Břeclav

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Břeclav
comune
Břeclav – Stemma
Břeclav – Bandiera
Břeclav – Veduta
Břeclav – Veduta
Castello cittadino
Localizzazione
StatoRep. Ceca Rep. Ceca
RegioneFlag of South Moravian Region.svg Moravia Meridionale
DistrettoBřeclav
Territorio
Coordinate48°46′N 16°52′E / 48.766667°N 16.866667°E48.766667; 16.866667 (Břeclav)
Altitudine155 m s.l.m.
Superficie87,2 km²
Abitanti25 789 (2003)
Densità295,75 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale690 02
Fuso orarioUTC+1
Codice ČSÚCZ584291
TargaB
Cartografia
Mappa di localizzazione: Repubblica Ceca
Břeclav
Břeclav
Sito istituzionale

Břeclav (in tedesco Lundenburg) è una città della Repubblica Ceca, posta a sud-est di Brno. Fa parte della regione storica della Slovacchia morava. Si trova presso il confine con l'Austria, adagiata sul fiume Dyje. La più vicina città sul territorio austriaco è Hohenau an der March.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Břeclav si trova 55 km a sud-est di Brno, a ridosso del confine con la Bassa Austria situato sul fiume Thaya. La città austriaca più vicina è Bernhardsthal. Břeclav si trova 10 km a nord-ovest del confine slovacco a Kúty e 100 km a nord della capitale austriaca Vienna.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Břeclav si trova in una valle fluviale assai pianeggiante, oltre che nella parte più calda della Moravia e di tutta la Repubblica Ceca.[1] Nell'angolo meridionale dei dintorni della città sorge una fitta foresta ripariale, composta da alberi a foglie larghe è che termina nella parte più meridionale della Moravia, dove si trova la confluenza dei fiumi Thaya e Morava. La temperatura media annuale è di 10,7 °C, con una temperatura media nel mese di luglio che raggiunge i 21,3 °C e una temperatura media a gennaio che scende a -0,4 °C. Il clima locale appare caldo, con una stagione invernale fresca, secca e breve che inizia nelle prime settimane di dicembre e termina nella seconda metà di febbraio. La primavera, dalle temperature miti e prevalentemente soleggiata, arriva alla fine di febbraio e continua fino a maggio, quando inizia l'estate più umida e moderatamente afosa, sostituita da un autunno più secco e fresco alla fine di settembre.[2]

Břeclav[2] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 2,54,99,915,920,224,026,025,720,514,78,93,63,715,325,214,714,7
T. mediaC) −0,41,15,311,015,619,521,321,016,110,86,00,90,510,620,611,010,7
T. min. mediaC) −3,4−2,40,65,510,514,216,316,011,77,20,00,0−1,95,515,56,36,4
Precipitazioni (mm) 383644487179887070464844118163237164682
Giorni di pioggia 6676889776771921242084
Umidità relativa media (%) 80767164646362636876818279,366,362,77570,8
Eliofania assoluta (ore al giorno) 3,54,86,59,510,511,912,011,18,25,33,73,33,98,811,75,77,5

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pohansko[modifica | modifica wikitesto]

Nell'area della città sono state scoperte diverse località abitate sin dalla preistoria. Di queste località, la più importante era noto con il nome di Pohansko (che significa "luogo pagano"), a sud-est dell'attuale insediamento. Il sito assunse un ruolo di spessore come gord ai tempi della Grande Moravia, venendo infine abbandonato nel X secolo. Oggi c'è un sito archeologico che espone i reperti locali.[3]

Castello di Břeclav[modifica | modifica wikitesto]

Nell'XI secolo, il duca Bretislao I di Boemia fondò un castello lungo il confine che prese il suo nome (in ceco Břetislav → Břeclav).[4] La fortificazione difensiva operò come uno dei centri amministrativi ducali nella Moravia medievale, trasformandosi poi in una residenza nobiliare. La famiglia degli Zierotin lo ricostruì in stile rinascimentale e lo preservò per diverso tempo.[5] Nel 1638, il casato di Liechtenstein ne acquisì il possesso, ma la famiglia non vi risiedette e, all'inizio del XIX secolo, ricostruì delle rovine artificiali come parte del paesaggio culturale di Lednice-Valtice.[5]

Età moderna e contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Il fiume Thaya all'altezza di Břeclav

In origine, sorgeva una città mercato vicino al castello, andata distrutta nel XV secolo e poi rifondata più vicino al castello (situato nell'area dell'odierno centro cittadino); il punto originale andò chiamato da allora Břeclav Vecchia (Stará Břeclav). Sia la (nuova) città mercato che il villaggio di Břeclav Vecchia furono gravemente danneggiati nelle battaglie del XVII secolo.[6]

L'apertura di una ferrovia verso Vienna e Brno nel 1839, così come le successive estensioni, rappresentarono un evento importante, soprattutto per l'industrializzazione e per la crescita demografica. Dai 2.952 abitanti (del nuovo e vecchio insediamento) nel 1834 si giunse ai 13.689 nel 1930. Anche per questo, Břeclav ottenne lo status di città (1872), diventando la sede del distretto giudiziario (1850) e politico (1949).[6] Nel 1919 si fusero tre comuni originari (Břeclav, Břeclav Vecchia e il Comune ebraico di Břeclav);[7] nel 1974, si unirono altri due settori, ovvero Poštorná e Charvátská Nová Ves (entrambi fecero parte della Bassa Austria fino al 1920). Nel 1938-1945 Břeclav confluì nella Germania nazista, anche se la popolazione della città era prevalentemente di lingua ceca. Gli ebrei locali (4,3% nel 1930) e i tedeschi (11,6%) furono espulsi sia durante che dopo la seconda guerra mondiale.[7]

Società e amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Censimento Popolazione totale Popolazione per madrelingua
Anno Tedeschi Cechi Altri
1793 2063 -
1836 2952
1869 4597 -
1880 6954 3449 3142 363
1890 8203 3053 4759 391
1900 9136 3462 5272 402
1910 11380 4994 6123 263
1921 12500 2028 9534 482
1930 13689 1582 11220 887
1939 11237

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Břeclav è gemellata con:[8]

Traffico[modifica | modifica wikitesto]

Břeclav è un importante centro di scambio nella rete ferroviaria. È posizionata all'incrocio delle linee Brno - Praga, Ostrava - Cracovia/Katowice (Polonia), Kúty - Bratislava (Slovacchia) e Hohenau - Vienna (Austria).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Climate in Břeclav (South Moravian Region), Czech Republic, su weather-and-climate.com. URL consultato il 4 novembre 2021.
  2. ^ a b (EN) Climate: Břeclav, su en.climate-data.org. URL consultato il 4 novembre 2021.
  3. ^ (EN) Nora Berend, Christianization and the Rise of Christian Monarchy: Scandinavia, Central Europe and Rus' c.900–1200, Cambridge University Press, 2007, p. 224, ISBN 978-11-39-46836-7.
  4. ^ (EN) Jaroslav Pánek e Oldřich Tůma, A History of the Czech Lands, Charles University in Prague, Karolinum Press, 2019, p. 29, ISBN 978-80-24-62227-9.
  5. ^ a b (EN) Břeclav Chateau, su valtice1100.cz. URL consultato il 4 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2021).
  6. ^ a b (EN) The Town of Břeclav, su south-moravia.com. URL consultato il 4 novembre 2021.
  7. ^ a b (EN) Breclav, su jewishgen.org. URL consultato il 4 novembre 2021.
  8. ^ (CS) Partnerská města, město Břeclav, su Město Břeclav. URL consultato il 4 novembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN131364256 · LCCN (ENn81144323 · GND (DE4074388-3 · J9U (ENHE987007566822005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n81144323
  Portale Repubblica Ceca: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Repubblica Ceca