Benigno Aquino III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benigno Aquino III
Benigno S. Aquino III shakes hand with Joko Widodo (cropped).jpg

15° Presidente delle Filippine
5º Presidente della Quinta Repubblica
Durata mandato 30 giugno 2010 –
30 giugno 2016
Vice presidente Jejomar Binay
Predecessore Gloria Macapagal-Arroyo
Successore Rodrigo Duterte

Senatore della Repubblica delle Filippine
Durata mandato 30 giugno 2007 –
30 giugno 2010

Membro della Camera dei rappresentanti delle Filippine - secondo distretto di Tarlac
Durata mandato 30 giugno 1998 –
30 giugno 2007
Predecessore Jose Yap
Successore Jose Yap

Dati generali
Partito politico Partito Liberale delle Filippine
Titolo di studio Economia (1981)
Alma mater Università Ateneo de Manila
Firma Firma di Benigno Aquino III

Benigno Simeon "Noynoy" Cojuangco Aquino III (Manila, 8 febbraio 1960) è un politico filippino.

È figlio dell'ex senatore Ninoy Aquino e dell'11º presidente delle Filippine Corazón Aquino. È stato a sua volta il quindicesimo presidente delle Filippine, dal 2010 al 2016.

Membro dell'influente famiglia Aquino, nacque a Manila dove frequentò l'Università Ateneo de Manila, prima di unirsi in esilio con la famiglia negli Stati Uniti nei primi anni ottanta. Nel 1983, dopo l'assassinio del padre, tornò nelle Filippine e lavorò nel settore privato. Nel 1998 fu eletto rappresentante congressuale per il secondo distretto di Tarlac, carica che ricoprì sino al 2007. Nel medesimo anno fu eletto nel Senato delle Filippine.

Già considerato allora uno dei possibili candidati per le presidenziali del 2010,[1] annunciò ufficialmente la sua candidatura il 9 settembre 2009. Eletto sulla scia dell'ondata emotiva causata dalla morte di Corazón Aquino, costruì sugli ambiziosi programmi fiscali e sociali di Gloria Macapagal-Arroyo, portando il paese ad una costante crescita economica nel corso del suo mandato. Tuttavia la sua amministrazione fu pesantemente criticata per l'inabilità nel fermare la corruzione divampante e nel guidare il paese in tempi di crisi, come ad esempio il sequestro dell'autobus a Manila, il tifone Haiyan, la strage di Mamasapano, le uccisioni dei Lumad ed il massacro di Kidapawan.[2]

Il governo Aquino si contraddistinse per il sostegno nei confronti del sistema del pork barrel,[3] ritenuto però incostituzionale e causa di diversi scandali di corruzione, e fu accusato di clientelismo e amicismo.[4][5] Durante il suo mandato, Aquino acquisì infatti una discreta notorietà per la tendenza a circondarsi di collaboratori fidati ma dal discutibile comportamento, in una cerchia di "alleati" definita localmente come KKK.[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Noynoy Aquino è nato l'8 febbraio 1960 dal vice Governatore della regione di Tarlac Benigno Aquino Jr. e da Corazón Aquino. Ha quattro sorelle: Maria Elena ("Ballsy"), Aurora Corazon ("Pinky"), Victoria Eliza ("Viel"), e Kristina Bernadette ("Kris").

Ha frequentato l'Università Ateneo de Manila per tutto il corso dei suoi studi: scuola elementare, media e college. Si è laureato nel 1981 in economia.

Il 28 agosto 1987, diciotto mesi dopo l'affermazione della madre Cory come Presidente, fu gravemente coinvolto in un tentativo di ribellione guidato da Gregorio Honasan. I ribelli tentarono un attacco armato al Palazzo del Malacañang e alla Presidente Aquino, che stava uscendo, sparando colpi di arma da fuoco. Tre delle quattro guardie di sicurezza rimasero uccise e una ferita nel tentativo di proteggere l'unico figlio maschio del Presidente, che tuttavia fu raggiunto da numerosi proiettili, uno dei quali è tuttora ritenuto nel collo.[7] Una simile situazione accadde al padre nel 1983, che rimase però ucciso da alcuni soldati (l'ipotesi non è stata ancora del tutto confermata) mentre scendeva dall'aereo che lo riportava nelle Filippine dopo l'esilio.

Dal 1986 al 1993 è stato vice-presidente della Best Security Agency Corporation, una ditta di proprietà dello zio Anolin Oreta.[8] In seguito è stato assistente esecutivo dell'amministrazione (1993-1996) e poi gestore dei campi di servizio (1996-1998) del Central Azucarera Tarlac.[9]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Noynoy Aquino è uno dei membri di spicco del Partito Liberale delle Filippine, assieme al nipote di Manuel Roxas nonché suo amico Mar Roxas. Dal 2002 al 2004 ricopre la carica di Vice Presidente del Partito Liberale di Luzon; dal 2004 al 2006 ricopre la carica di Segretario Generale, per assumere l'incarico di Vice Presidente del Partito Liberale a partire dal 2006.[10] Noynoy Aquino è stato inoltre membro di una fazione del Partito Liberale che si opponeva al governo dell'allora Presidente Gloria Macapagal-Arroyo, accusandola di presunte violazioni dei diritti umani.[11]

Elezioni del 2010[modifica | modifica wikitesto]

Dopo diverse voci che lo individuavano come possibile candidato alle elezioni presidenziali del 2010, il 9 settembre 2009 e a quaranta giorni dalla morte della madre, Noynoy ha ufficialmente avanzato la propria candidatura[12] durante una conferenza stampa al Club Filipino di Manila, dicendo: "Accetto l'appello della nazione. Accetto anche le istruzioni dei miei genitori. Accetto la responsabilità di continuare la lotta per il Paese".[13] Il 9 giugno 2010 è stato proclamato ufficialmente quindicesimo Presidente della Repubblica delle Filippine dal Parlamento con il 42% delle preferenze, quasi il doppio del suo principale rivale, l'ex Capo dello Stato Joseph Estrada. Il 30 giugno ha assunto l'incarico succedendo a Gloria Arroyo.

Presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 luglio 2015 pronunciò il suo sesto ed ultimo State of the Nation Address, della durata di oltre due ore.[14][15] In quest'ultimo elogiò i propri genitori, il suo gabinetto presidenziale e ciò che riteneva fossero state le sue riforme in campo politico ed economico, ma allo stesso tempo dedicò gran parte del suo discorso ad attaccare l'amministrazione di Gloria Macapagal-Arroyo, ed in parte, seppur indirettamente, il vicepresidente Jejomar Binay e l'ex Presidente Ferdinand Marcos.[16][17] Ciononostante il discorso del Presidente fu discreditato dalle classi più povere e da diversi altri politici, per non aver menzionato i numerosi problemi legati alla corruzione, alla povertà, ai crimini efferati quotidiani, nonché le avversità nei campi del trasporto pubblico, energetico, agrario e giuridico.[18]

Dopo diverse settimane di incertezze, il 31 luglio, al Club Filipino di San Juan (luogo in cui la madre prestò giuramento come 11º Presidente delle Filippine), di fronte a numerosi esponenti del Partito Liberale, pronunciò un discorso in cui pubblicizzava la candidatura del Segretario dell'Interno e degli Enti Locali nonché grande amico Mar Roxas per le elezioni del 2016.[19] Aquino dichiarò di ritenere Roxas come "l'uomo del momento" ed "il più adatto a proseguire le riforme nel governo da lui iniziate".[20] Inizialmente la scelta del Presidente era più indirizzata nei confronti della popolare Senatrice Grace Poe, con la quale organizzò nei mesi precedenti una serie di incontri privati incentrati sulle imminenti elezioni.[21][22] In seguito al suo ultimo SONA, Aquino affermò di voler ugualmente convincere la Poe a candidarsi in qualità di Vicepresidente come membro del Partito Liberale.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

A un anno dal suo insediamento al Malacañang, si moltiplicarono gli articoli critici sul suo operato.

La cerchia dei KKK[modifica | modifica wikitesto]

Sin dai primi anni della sua Presidenza, fu contestata la sua tendenza a circondarsi di collaboratori fidati ma dal discutibile comportamento. Tale cerchia di persone fu definita localmente KKK (acronimo delle parole filippine Kabarilan, Kaklase, Kakampi, ossia "Compagni d'armi, Compagni di classe, Alleati");[23] molti di essi furono coinvolti in casi di corruzione e accusati di arricchirsi alle spese dei cittadini. Nonostante le numerose accuse, questi ultimi furono sempre difesi fermamente da Aquino.[24]

Strage di Mamasapano[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Strage di Mamasapano.

In particolare dopo la Strage di Mamasapano, la sua politica di avvicinamento al Fronte di Liberazione Islamico Moro o MILF fu ritenuta immorale, così come la sua forte promozione della Legge fondamentale sul Bangsamoro (Bangsamoro Basic Law), quest'ultima considerata al di fuori dei limiti costituzionali.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Benigno Aquino III Padre:
Benigno Aquino Jr.
Nonno paterno:
Benigno Aquino Sr.
Bisnonno paterno:
Servillano Aquino
Trisnonno paterno:
Braulio Aquino
Trisnonna paterna:
Petrona Aguilar
Bisnonna paterna:
Guadalupe Quiambao
Trisnonno paterno:
Pablo Quiambao
Trisnonna paterna:
Lorenza Tañedo
Nonna paterna:
Aurora Aquino
Bisnonno materno:
Agapito Aquino
Trisnonno materno:
Milencio Aquino
Trisnonna paterna:
Evarista de los Santos
Bisnonna paterna:
Gerarda Lampa
Trisnonno paterno:
Lorenzo Lampa
Trisnonna paterna:
Gertrudes Miranda
Madre:
Corazón Aquino
Nonno materno:
Jose Cojuangco
Bisnonno materno:
Melecio Cojuangco
Trisnonno materno:
Jose Cojuangco
Trisnonna materna:
Antera Estrella
Bisnonna materna:
Tecla Chichioco
Trisnonno materno:
Juan Chichioco
Trisnonna materna:
Valentina Valenzuela
Nonna materna:
Demetria Sumulong
Bisnonno materno:
Juan Sumulong
Trisnonno materno:
Policarpio Sumulong
Trisnonna materna:
Arcadia Marquez
Bisnonna materna:
Salome Sumulong
Trisnonno materno:
Valentin Sumulong
Trisnonna materna:
Elena Carigma

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze filippine[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine di Lakandula - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Lakandula
Gran Maestro della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro della Legion d'Onore
Gran Maestro dell'Ordine di Sikatuna - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Sikatuna
Gran Maestro dell'Ordine di Gabriela Silang - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Gabriela Silang
Gran Maestro dell'Ordine del Cuore d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Cuore d'Oro
Gran Maestro dell'Ordine di Kalantiao - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Kalantiao

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine di Mubarak il Grande (Kuwait) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Mubarak il Grande (Kuwait)
— 23 marzo 2012[25]
Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Stella di Adipurna (Indonesia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Stella di Adipurna (Indonesia)
— 10 ottobre 2014[26][27]
Collare dell'Ordine pro Merito Melitensi (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine pro Merito Melitensi (SMOM)
— 4 marzo 2015[28]
Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo (Giappone)
— 2 giugno 2015[29][30]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Noynoy poised to run for President --- ABSCBNnews.com
  2. ^ (EN) Rigoberto Tiglao, Aquino the worst President ever: He damaged our institutions, The Manila Times, 25 luglio 2015. URL consultato il 30 giugno 2016.
  3. ^ (EN) Rigoberto Tiglao, Drilon, Abad, Roxas, Aquino – most voracious pork-lovers in our history, The Manila Times. URL consultato il 16 maggio 2016.
  4. ^ (EN) Our wangwang or crony economy, The Standard, 19 marzo 2014. URL consultato il 19 luglio 2016.
  5. ^ (EN) Aquino’s in-your-face cronyism, The Manila Times, 22 gennaio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  6. ^ (EN) Linda Jumilla, Why KKKs haunt Aquino's final SONA, The Manila Times, 7 luglio 2015. URL consultato il 19 luglio 2016.
  7. ^ Noynoy Aquino also rises, Inquirer.net, 21 agosto 2007. URL consultato il 2 settembre 2009.
  8. ^ Why Noynoy Aquino is not married - INQUIRER.net, Philippine News for Filipinos
  9. ^ Benigno Simeon Aquino III - WikiPilipinas: The Hip 'n Free Philippine Encyclopedia
  10. ^ Noynoy Aquino Site, Noynoy.ph. URL consultato il 1º settembre 2009.
  11. ^ Marcos better than Arroyo — Noynoy Aquino, The Daily Tribune, 17 febbraio 2007. URL consultato il 1º settembre 2009.
  12. ^ ‘Noynoy’ Aquino Declares Philippine Presidential Bid, Bloomberg, 9 settembre 2009. URL consultato il 9 settembre 2009.
  13. ^ Filippine: figlio dell'ex presidente Aquino annuncia la propria candidatura, L'Unione Sarda, 9 settembre 2009. URL consultato il 9 settembre 2009.
  14. ^ (EN) Heydarian, Richard, Aquino’s legacy: His final SONA, CNN Philippines, 27 luglio 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  15. ^ (EN) Fausto, Rose Fres, SONA 2015 (So long… farewell… the last one from PNoy), PhilStar, 29 luglio 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  16. ^ (EN) PNOY'S LAST SONA - Aquino lists priority bills, blames GMA again, thanks 'Daang Matuwid' partners, InterAksyon, 27 luglio 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  17. ^ (EN) 2-hour Sona on Aquino gains strewn with swipes at Binay, Inquirer, 27 luglio 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  18. ^ (EN) Viray, Patricia Lourdes, Makabayan bloc blasts Aquino for blame game, PhilStar, 28 luglio 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  19. ^ (EN) Whaley, Floyd, Philippines’ President Endorses Mar Roxas as Successor, The New York Times, 31 luglio 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  20. ^ (EN) de la Cruz, Kathlyn, PNoy endorses Roxas as 2016 presidential bet, ABS-CBN News, 31 luglio 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  21. ^ (EN) Medina, Andrei, Sen. Grace Poe confirms meeting PNoy to discuss possible 2016 candidacies, GMA News, 9 maggio 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  22. ^ (EN) Legaspi, Amita, PNoy meets Grace Poe anew, tells her to be ready, GMA News, 10 giugno 2015. URL consultato il 3 agosto 2015.
  23. ^ (EN) Cabacungan, Gil, House minority firm on inquiry on Aquino’s ‘KKK’ buddies, Philippine Daily Inquirer, 10 giugno 2011. URL consultato il 9 luglio 2015.
  24. ^ (EN) Sabillo, Kristine, Aquino defends allies anew, accuses Napoles of stalling, Philippine Daily Inquirer, 27 maggio 2015. URL consultato il 9 luglio 2015.
  25. ^ Comunicato
  26. ^ Articolo
  27. ^ Comunicato
  28. ^ Dal sito web del Sovrano Militare Ordine di Malta.
  29. ^ Elenco dei filippini insigniti di onorificenze giapponesi e dei giapponesi insigniti di onorificenze filippine.
  30. ^ Comunicato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente delle Filippine Successore Coat of arms of the Philippines.svg
Gloria Macapagal-Arroyo 30 giugno 2010 - 30 giugno 2016 Rodrigo Duterte
Controllo di autorità VIAF: (EN172378101 · LCCN: (ENn2011047840 · ISNI: (EN0000 0001 2256 6927 · NLA: (EN49861297