Antonio Patuelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Patuelli
Antonio Patuelli.jpg

Presidente dell'ABI
In carica
Inizio mandato 31 gennaio 2013
Predecessore Giuseppe Mussari
Successore in carica

Presidente della Cassa di Risparmio di Ravenna
In carica
Inizio mandato 4 aprile 1995
Predecessore Sergio Bandini
Successore in carica

Sottosegretario di Stato del Ministero della Difesa
Durata mandato 7 maggio 1993 –
9 maggio 1994
Presidente Carlo Azeglio Ciampi
Predecessore Dino Madaudo
Successore Mauro Polli

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX, XI
Gruppo
parlamentare
Partito Liberale
Circoscrizione Emilia-Romagna
Collegio Bologna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Liberale Italiano
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione imprenditore, manager, giornalista

Antonio Patuelli (Bologna, 10 febbraio 1951) è un imprenditore, politico e giornalista italiano, attuale presidente dell'Associazione Bancaria Italiana (ABI) e della Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A., capogruppo dell'omonimo gruppo bancario.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Bologna il 10 febbraio 1951. Il padre, titolare di un'impresa agricola nelle campagne ravennati, insegna Economia agraria alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bologna. Anche Antonio decide di studiare legge, ma in un'altra università. Nel 1975 si laurea in Giurisprudenza all'Università di Firenze con il massimo dei voti.

Inizia l'attività professionale come giornalista, partecipando fra l'altro ad alcune edizioni della trasmissione televisiva Tribuna elettorale: nel 1976, anno di elezioni politiche anticipate, ha occasione di misurarsi con alcuni leader politici dell'epoca, come Giorgio Almirante ed Enrico Berlinguer.

Entrato nel mondo bancario, ha impresso un forte sviluppo alla Cassa di Risparmio di Ravenna.

È titolare dell'Azienda Agricola di famiglia. Dal 1982 è sposato ed ha una figlia, Alessia.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976 vinse il congresso della "Gioventù Liberale"[1]. Eletto nel 1983 Deputato alla Camera per il PLI in Emilia-Romagna fino al 1987[2]. Nel 1984 è vice segretario del PLI[3]. Rieletto alla Camera nel 1992, è rimasto fino alla scadenza nel 1994. Ha fatto parte delle Commissioni parlamentari: Istruzione e belle arti; Agricoltura e foreste; Bilancio e tesoro, Bicamerale per le Riforme Istituzionali (di cui ha presieduto il Comitato per le Garanzie Costituzionali). Inoltre ha presenziato nel Comitato per la Riforma delle Casse di Risparmio e nella Giunta per il Regolamento. Nel 1991 diviene vicesegretario vicario del Partito liberale italiano guidato da Renato Altissimo[4] fino al 1993.

Patuelli è stato nominato sottosegretario di Stato per la Difesa nel Governo Ciampi (dal 7 maggio 1993 al 9 maggio 1994).

Mondo bancario[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 viene designato vice presidente della Cassa di risparmio di Ravenna e nel 1995 presidente. Vicepresidente dell'Associazione delle Fondazioni e di Casse di Risparmio (ACRI) fino al febbraio 2013, di cui ha presieduto la componente bancaria; Dal 2001 fa parte del Consiglio e del Comitato di Gestione del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi; è Vice Presidente di CartaSi.

ABI

La sua carriera nell'Associazione Bancaria Italiana comincia nel 1998, quando entra nel Consiglio e nel Comitato Esecutivo. È stato il Vicepresidente nei bienni 2002-2004 e 2006-2008 e Vicepresidente Vicario nel biennio 2010-2012[5].

Il 22 gennaio 2013 il presidente dell'ABI Giuseppe Mussari si dimette, travolto dallo scandalo dei derivati nel Monte dei Paschi di Siena. Il 28 gennaio il comitato di presidenza propone all'unanimità come suo successore Antonio Patuelli.

In maggio viene rieletto, per acclamazione, presidente della Cassa di Risparmio di Ravenna.

Incarichi accademici[modifica | modifica wikitesto]

Attività editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Studioso del Risorgimento italiano, Antonio Patuelli è editore di una rivista storica: Libro Aperto. Nel 1993 ha pubblicato il volume "I Liberali. Da Cavour a Malagodi".

Patuelli è anche editorialista del Quotidiano Nazionale[6].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

La sezione AVIS di Riolo Terme (RA) gli ha consegnato il Premio nazionale “U n' và a zezz 2013".

Il 29 settembre 2017 ha ricevuto il premio "Romagnolo dell'anno" del Rotary e-club "Romagna" dalle mani del presidente Paolo Gambi, motivato «dal suo evidente impegno sia economico che culturale sul territorio, e dalle sue responsabilità e successi sul piano nazionale»[7][8].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 29 maggio 2009[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il ritorno di Patuelli, sdoganato sull'Arno
  2. ^ Antonio Patuelli: IX Legislatura della Repubblica italiana, su Camera dei Deputati - Portale storico. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  3. ^ Battistuzzi e Patuelli vice di Zanone, su la Repubblica, 4 maggio 1984. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  4. ^ Patrimoniale: Patuelli (PLI), su Adnkronos, 25 giugno 1991. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  5. ^ Antonio Patuelli è stato eletto vicepresidente vicario dell'Abi, su Il Resto del Carlino, 15 luglio 2010. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  6. ^ Crisi economica: confronto tra Enrico Cisnetto e Antonio Patuelli, su Ravennanotizie.it, 19 marzo 2009. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  7. ^ La prima edizione del premio rotariano "Romagnolo dell'anno" va ad Antonio Patuelli, su Ravennanotizie.it, 26 settembre 2017. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  8. ^ "Romagnolo dell'anno": ad Antonio Patuelli il premio del Rotary, su Ravenna24ore.it, 30 settembre 2017. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  9. ^ Patuelli Antonio, su Presidenza della Repubblica - Le onorificenze della Repubblica - Dettaglio decorato. URL consultato il 2 ottobre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Patuelli, su Senato della Repubblica. XI Legislatura (1992-1994). URL consultato il 2 ottobre 2017.
Controllo di autoritàVIAF: (EN24705820 · ISNI: (EN0000 0000 4854 1325 · LCCN: (ENnr93030485 · BNF: (FRcb12496890f (data) · BAV: ADV10307658