti
Preceduto daParasol Stars
Seguito daBubble Memories: The Story of Bubble Bobble III
Specifiche arcade
CPUMotorola 68EC020
Processore audioMotorola 68000
Risoluzione320×224×8192

Bubble Bobble II, noto anche come Bubble Symphony (バブルシンフォニー Baburu Shinfonī?), è il primo seguito "ufficiale" del celebre platform game Bubble Bobble, nel senso che personaggi, ambientazioni e gameplay si rifanno direttamente ad esso, ma in realtà è il quarto gioco della serie, dopo Rainbow Islands e Parasol Stars.

Il gioco è gremito di numerosissimi omaggi e citazioni ad altri famosi giochi della Taito, talora omaggiati con l'apparizione dei loro protagonisti a mo' di "guest star".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I protagonisti del sequel sono quattro: Bubblun e Bobblun (figli rispettivamente di Bub e Bob, i due eroi di Bubble Bobble), con le amichette Kululun e Cororon.

Un giorno i quattro bambini trovano un libro magico e lo aprono, senza sospettare che si tratti di una trappola ordita da Super Drunk (il boss finale del primo Bubble Bobble): per vendicarsi di Bub e Bob, che lo avevano sconfitto, Super Drunk fa in modo che i bimbi subiscano la loro stessa maledizione, trasformandoli in draghetti sparabolle (esattamente come capitò a Bub e Bob). In Bubble Bobble II, Super Drunk è solo il primo di una serie di boss, molti dei quali già apparsi in precedenti titoli Taito. Lo scontro conclusivo è col boss Hyper Drunk, fratello gemello di Super Drunk. Dopo la morte del boss finale, i quattro draghetti vengono portati in trionfo dai nemici comuni sopravvissuti: si scopre dunque che questi erano stati costretti dai due gemelli Drunk a combattere contro la loro volontà. Nell'immagine conclusiva gli eroi hanno ripreso nuovamente aspetto umano.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gameplay è analogo a quello di Bubble Bobble, con alcune piccole differenze. Innanzitutto, ora è possibile scegliere tra i 4 personaggi disponibili il proprio preferito all'inizio della partita; le differenze tra di essi non sono soltanto cosmetiche, ma influenzano le abilità di ciascuno di essi, incluso l'attacco speciale, ottenuto tenendo premuto a lungo il pulsante di sparo.

  • Bubblun (draghetto verde) - velocità, rapidità e gittata dello sparo medi; attacco speciale: tre bolle in linea.
  • Bobblun (draghetto blu) - velocità alta, scarsa gittata di sparo e rapidità di sparo media; attacco speciale: tre bolle che si dipartono da lui.
  • Kululun (draghetto arancio) - velocità media, sparo con lunga gittata ma bassa rapidità; attacco speciale: bolle in formazione a "T".
  • Cororon (draghetto rosa) - scarsa velocità, sparo molto rapido ma a breve gittata; attacco speciale: bolle in formazione a "T" rovesciata.

Livelli[modifica | modifica wikitesto]

A differenza degli altri giochi della saga, una volta sconfitto il boss di un livello si potrà scegliere quale sia il successivo livello da affrontare, secondo uno schema ad albero simile a quello proposto in altri titoli Taito (ad es. Darius). Questo fa sì che in una stessa partita non sia possibile visitare tutte le aree di gioco.

Il primo livello è suddiviso in tre possibili zone, le quali portano tutte al boss Super Drunk: alla zona scelta corrisponde un'arma diversa per poter sconfiggere il boss in questione.

In ogni livello sono nascoste alcune note musicali e ce n'è una per ogni sua zona. Trovando e raccogliendo tre note si ottiene una delle quattro chiavi d'oro presenti nel gioco. Bisogna cercare di prendere tutte le chiavi, in quanto esse serviranno per poter accedere al livello finale (privo di denominazione, come del resto il primo), ambientato in un palazzo Maya, dove si trova il boss Hyper Drunk.

Alcuni dei livelli nel gioco sono basati su precedenti videogames Taito, come PuLiRuLa, Space Invaders, Darius II.

Bonus speciali[modifica | modifica wikitesto]

Tra i numerosi bonus speciali disponibili nel gioco, alcuni di essi hanno una particolarità: evocano i personaggi di alcuni precedenti giochi Taito, i quali possono essere controllati con gli stessi comandi del giocatore, aiutandolo a eliminare tutti i nemici dello stage corrente. Da notare come i vari sprites di questi personaggi non siano stati rimodernati graficamente, ma siano quelli originali dei vari giochi in cui sono apparsi. Un altro particolare curioso è che quando essi entrano in scena si odono degli applausi.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Le musiche si devono a Tamayo Kawamoto.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb16693751f (data)