Arcidiocesi di Indianapolis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arcidiocesi di Indianapolis
Archidioecesis Indianapolitana
Chiesa latina
Saints Peter & Paul Cathedral Indianapolis.jpg
Regione ecclesiastica VII (IL, IN, WI)
Stemma della diocesi Mappa della diocesi
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Diocesi suffraganee
Evansville, Fort Wayne-South Bend, Gary, Lafayette in Indiana
Arcivescovo metropolita Charles Coleman Thompson
Sacerdoti 225 di cui 137 secolari e 88 regolari
1.099 battezzati per sacerdote
Religiosi 134 uomini, 516 donne
Diaconi 45 permanenti
Abitanti 2.609.282
Battezzati 247.433 (9,5% del totale)
Superficie 35.780 km² negli Stati Uniti d'America
Parrocchie 134
Erezione 6 maggio 1834
Rito romano
Cattedrale Santi Pietro e Paolo
Indirizzo P.O. Box 1410, 1400 N. Meridian St., Indianapolis, IN 46206-1410
Sito web www.archindy.org
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc?)
Chiesa cattolica negli Stati Uniti d'America
L'arciabbazia di Saint Meinrad, fondata da monaci dell'abbazia di Einsiedeln nel 1854, oggi è sede del seminario e della scuola teologica arcivescovile.

L'arcidiocesi di Indianapolis (in latino: Archidioecesis Indianapolitana) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica negli Stati Uniti d'America appartenente alla regione ecclesiastica VII (IL, IN, WI). Nel 2016 contava 247.433 battezzati su 2.609.282 abitanti. È retta dall'arcivescovo Charles Coleman Thompson.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende trentanove contee dell'Indiana, negli Stati Uniti d'America: Bartholomew, Brown, Clark, Crawford, Dearborn, Decatur, Fayette, Floyd, Franklin, Hancock, Harrison, Hendricks, Henry, Jackson, Jefferson, Jennings, Johnson, Lawrence, Marion, Monroe, Morgan, Ohio, Orange, Owen, Parke, Perry, Putnam, Ripley · Rush, Scott, Shelby, Spencer, Switzerland, Union, Vermillion, Vigo, Washington e Wayne.

Sede arcivescovile è la città di Indianapolis, dove si trova la cattedrale dei Santi Pietro e Paolo (Cathedral of the Saints Peter and Paul).

Il territorio si estende su 35.780 km² ed è suddiviso in 134 parrocchie, raggruppate in undici decanati: Indianapolis Nord, Indianapolis Sud, Indianapolis Ovest, Indianapolis Est, Batesville, Bloomington, Connersville, New Albany, Seymour, Tell City e Terre Haute.

Provincia ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

La provincia ecclesiastica di Indianapolis, istituita nel 1944, comprende le diocesi dello Stato dell'Indiana:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Vincennes fu eretta il 6 maggio 1834 con il breve Maximas inter di papa Gregorio XVI, ricavandone il territorio dalla diocesi di Bardstown (oggi arcidiocesi di Louisville). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Baltimora e si estendeva su tutto l'Indiana e sulla parte orientale dell'Illinois. I primi quattro vescovi di Vincennes, fino al 1877, furono francesi. Oggi Vincennes, dove sorge la prima cattedrale dedicata a san Francesco Saverio, si trova nella diocesi di Evansville.

Al secondo vescovo di Vincennes fu permesso, con un decreto apostolico, di stabilire la residenza episcopale a Vincennes, Madison, Lafayette o a Indianapolis. Vincennes restò comunque sede della diocesi. Questo permesso, con l'esclusione di Lafayette, fu rinnovato fino al quarto vescovo.

Il 28 novembre 1843 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Chicago (oggi arcidiocesi).

Il 19 luglio 1850 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Cincinnati.

L'8 gennaio 1857 cedette un'altra porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Fort Wayne (oggi diocesi di Fort Wayne-South Bend).

Dopo il 1878 Francis Silas Chatard, quinto vescovo di Vincennes, iniziò a vivere a Indianapolis, la città più grande dell'Indiana. Il 28 marzo 1898 la sede vescovile fu trasferita ad Indianapolis e la diocesi assunse il nome di diocesi di Indianapolis.[1]

Il 21 ottobre 1944 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Evansville e nel contempo è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Ad christianae plebis di papa Pio XII.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2016 su una popolazione di 2.609.282 persone contava 247.433 battezzati, corrispondenti al 9,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 125.000 1.505.527 8,3 398 229 169 314 223 2.370 151
1966 203.465 1.783.562 11,4 458 268 190 444 335 2.544 164
1970 207.967 1.783.562 11,7 455 271 184 457 294 2.583 145
1976 202.965 2.022.366 10,0 247 247 821 159 1.620 144
1980 202.087 2.078.000 9,7 392 220 172 515 317 1.913 142
1990 202.695 2.312.200 8,8 300 179 121 675 216 806 159
1999 217.886 2.201.503 9,9 280 167 113 778 58 784 138
2000 220.302 2.359.104 9,3 267 162 105 825 173 776 138
2001 227.501 2.422.103 9,4 176 157 19 1.292 170 764 139
2002 233.171 2.430.666 9,6 259 157 102 900 163 731 139
2003 229.482 2.430.666 9,4 269 163 106 853 158 725 139
2004 230.938 2.430.606 9,5 272 159 113 849 166 757 139
2006 236.000 2.477.000 9,5 261 156 105 904 1 144 700 139
2010 244.000 2.573.000 9,5 245 154 91 995 129 658 151
2013 249.500 2.640.000 9,5 234 140 94 1.066 30 165 578 139
2016 247.433 2.609.282 9,5 225 137 88 1.099 45 134 516 134

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Breve Ecclesiarum omnium, in Le canoniste contemporain, 23º anno, Parigi 1900, pp. 98-99.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi