Bravissima (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bravissima
PaeseItalia
Anno1994 - 1995
Generetalent show
Lingua originaleitaliano
Crediti
Conduttore
IdeatoreValerio Merola
RegiaEgidio Romio
Rete televisivaItalia 1

Bravissima è stato un programma televisivo italiano, in onda dal 1994 al 1995 su Italia 1.

Ideato e organizzato da Valerio Merola, è considerato uno dei primi talent show della televisione italiana.[1]

Il programma, andato in onda per due edizioni, veniva trasmesso da Riolo Terme, dove le trentotto ragazze finaliste si sfidavano in quattro discipline artistiche: canto, ballo, arte e moda. In palio vi era un contratto in esclusiva con le reti Fininvest.

La prima edizione fu trasmessa nel 1994, condotta da Marco Balestri, con una striscia quotidiana di mezz'ora prima del telegiornale, presentata da Terry Schiavo e Valerio Merola.[2]

La vincitrice veniva eletta dai telespettatori, mentre un altro premio veniva assegnato da una giuria di personaggi celebri: nella prima edizione, tra gli altri, la regista Lina Wertmüller, il regista Giuliano Montaldo, Lara Saint Paul, Giorgio Bracardi, Silvia Annichiarico, Gabriella Carlucci, Simonetta Stefanelli, il regista Gillo Pontecorvo, il campione di boxe Gianfranco Rosi, il pilota Ferrari di formula uno René Arnoux.

La seconda edizione fu condotta da Gigi Sabani.

Il programma era preceduto, durante l'estate, da alcuni speciali: Aspettando... Bravissima (1994) e In viaggio con... Bravissima (1995).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1993 il programma avrebbe dovuto essere trasmesso da Rai Uno, ma l'allora presidente della Rai, Claudio Dematté, ne bloccò all'ultimo momento la messa in onda.
  • Il format del programma è stato venduto anche a Cuba, dove è stato trasmesso con il titolo Bravissima International ed era condotto da Valerio Merola.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ anni 90 A Archiviato il 2 marzo 2014 in Internet Archive.
  2. ^ [1] Archiviato il 19 aprile 2015 in Internet Archive.
  3. ^ anni 90 B[collegamento interrotto]