Antonio I da Montefeltro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio I da Montefeltro

Antonio I da Montefeltro (Urbino, ... – Urbino, 1184 circa) è stato un condottiero italiano.

Stemma della famiglia Da Montefeltro

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era probabilmente figlio di Oddantonio I da Montefeltro.[1]

Nel 1155 venne eletto vicario imperiale di Urbino dall'imperatore Federico I Barbarossa.[1] Dalla divisione dei beni paterni con gli altri due fratelli Guido e Galeazzo, egli ricevette Montecopiolo[1], al quale aggiunse San Leo.[1] Probabilmente divenne signore del Montefeltro grazie ai privilegi imperiali.[1]

È considerato il fondatore della dinastia dei Da Montefeltro, duchi di Urbino.[1]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Antonio ebbe tre figli:[1]

La leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Con il nome di Antonio I da Montefeltro viene indicato un personaggio leggendario del quale la storiografia ufficiale non ha mai provato l'effettiva esistenza.[senza fonte]

Compare per la prima volta solo in alcune genealogie scritte negli anni in cui vissero il conte Antonio II da Montefeltro e suo figlio Guidantonio. L'intento degli estensori di queste genealogie è chiaro: elogiare la figura dei loro signori creando il mito di un avo omonimo capostipite della casata.

Infatti prima del conte Antonio II non compare alcun Antonio tra i Montefeltro documentati, segno evidente che non era un nome della casata. Ma dopo questo Antonio, per tutto il XV secolo gli Antonio saranno almeno due, e vi saranno un Guidantonio ed un Oddantonio.

Tutto ciò dovrebbe portare alla eliminazione del fantomatico Antonio quale capostipite della casata, ma ancora oggi la leggenda chiaramente falsa viene perpetuata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Litta, Tav. 1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Conti di Montefeltro, Duchi di Urbino, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]