Joseph William Tobin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph William Tobin, C.SS.R.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Tobin.JPG
Mons. Tobin durante una visita a Varsavia il 26 ottobre 2007
Coat of arms of Joseph William Tobin.svg
Gaudete in Domino
Titolo Cardinale presbitero di Santa Maria delle Grazie al Trionfale
Incarichi attuali Arcivescovo metropolita di Newark
Superiore ecclesiastico di Turks e Caicos
Incarichi ricoperti Superiore generale della Congregazione del Santissimo Redentore
Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica
Arcivescovo metropolita di Indianapolis
Nato 3 maggio 1952 (64 anni) a Detroit
Ordinato diacono 30 aprile 1978
Ordinato presbitero 1º giugno 1978
Nominato arcivescovo 2 agosto 2010 da papa Benedetto XVI
Consacrato arcivescovo 9 ottobre 2010 dal cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B.
Creato cardinale 19 novembre 2016 da papa Francesco

Joseph William Tobin (Detroit, 3 maggio 1952) è un cardinale e arcivescovo cattolico statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joseph William Tobin è nato a Detroit, Michigan, il 3 maggio 1952, primo dei tredici figli di Joseph W. Tobin e Marie Terese Kerwin. È stato battezzato cinque giorni dopo la sua nascita nella storica chiesa del Santissimo Redentore, fondata e amministrata dalla Congregazione del Santissimo Redentore. In seguito ha frequentato la scuola parrocchiale.[1]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Mentre si preparava per il diploma, si è sentito chiamato a servire come prete cattolico; i redentoristi lo hanno poi accettato come candidato. Ha frequentato il St. Joseph's Preparatory College di Edgerton, Wisconsin, il seminario minore della congregazione. Dopo il diploma, nel 1970, è stato ricevuto nel noviziato della Congregazione per iniziare la sua formazione come membro. Ha fatto la professione temporanea dei voti religiosi il 5 agosto 1972 e la professione perpetua il 21 agosto 1976.[1]

Nel 1975 ha ottenuto un diploma di laurea in filosofia presso l'Holy Redeemer College a Waterford, Wisconsin, dopo di che è stato mandato a studiare al Mount St. Alphonsus Seminary di Esopus, New York, dove ha ottenuto un master in educazione religiosa (1977) e un Master of Divinity in teologia pastorale (1979).[1]

Tobin è stato ordinato sacerdote il 1° giugno 1978. L'anno successivo, è tornato a casa in quanto è stato nominato vicario parrocchiale della parrocchia del Santissimo Redentore di Detroit. In seguito è stato nominato parroco, rimanendo in carica dal 1984 al 1990. Ha servito come vicario episcopale per l'arcidiocesi di Detroit dal 1980 al 1986 e offerto la sua collaborazione al locale tribunale diocesano. Dal 1990 al 1991 ha prestato servizio come parroco della parrocchia di Sant'Alfonso a Chicago

Tobin è stato eletto consultore generale dei Padri Redentoristi nel 1991 e il 9 settembre 1997 è stato eletto Superiore generale, venendo poi confermato per un altro mandato il 26 settembre 2003. Nello stesso anno è diventato vicepresidente dell'Unione dei Superiori Generali. È stato anche membro del Consiglio per le relazioni tra la Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica e l'Unione Internazionale delle Superiore Generali dal 2001 al 2009. Ha trascorso i primi mesi del 2010 come anno sabbatico presso la Blackfriars Hall, di Oxford con i Fratelli de La Salle. Ha perseguito il suo interesse per l'aumento della secolarizzazione e della cultura laica, frequentando i seminari del sociologo della religione e antropologo Peter Clarke, studiando all'Istituto di Las Casas e prendendo lezioni al Blackfriars.

Tobin parla inglese, spagnolo, francese, italiano e portoghese.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 agosto 2010 è stato nominato segretario della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica (CIVCSVA) [2][3] e arcivescovo titolare di Obba. Tobin è stato il secondo religioso degli Stati Uniti a ricoprire l'incarico.[4] Ha ricevuto la consacrazione episcopale a Roma il 9 ottobre 2010 dal cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato di Sua Santità, coconsacranti i cardinali Agostino Vallini, vicario generale di Sua Santità per la diocesi di Roma, e Franc Rodé, prefetto del dicastero. Tobin aveva saputo della nomina due settimane prima dell'annuncio formale. Egli ha ricordato: "Dipingevo la casa di mia madre in Ontario quando il telefono squillò. La voce all'altro capo ha detto di essere il cardinale Bertone e il mio primo pensiero fu che si trattava di uno scherzo... sai, ho pensato che forse era uno dei confratelli a scherzare. Rapidamente, però, mi sono reso conto che in realtà era Bertone e lui disse che il Santo Padre voleva che facessi questo. La mia prima reazione fu di dargli i nomi di cinque persone molto più qualificate di me per fare questo lavoro. Ma era completamente serio. Il cardinale disse di no, questo è ciò che il Santo Padre vuole. Mi disse che potevo prendere una settimana o dieci giorni di tempo per pensarci, così ho parlato con i miei superiori, i miei amici più cari nella vita religiosa e il mio direttore spirituale".[5]

Tobin ha detto che "la [sua] speranza è che il rapporto del Vaticano con le chiese locali può essere una sorta di tensione creativa. Penso che la vita senza tensioni sarebbe molto noiosa e inutile. Non possiamo camminare, non possiamo parlare, non possiamo cantare senza tensioni. È necessario disporre di tensione nelle corde vocali e nella schiena, per non parlare di una chitarra. Tuttavia, la tensione può essere distruttiva. La sfida è quella di riconoscere la diversità dei doni e la pluralità delle Chiese e quello dello spirito che ci unisce. E penso che è l'avventura di una vita."[6]

Quando è arrivato nel dicastero, era già in corso una visita di ispezione critica ai ministeri e organizzazioni di 341 istituti religiosi femminili negli Stati Uniti.[7] La Congregazione per la dottrina della fede stava conducendo una valutazione dottrinale della Leadership Conference of Women Religious (LCWR), focalizzata sull'ortodossia teologica.[8] Nel dicembre 2010 Tobin ha detto che Roma aveva bisogno di riconoscere la "profondità di rabbia e dolore" provocata da una visita, affermando che ha illustrato la necessità di una "strategia di riconciliazione" con le donne religiose.[9] La CDF ha pubblicato la sua relazione sulla LCWR nel mese di aprile del 2012, e Tobin è stato riferito essere infelice sia per il suo contenuto che per la mancata consultazione con lui prima del rilascio.[10][11] Nel mese di agosto ha criticato pubblicamente il modo in cui il suo predecessore aveva predisposto la visita apostolica - evento separato dalle indagini della CDF sulla LCWR - affermando: "Credo che una visita debba avere un aspetto dialogico, ma il modo in cui questa è stata strutturata all'inizio non ha veramente favorito questo".[12]

Il 18 ottobre 2012 papa Benedetto XVI ha riassegnato Tobin a capo dell'arcidiocesi di Indianapolis, una comunità cattolica di circa 246 000 persone.[10] Ha preso possesso il 3 dicembre successivo.[13] Era diffusa la voce che vedeva come motivo della sua riassegnazione l'aver fatto conoscere la sua infelicità verso Congregazione per la dottrina della fede sulla relazione molto critica circa la LCWR negli Stati Uniti.[10]

Nel mese di giugno 2014, Tobin ha avvertito che la polarizzazione ideologica della vita politica americana "aiuta a contribuire alla balcanizzazione dei cattolici americani in cosiddette ala destra e sinistra, o fazioni progressista e tradizionalista, che si puntano il dito l'una contro l'altra". Parlando ad una riunione del College Theology Society ha detto: "A mio parere, chi punta il dito fa un grande danno alla vita religiosa perché ci rende difensivi" e "ci sentiamo costantemente costretti a difenderci da altre parti della Chiesa."[14]

Il 9 ottobre 2016 papa Francesco ne annuncia la sua creazione a cardinale nel concistoro del 19 novembre.[15]

Il 7 novembre, lo stesso pontefice lo ha nominato arcivescovo di Newark ed ex officio superiore ecclesiastico di Turks e Caicos. La sua installazione è prevista per il 6 gennaio 2017.[16][17][18]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c About Archbishop Joseph W. Tobin, C.Ss.R., su Archdiocese of Indianapolis.
  2. ^ Robert Delaney, Archbishop-designate Joseph Tobin, tapped for a high Vatican post, says 'I carry southwest Detroit in my Heart', in Michigan Catholic, 16 agosto 2010. URL consultato il 7 aprile 2013.
  3. ^ Joe Kohn, Abp. Tobin visits Redeemer, in Michigan Catholic, 2 dicembre 2010. URL consultato il 7 novembre 2016.
  4. ^ Dal 1969 al 1971 fu segretario padre Edward Louis Heston.
  5. ^ John L. Allen, Jr., Q&A with Fr. Joseph Tobin, in National Catholic Reporter, 6 agosto 2010. URL consultato il 9 aprile 2013.
  6. ^ Anna Arco, ‘Life without tension would be boring’, in Catholic Herald, 2 settembre 2010. URL consultato il 9 aprile 2013.
  7. ^ Laurie Goodstein, U.S. Nuns Facing Vatican Scrutiny, in New York Times, 1º luglio 2009. URL consultato il 10 aprile 2013.
  8. ^ Women religious leadership conference faces investigation for continued ‘problems’, in Catholic News Agency, 18 aprile 2009. URL consultato il 10 aprile 2013.
  9. ^ John L. Allen, Jr., Vatican must hear 'anger and hurt' of American nuns, official says, in National Catholic Reporter, 7 dicembre 2010. URL consultato il 7 aprile 2013.
  10. ^ a b c Gerard O'Connell, Pope appoints archbishop Joe Tobin as head of Indianapolis archdiocese, Vatican Insider, 16 ottobre 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  11. ^ Joshua J. McElwee, Pope appoints Franciscan to religious congregation, in National Catholic Reporter, 6 aprile 2013. URL consultato il 7 aprile 2013.
  12. ^ Hilary White, Animosity between 'progressive' U.S. nuns and Rome the Vatican’s fault: top Vatican official, in LifeSiteNews, 22 agosto 2011. URL consultato il 7 aprile 2013.
  13. ^ Robert King, Spread the good word, urges new Archbishop of Indianapolis Joseph W. Tobin, The Indianapolis Star, 3 dicembre 2012. URL consultato il 4 dicembre 2012.
  14. ^ Joshua J. McElwee, Archbishop warns of 'balkanization' in US church, in National Catholic Reporter, 2 giugno 2014. URL consultato il 17 novembre 2015.
  15. ^ Lydia O'Kane, Pope announces 17 new Cardinals in consistory, in Vatican Radio, 9 ottobre 2016. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  16. ^ Laurie Goodstein, Pope Francis Names Joseph Tobin to Lead Archdiocese of Newark, in The New York Times, 7 novembre 2016, ISSN 0362-4331. URL consultato il 7 novembre 2016.
  17. ^ Joshua J. McElwee, Francis appoints Indianapolis' Tobin as archbishop of Newark, first cardinal in archdiocese's history, in National Catholic Reporter, 7 novembre 2016. URL consultato il 7 novembre 2016.
  18. ^ Mueller, Mark, "Who is Newark's new cardinal? An introduction to Joe Tobin", NJ Advance Media for NJ.com, November 07, 2016. Retrieved 2016-11-07.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Superiore generale della Congregazione del Santissimo Redentore Successore Oblatas-del-santisimo-reden.jpg
Juan Manuel Lasso de la Vega y Miranda, C.SS.R. 9 settembre 1997 - 4 novembre 2009 Michael Brehl, C.SS.R.
Predecessore Vescovo titolare di Obba
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Gustavo Rodriguez Vega 2 agosto 2010 - 18 ottobre 2012 Rafał Markowski
Predecessore Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica Successore Emblem Holy See.svg
Gianfranco Agostino Gardin, O.F.M.Conv. 2 agosto 2010 - 18 ottobre 2012 José Rodríguez Carballo, O.F.M.
Predecessore Arcivescovo metropolita di Indianapolis Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Daniel Mark Buechlein, O.S.B. 18 ottobre 2012 - 7 novembre 2016 sede vacante
Predecessore Arcivescovo metropolita di Newark Successore ArchbishopPallium PioM.svg
John Joseph Myers dal 7 novembre 2016 in carica
Predecessore Superiore ecclesiastico di Turks e Caicos Successore Priest.png
John Joseph Myers dal 7 novembre 2016 in carica
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria delle Grazie a Via Trionfale Successore CardinalCoA PioM.svg
Silvano Piovanelli dal 19 novembre 2016 in carica
Controllo di autorità VIAF: (EN297864098 · GND: (DE1033139394
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie