Banca Popolare di Spoleto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banca Popolare di Spoleto S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Forma societaria Società per azioni
Borse valori Borsa Italiana: SPO
Fondazione 28 aprile 1895
Sede principale Spoleto
Gruppo Banco Desio
Settore Finanziario
Prodotti Servizi Bancari
Sito web

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. è un istituto di credito italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stata costituita il 28 aprile 1895 con il nome di Banca Popolare Società Cooperativa. Dal 1996 è quotata alla Borsa di Milano nel segmento Standard Classe 1 (Borsa Italiana: SPO )

L'8 febbraio 2013, dopo un'ispezione disposta dalla Banca d'Italia, il Ministro dell'economia, ha decretato la collocazione dell'istituto di credito in amministrazione straordinaria[1]. Con proprio provvedimento, la Banca d'Italia ha nominato tre commissari straordinari (Giovanni Boccolini, Gianluca Brancadoro e Nicola Stabile) e tre componenti del comitato di sorveglianza (Silvano Corbella, Giovanni Domenichini e Giuliana Scognamiglio).[2]

Il 31 luglio 2014 cessa il commissariamento [3] e poco dopo l'istituto umbro entra in Banco Desio.

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

L'azionariato comunicato alla Consob è il seguente[4]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Popolare di Spoleto commissariata da Bankitalia, la Repubblica, 12 febbraio 2013. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  2. ^ Comunicato stampa - Banca Popolare di Spoleto Spa in amministrazione straordinaria (PDF), Banca Popolare di Scoleto, 12 febbraio 2013. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  3. ^ Comunicato stampa - cessazione commissariamento (PDF), Banca Popolare di Spoleto, 31 luglio 2014. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  4. ^ Le percentuali di azionariato derivano da quanto comunicato dagli azionisti, secondo quanto previsto dall'articolo 120 del TUF. Parti minori dell'azionariato possono essere indicate direttamente dalla società attraverso altre fonti.
  5. ^ a b Secondo l'azionariato indicato sul sito ufficiale del gruppo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale