Beriev A-50

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beriev A-50
Beriev A-50 over Moscow on 6 May 2010.jpg
Un Beriev A-50 scortato da 4 Su-27 Flanker, Mosca 16 maggio 2010
Descrizione
TipoPosto di comando volante
Equipaggio5 + 10
ProgettistaURSS OKB 49 Beriev
CostruttoreBeriev e aziende di stato URSS
Data primo volo1978
Data entrata in servizio1984
Data ritiro dal servizioin servizio
Utilizzatore principaleRussia VVF
Altri utilizzatoriIndia IAF
Esemplaricirca 40
Sviluppato dalIlyushin Il-76
Dimensioni e pesi
ILYUSHIN A-50 MAINSTAY.png
Tavole prospettiche
Lunghezza46,59 m
Apertura alare50,50 m
Altezza14,80 m
Superficie alare301,20
Peso a vuoto190 000 kg
Propulsione
Motore4 turboventole Aviadvigatel' PS-90A
Spinta156,9 kN (16 000 kg) ciascuna
Prestazioni
Velocità max800 km/h
Autonomia7 500 km
Tangenza12 000 m
Notedati riferiti alla versione A-50

i dati sono estratti dal sito Уголок неба[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Beriev A-50, nome in codice NATO Mainstay (spina dorsale), è un AWACS sviluppato a partire dall'Ilyushin Il-76 dall'ufficio progettazione Beriev di Taganrog (noto anche per i suoi idrovolanti) e costituisce l'equivalente russo del Boeing E-3 Sentry. È ben riconoscibile a causa del rotodome (radome rotante) che contiene l'antenna radar. La versione cinese è denominata KJ-2000. Entrato in servizio nel 1984 ne risultano prodotto circa 40 nel 1992. Il primo volo avvenne nel 1978

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'equipaggio del velivolo è composto da 15 persone che analizzano i dati inviati dal Liana Sureillance Radar mediante l'imponente rotodome sulla fusoliera dal diametro di 9 metri. L'A-50 è in grado di controllare fino a 10 aerei ed è in grado di volare per un'autonomia di 4 ore a 1000 km dalla sua base con il peso massimo al decollo di 190 t. Il velivolo può essere rifornito in volo dall'aerocisterna Il-78[2]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • A-50M[3] Versione Russa
  • A-50U Versione Russa Aggiornata
  • Izdeliye-976 (SKIP) Versione progettata per il supporto al lancio di missili da crociera Raduga Kh-55 (1 prototipo e 5 aerei convertiti)[4]
  • Izdeliye-1076 Versione per missioni speciali con però funzionalità sconosciute[4]
  • A-50I Versione con Rader Israeliano progettato su specifiche per la Cina ma cancellato sotto la pressione degli USA
  • A-50 E/I Versione Equipaggiata con motori Aviadvigatel PS-90A-76 e radar israeliano progettato su specifiche per l'Aeronautica Militare Indiana[5]
  • KJ-2000 Versione cinese basata sull'A-50l

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Presenti[modifica | modifica wikitesto]

Russia Russia
15 A-50 e 4 A-50U in servizio al novembre 2017.[6] Tutti gli A-50 saranno aggiornati allo standard A-50U.[6]
India India
3 esemplari consegnati tra il 2009 e il 2011.[6] 2 ordinati nel 2016.[7]

Passati[modifica | modifica wikitesto]

URSS URSS

L'A-50 nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • In ambito videoludico, l'A-50 compare tra i velivoli del videogioco Deadly Skies III[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Уголок неба, Бериев А-50.
  2. ^ photobucket.com (JPG), su i597.photobucket.com.
  3. ^ Russia has started official testing of its modernized A-50M Mainstay AWACS aircraft for the country's Air Force, a Russian electronics company said Wednesday.
  4. ^ a b Gordon, Yefim, OKB Ilyushin, 2004, London.
  5. ^ Beriev delivered third A-50EI.
  6. ^ a b c "RUSSIA GIVE UPDATE NEW AWACS PLAN", su ainonline.com, 6 novembre 2017, URL consultato il 8 novembre 2017.
  7. ^ "India. Altri Il-76 AEW" - Aeronautica & Difesa" N. 355 - 05/2016 pag. 76
  8. ^ GameFAQs: AirForce Delta Strike (PS2) Aircraft List by Mooha Master GameFQS:AirForceDelta Aircraft List.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Yefim Gordon, Dmitriy Komissarov, Sergey Komissarov, OKB Ilyushin: A History of the Design Bureau and its Aircraft, London, Ian Allan, 2004, ISBN 1-85780-187-3.
  • (EN) David Rendall, Jane's Aircraft Recognition Guide, Glasgow, UK, HarperCollins Publishers, 1995, ISBN 0-00-470980-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti
Cina Cina

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]