Annibale De Gasparis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Annibale De Gasparis (Bugnara, 9 novembre 1819Napoli, 21 marzo 1892) è stato un astronomo e matematico italiano, direttore dell'Osservatorio Astronomico di Capodimonte.

Annibale De Gasparis
Ritratto di Annibale de Gasparis.jpg
Annibale De Gasparis

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 20 gennaio 1861 –
21 marzo 1892
Legislature dalla I (nomina 20 gennaio 1861)
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea ad honorem
Università Università Degli Studi di Napoli
Professione Astronomo, Professore universitario
Firma Firma di Annibale De Gasparis

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Annibale De Gasparis nacque a Bugnara, nei pressi di Sulmona nel novembre del 1819. Frequentò le scuole elementari ospite degli zii paterni a Tocco da Casauria, in provincia di Pescara, paese del quale la famiglia era originaria; proseguì successivamente gli studi presso i seminari di Sulmona e Chieti. Dopo aver frequentato un anno della Scuola di Ponti e Strade a Napoli, lasciò gli studi di ingegneria per dedicarsi all'astronomia nel 1839, quando fu assunto come apprendista presso l'Osservatorio astronomico di Capodimonte diretto da Ernesto Capocci di Belmonte.[1]

La determinazione dell'orbita dell'asteroide Vesta nel 1846 gli valse una laurea honoris causa in matematica da parte dell'Università di Napoli.[2][3] Nel 1847, utilizzando il telescopio equatoriale di Reichenbach con un obiettivo di 8,3 cm,[4] De Gasparis aveva iniziato a registrare meticolosamente le stelle fino alla quattordicesima magnitudine presenti in una fascia centrata sull'eclittica e ampia circa 2°,[5] con l'obiettivo di individuare nuovi asteroidi. La sua ricerca ebbe successo e lo portò il 12 aprile 1849 a scoprire Igea,[6] uno dei principali asteroidi della fascia principale del sistema solare

De Gasparis invitò Ernesto Capocci ad assegnare un nome all'asteroide come ringraziamento per i suoi incoraggiamenti.[7] Insieme proposero Igea Borbonica[8] dal nome di Igea, la dea greca della salute, figlia di Asclepio, con l'aggettivo che intendeva ringraziare i Borbone di Napoli per aver fornito gli strumenti di studio e, magari, far perdonare al re Ferdinando II la loro - come di altri ricercatori dell'osservatorio - partecipazione ai moti liberali del 1848.[9] De Gasparis, infatti, ebbe sorte diversa da quella di alcuni colleghi, che furono in vario modo allontanati nel 1850. Rifiutò, tuttavia, di assumere la direzione dell'osservatorio al posto di Ernesto Capocci.[2]

De Gasparis proseguì le sue ricerche e tra il 1850 e il 1853 individuò altri 7 asteroidi (uno dei quali, Irene, risultò essere stato scoperto quattro giorni prima da John Russell Hind, cui fu attribuita ufficialmente la paternità della scoperta),[5] ed altri 2 negli anni sessanta del secolo.

Nel 1851 ricevette la medaglia d'Oro della Royal Astronomical Society e il titolo di Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Rossa da Federico Guglielmo IV di Prussia.[10] Fu invitato ad aderire, inoltre, a numerose accademie europee, tra le quali l'Accademia dei Lincei.[11]

Divenuto professore presso l'Università di Napoli nel 1853, mantenne i suoi incarichi anche dopo l'unità d'Italia. Anzi, la sua opposizione ai Borbone e i suoi meriti scientifici lo portarono ad essere nominato senatore nel 1861. Nel 1864 fu nominato direttore dell'Osservatorio di Capodimonte, venendo a sostituire Ernesto Capocci che aveva ripreso il ruolo nel 1860.[11]

De Gasparis affiancò l'impegno nella direzione, ammodernamento e potenziamento dell'osservatorio astronomico alla prosecuzione dei suoi studi di meccanica celeste e matematica. Tra i suoi principali contributi vi fu un metodo numerico per la determinazione orbitale, con una velocità di convergenza superiore a quella del metodo di Gauss.[12]

Nel 1885, De Gasparis manifestò i sintomi di una paralisi progressiva che lo condusse alla morte nel 1892.

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

Portano il suo nome l'asteroide 4279 De Gasparis, il cratere lunare de Gasparis (30 km di diametro) e le rimae de Gasparis (un sistema di fratture lungo 93 km, situato vicino al cratere omonimo).

Asteroidi scoperti[modifica | modifica wikitesto]

In tutto, Annibale De Gasparis scoprì 9 asteroidi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Longo, p. 32, 2001.
  2. ^ a b Giuseppe Longo, p. 33, 2001.
  3. ^ M. Capaccioli et al., p. 99, 2009.
  4. ^ Mauro Gargano, Telescopio equatoriale di Reichenbach – Utzschneider, Istituto Nazionale di Astrofisica, 16 gennaio 2013. URL consultato il 23 settembre 2015.
  5. ^ a b V. De Ritis, pp. XV-XVII, 1852.
  6. ^ (DE) H. C. Schumacher, Planeten Circular, in Astronomische Nachrichten, vol. 28, nº 672, 1849, p. 391. URL consultato l'8 agosto 2015.
  7. ^ J. R. Hind, p. 126, 1852.
  8. ^

    « Tale scoperta mi ha dato il destro di pubblicamente attestare la mia gratitudine al cav. Capocci, il quale m'è stato sempre generoso di aiuti e di consigli, dandogli carico d'imporgli il nome. E il Capocci credé chiamarlo Igea, Dea della sanità, figlia di Minerva e di Esculapio, dal quale traeva il simbolo, alludendo alla longevità di cui quella Dea credevasi dispensatrice; ed al nome mitologico l'epiteto di Borbonica si aggiungeva, per rendere un devoto omaggio alla Dinastia felicemente regnante, e che ha fornito il nostro Osservatorio di preziosi e svariati strumenti adatti a sì delicate ricerche. »

    (Annibale de Gasparis riportato negli Annali Civili del Regno delle Due Sicilie del 1852.)
    V. De Ritis, p. XVI, 1852.
  9. ^ De Gasparis, Annibale, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato l'8 agosto 2015.
  10. ^ Annibale de Gasparis, Istituto Nazionale di Astrofisica. URL consultato il 23 settembre 2015.
  11. ^ a b Giuseppe Longo, p. 34, 2001.
  12. ^ Giuseppe Longo, p. 35, 2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90205332 · ISNI (EN0000 0004 1965 9518 · SBN IT\ICCU\CUBV\039952 · GND (DE116448415 · CERL cnp01078768