Bibi Ballandi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Bibi Ballandi (Baricella, 26 giugno 1946Imola, 15 febbraio 2018[1]) è stato un produttore televisivo, imprenditore e produttore discografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Iso, un ex tassista che iniziò ad accompagnare cantanti e orchestre in giro per l'Emilia-Romagna, abbandonò le scuole dopo aver concluso la terza media e si autoprodusse come manager di diversi artisti dapprima per diletto in seguito per professione. Negli anni sessanta ha lavorato al fianco di Al Bano, Orietta Berti, Nicola Di Bari, Caterina Caselli, Mina, Little Tony e Rita Pavone, mentre negli anni settanta ha collaborato con Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Fabrizio De André, Roberto Vecchioni, Pierangelo Bertoli ed un esordiente Vasco Rossi.

Nel 1983 è stato tra i fondatori della discoteca Bandiera gialla di Rimini. In seguito è diventato produttore televisivo con la sua società Ballandi Multimedia, iniziando una collaborazione con la Rai per poi proseguirla con gli altri editori televisivi italiani. Ha prodotto numerose trasmissioni televisive di successo dagli anni ottanta, novanta e duemila, in particolare gli one-man show di Fiorello, Adriano Celentano, Gianni Morandi, Giorgio Panariello e Massimo Ranieri, i varietà del sabato sera Ballando con le stelle e Ti lascio una canzone e altri eventi televisivi di intrattenimento musicale e non.

Da circa 12 anni malato di cancro al colon, muore ad Imola all'età di 71 anni il 15 febbraio 2018[2][3].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Bibi non era uno pseudonimo né un diminutivo ma il reale nome di battesimo di Ballandi: fu scelto dal padre, che lo registrò all'anagrafe e lo fece battezzare senza che nessun addetto e prete obiettasse.
  • Il direttore generale della Rai Mario Orfeo in accordo con la presidente Monica Maggioni a seguito della sua morte gli ha intitolato il Teatro delle Vittorie di Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bibi Ballandi è morto, su RTL.it, 15 febbraio 2018.
  2. ^ [1]
  3. ^ [2]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]