Andrzej Sapkowski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrzej Sapkowski al Lucca Comics & Games 2015

Andrzej Sapkowski (Łódź, 21 giugno 1948) è uno scrittore polacco.

È famoso principalmente per la serie di racconti fantasy con protagonista lo strigo (wiedźmin in polacco) Geralt di Rivia, da cui è stata tratta una serie di videogiochi iniziata con The Witcher nel 2007.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di diventare scrittore, Andrzej Sapkowski ha studiato economia e ha lavorato come rappresentante alla vendita per una società straniera. Sin da giovane si appassiona alla letteratura fantasy, specie ad autori quali J. R. R. Tolkien, Ursula Le Guin, Roger Zelazny, Michael Moorcock, Jack Vance, Stephen R. Donaldson e Marion Zimmer Bradley[1]. Quando la celebre rivista fantascientifica polacca Fantastyka organizza un concorso letterario, decide di partecipare scrivendo nell'inverno 1985 il racconto Wiedźmin (Lo strigo)[2]. Il racconto ottiene l'attenzione inaspettata dei lettori polacchi, e spinto dalle loro richieste Sapkowski decide di continuare a scrivere sullo strigo Geralt e di imbracciare la carriera di scrittore[1].

Sapkowski ha vinto cinque premi Zajdel Awards, tre per i racconti Il male minore (Mniejsze zło, 1990), La spada del destino (Miecz przeznaczenia, 1992) e W leju po bombie (lett. Dentro il cratere di una bomba, 1993) e due per i romanzi Il sangue degli elfi (Krew elfów, 1994) e Narrenturm (2002).

Sapkowski ha vinto nel 2003 due premi spagnoli Ignotus: il premio per la miglior antologia con la raccolta Il guardiano degli innocenti (Ostatnie życzenie), mentre con Muzykanci (lett. I musicanti) il premio per il miglior racconto di letteratura straniera.

I libri di Sapkowski sono stati tradotti in ceco, russo, lituano, tedesco, spagnolo, francese, inglese, italiano, sloveno e portoghese.

Andrzej Sapkowski al Book World Fair 2010 a Praga

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Saga di Geralt di Rivia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Saga di Geralt di Rivia.

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Trilogia Hussita[modifica | modifica wikitesto]

  • Narrenturm, 2002
  • Boży bojownicy, 2004
  • Lux perpetua, 2006

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Oko Yrrhedesa, 1995 (gioco di ruolo)
  • Świat króla Artura. Maladie, 1995 (saggio)
  • Coś się kończy, coś się zaczyna, 2000 (raccolta di 8 racconti, 2 dei quali incentrati sulla saga di Geralt di Rivia)
  • Rękopis znaleziony w Smoczej Jaskini, 2001 (saggio)
  • Historia i fantastyka, 2005 (intervista)
  • Żmija, 2009 (romanzo)
  • Maladie i inne opowiadania, 2012 (raccolta di 10 racconti, 8 dei quali già presenti in Coś się kończy, coś się zaczyna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Intervista ad Andrzej Sapkowski, Sugarpulp. URL consultato l'8 marzo 2016.
  2. ^ Intervista ad Andrzej Sapkowski, Eurogamer, 19 febbraio 2012. URL consultato l'8 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN74736122 · LCCN: (ENno95039140 · ISNI: (EN0000 0001 1461 8264 · GND: (DE12249945X · BNF: (FRcb14482914q (data)