Amarillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amarillo
city
(EN) City of Amarillo
Amarillo – Veduta
Downtown Amarillo nel gennaio 2018
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Texas.svg Texas
ConteaPotter
Randall
Amministrazione
SindacoGinger Nelson
Territorio
Coordinate35°11′57″N 101°50′43″W / 35.199167°N 101.845278°W35.199167; -101.845278 (Amarillo)Coordinate: 35°11′57″N 101°50′43″W / 35.199167°N 101.845278°W35.199167; -101.845278 (Amarillo)
Altitudine1 118 m s.l.m.
Superficie262,03 km²
Abitanti190 695 (2010)
Densità727,76 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale79101-79111, 79114, 79116-79121, 79123-79124, 79159, 79163, 79166-79168, 79171-79172, 79174, 79178, 79182, 79185, 79187, 79189
Prefisso806
Fuso orarioUTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Amarillo
Amarillo
Amarillo – Mappa
Sito istituzionale

Amarillo è la 14ª città più popolosa dello Stato del Texas, negli Stati Uniti. È anche la città più grande del Texas Panhandle ed è il capoluogo della contea di Potter.[1] Una parte della città si estende nella contea di Randall. La popolazione stimata era di 199.826 abitanti nel 2017.[2] L'area metropolitana di Amarillo aveva una popolazione stimata di 276.020 abitanti in quattro contee nel 2017.[3] La popolazione metropolitana dovrebbe superare 310.000 abitanti nel 2020.[4]

Amarillo, originariamente chiamata Oneida, si trova nella regione del Llano Estacado.[5] La disponibilità del servizio ferroviario e di trasporto merci fornito dalla Fort Worth and Denver City Railroad contribuì alla crescita della città come centro di commercializzazione del bestiame verso la fine del XIX secolo.[6]

La città era una volta l'autoproclamata "capitale mondiale dell'elio" per avere uno dei campi di elio più produttivi del paese.[7] La città è anche conosciuta come "la rosa gialla del Texas" (come la città prende il nome dalla parola spagnola per il giallo),[8] e più recentemente "Rotor City, USA" per il suo impianto di assemblaggio di velivoli ibridi V-22 Osprey, come "Bomb City".[9] Amarillo gestisce una delle più grandi aree di confezionamento della carne negli Stati Uniti. Pantex, l'unica struttura di assemblaggio e smontaggio di armi nucleari nel paese, è anche un importante datore di lavoro. La posizione di questa struttura diede anche origine al soprannome di Bomb City. Le attrazioni Cadillac Ranch e Big Texan Steak Ranch si trovano adiacenti alla Interstate 40. Anche la U.S. Highway 66 attraversava la città.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo United States Census Bureau, ha un'area totale di 101,17 mi² (262,03 km²).

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Situata a 1 118 metri sul livello del mare, ha clima secco o semi-arido solo parzialmente perturbato da correnti di aria fredda provenienti da nord e da nord-ovest e da blizzard, tempeste di neve che si verificano occasionalmente nel cuore della stagione invernale. In estate la temperatura può toccare punte elevate con basso tasso di umidità. Il livello annuale delle piogge raggiunge mediamente i 508 mm.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'area di Amarillo esistono grandi ranch: tra gli altri, il defunto XIT Ranch e il JA Ranch ancora funzionante fondato nel 1877 da Charles Goodnight e John George Adair. Goodnight continuò la collaborazione per un periodo dopo la morte di Adair con la vedova di Adair, Cornelia Wadsworth Ritchie Adair, che fu poi l'unica proprietaria dal 1887 fino alla sua morte nel 1921.

Nell'aprile 1887, J.I. Berry stabilì un sito per una città dopo aver scelto una sezione ben irrigata lungo il percorso della Fort Worth and Denver City Railroad, che aveva incominciato a costruire attraverso il Texas Panhandle. Berry e i commercianti di Colorado City, Texas volevano rendere il loro nuovo sito per la città il principale centro commerciale della regione. Il 30 agosto 1887, il sito della città di Berry vinse l'elezione per diventare capoluogo e fu fondata nella contea di Potter. La disponibilità del servizio ferroviario e di trasporto merci dopo le elezioni per il capoluogo della contea rese la città un centro di commercializzazione del bestiame in rapida crescita.[6]

L'insediamento originariamente si chiamava Oneida; in seguito cambiò il suo nome in Amarillo, che probabilmente deriva da fiori gialli che erano abbondanti durante la primavera e l'estate o il vicino lago Amarillo e l'Amarillo Creek, chiamato a turno per il terreno giallo lungo le rive e sponde (Amarillo è il termine spagnolo per il colore giallo). I primi residenti originariamente pronunciarono il nome della città più simile alla pronuncia spagnola /ˌɑːməˈriːjoʊ/ ah-mə-REE-yoh, che fu in seguito cambiata con la pronuncia corrente.[10]

Amarillo nel 1889, tre settimane dopo l'incorporazione.
Una veduta aerea del quartiere degli affari di Amarillo nel 1912.
Grand Opera House, Amarillo, Texas (cartolina, circa 1909-1924).

Il 19 giugno 1888, Henry B. Sanborn, a cui è stato dato credito come "padre di Amarillo", [11] e il suo socio in affari Joseph F. Glidden incominciarono ad acquistare terreni a est per spostare Amarillo dopo aver sostenuto che il sito di Berry era su un terreno basso e si inonderebbe durante i temporali. Sanborn offrì anche di scambiare i lotti nella nuova posizione per le imprese sul sito della città originale e aiutare con le spese del passaggio a nuovi edifici. I suoi incentivi conquistarono gradualmente le persone, che trasferirono le loro attività in Polk Street nel nuovo distretto commerciale.[12] Le forti piogge quasi allagarono la parte della città di Berry nel 1889, spingendo più persone a trasferirsi nella posizione di Sanborn. Questo alla fine portò a un'altra elezione in una contea, rendendo la città di Sanborn il nuovo capoluogo della contea nel 1893.[6]

Verso la fine degli anni 1890 Amarillo era emerso come uno dei punti di trasporto di bestiame più affollati al mondo e la sua popolazione è cresciuta in modo significativo. La città divenne un centro per il silo, la macinatura e la produzione di mangimi dopo un aumento della produzione di grano e piccoli grani nei primi anni 1900. La scoperta del gas naturale nel 1918 e il petrolio tre anni dopo portarono compagnie petrolifere e del gas nell'area di Amarillo.[6]

Il governo degli Stati Uniti acquistò il Cliffside Gas Field con alto contenuto di elio nel 1927 e il Federal Bureau of Mines incominciò a far funzionare l'impianto Amarillo Helium due anni dopo.[13] L'impianto fu l'unico produttore di elio commerciale nel mondo per un certo numero di anni.[14] La riserva nazionale di elio degli Stati Uniti è conservata nella Bush Dome Reservoir presso l'impianto di Cliffside.[15]

Seguendo la guida della Fort Worth and Denver City Railroad, la Atchison, Topeka and Santa Fe Railway e la Chicago, Rock Island and Pacific Railroad istituirono servizi da e per Amarillo. Ognuno di questi tre vettori mantenne importanti magazzini merci e passeggeri e strutture di riparazione nella città per la maggior parte del XX secolo e sono stati i principali datori di lavoro all'interno della comunità.[16]

Nel 1929, Ernest O. Thompson, un generale decorato della prima guerra mondiale e un importante uomo d'affari ad Amarillo, fu eletto sindaco per succedere a Lee Bivins. Thompson istituì un importante progetto di miglioramento del capitale e lavorò per ridurre i tassi di utilità. Entrò a far parte della Texas Railroad Commission su appuntamento nel 1933 e fu eletto a pieno titolo nel 1934, 1940, 1946, 1952 e 1958. Diventò un esperto internazionale sulla produzione e la conservazione del petrolio e del gas naturale. La prima signora Thompson, May Peterson Thompson, ex cantante della Metropolitan Opera, venne coinvolta nelle arti mentre era ad Amarillo e più tardi quando la coppia viveva ad Austin.

Amarillo fu colpita dal Dust Bowl ed entrò in una depressione economica. Le U.S. Routes 60, 87, 287 e 66 intersecano ad Amarillo, rendendola una fermata turistica importante con numerosi motel, ristoranti e negozi di curiosità. La seconda guerra mondiale portò alla creazione dell'Amarillo Army Air Field a est di Amarillo e al vicino Pantex Army Ordnance Plant, che produsse bombe e munizioni. Dopo la fine della guerra, entrambe le strutture furono chiuse. La fabbrica della Pantex fu riaperta nel 1950 e produsse armi nucleari durante la guerra fredda.[6]

Nel 1949, un micidiale tornado EF-4 devastò gran parte di Amarillo, poco dopo la notte del 15 maggio, strappando i lati sud ed est della città, uccidendo sette persone e ferendone più di altre 80. Il tornado toccò a sud-ovest di Amarillo, vicino alla città di Hereford, poi seguì la rotta verso nord, in rotta di collisione con Amarillo. Il tornado, poco dopo le 8 di sera, squarciò le aree più densamente popolate di Amarillo, demolendo quasi metà della città, causando danni catastrofici e perdite di vite umane.

Nel 1951, la base aerea dell'esercito fu riattivata come Amarillo Air Force Base e ampliata per ospitare un'ala del B-52 Stratofortress dello Strategic Air Command.[17] L'arrivo dei militari e delle loro famiglie pose fine alla depressione della città. Tra il 1950 e il 1960, la popolazione di Amarillo è cresciuta da 74.443 a 137.969. Tuttavia, la chiusura dell'Amarillo Air Force Base, il 31 dicembre 1968, contribuì a far diminuire la popolazione a 127.010 abitanti nel 1970.

Nel 1970, il Census Bureau riportò la popolazione di Amarillo come ispanica al 6,1% e bianca non ispanica all'88,5%.[18] Negli anni 1980, ASARCO, Iowa Beef Processors (oggi Tyson Foods), Owens-Corning e Weyerhaeuser costruirono impianti ad Amarillo. Il quartiere di Eastridge ospita molti immigrati provenienti da paesi come il Vietnam, il Laos e la Birmania. Molti di loro hanno trovato lavoro presso l'impianto della Iowa Beef Processors.[19] Il decennio seguente, i confini della città di Amarillo comprendevano 60 miglia quadrate (155 km²) nelle contee di Potter e Randall. L'autostrada della Interstate 27 che collega Lubbock ad Amarillo fu costruita principalmente durante gli anni 1980.[6]

Nel maggio 1982, un forte tornado EF-3 colpì la periferia occidentale di Amarillo, devastando parti di Dawn e Bushland. Non sono stati segnalati incidenti mortali.

Nel 2006, lo storico Paul H. Carlson, professore emerito alla Texas Tech University di Lubbock, pubblicò Amarillo: The Story of a Western Town.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Dal 3 agosto 1926 Amarillo è sede della diocesi di Amarillo come distaccamento di Dallas e San Antonio.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento[20] del 2010, la popolazione era di 190.695 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dal 77,0% di bianchi, il 6,6% di afroamericani, lo 0,8% di nativi americani, il 3,2% di asiatici, lo 0,0% di oceanici, il 9,4% di altre razze, e il 2,9% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 28,8% della popolazione.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La torre dell'orologio all'interno del campus del College di Washington Street.

Sede di un polo universitario con campus e museo d'arte interno (l'Amarillo Museum of Arts), oltre che di un teatro dell'opera e di edifici storici, Amarillo annovera fra le sue principali attrattive il Cadillac Ranch, omaggio all'era dell'automobile, situato ai margini dell'Interstate 40. Vi sono esposte dieci Cadillac, infilate parallelamente nel terreno con un angolo di 45°, opera realizzata nel 1974 dall'artista Stanley Marsh III.

Il Big Texan Steak Ranch è un motel-ristorante con inclusa piscina con la forma dello Stato del Texas. Situato nell'area in cui transitava il tracciato dell'antica Route 66, è conosciuto per le bistecche da due chili che vi vengono cucinate e servite gratuitamente se consumate nel lasso di tempo di un'ora. È possibile gustare ogni tipo di carne e, all'interno dello shop, c'è una bacheca con un serpente a sonagli vivo.

Il parco statale di Palo Duro Canyon consente di visitare una delle maggiori attrattive naturalistiche dell'area: il secondo maggiore canyon degli Stati Uniti dopo il Grand Canyon.

Il giornale locale è il quotidiano Amarillo Globe-News.

La città - che ha dato i natali all'attrice-ballerina Cyd Charisse - è citata in canzoni country and western come, ad esempio, Is This the Way to Amarillo (scritta da Neil Sedaka e Howard Greenfield), Amarillo by Morning (del 1973, scritta da Paul Fraser e Terry Stafford), Amarillo (del 1975, contenuta nell'album Elite Hotel, scritta da Emmylou Harris e Rodney Crowell), e Amarillo Sky (del 2002, del duo McBride & the Ride). Amarillo by Morning è anche il titolo di un documentario a cortometraggio di Spike Jonze, girato nel 1997 durante un rodeo a Houston.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Amarillo è un importante centro economico, culturale e turistico con valenza regionale in grado di coprire tanto il Texas Panhandle quanto il Nuovo Messico orientale e l'Oklahoma Panhandle.[21]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Amarillo è situata sui seguenti nodi stradali:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Baseball[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di baseball locale sono gli Amarillo Dillas che militano nella United League Baseball e disputano gli incontri al Potter County Memorial Stadium, costruito nel 1949.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Texas State Library this facility/ U.S. Census Bureau, 2000 Census: Population of Texas Cities, su tsl.state.tx.us. URL consultato il 13 ottobre 2018 (archiviato il 23 settembre 2006).
  2. ^ Texas Population Projections, su dshs.texas.gov. URL consultato l'8 marzo 2018.
  3. ^ Texas Population, 2017 (Projections), su dshs.texas.gov. URL consultato il 14 luglio 2017.
  4. ^ http://knowledge.wharton.upenn.edu/wp-content/uploads/2013/09/1319.pdf
  5. ^ Rathjen, Fredrick W. The Texas Panhandle Frontier (1973). pg. 11. The University of Texas Press. ISBN 0-292-78007-9.
  6. ^ a b c d e f (EN) «Amarillo» dall'Handbook of Texas online, TSHA-Texas State Historical Association . Retrieved on January 25, 2007.
  7. ^ A Helium Shortage?, in Wired, August 2000. URL consultato il 13 ottobre 2018 (archiviato il 27 gennaio 2007).
  8. ^ (EN) «Amarillo» dall'Handbook of Texas online, TSHA-Texas State Historical Association
  9. ^ Amarillo Economic Development Corporation, What Is Rotor City, USA, su amarilloedc.com. URL consultato il 13 ottobre 2018 (archiviato il 16 gennaio 2006).
  10. ^ Hammond, Clara T., comp. Amarillo (1974). pg. 6. George Autry, Printer, Amarillo, Texas.
  11. ^ Everett, Liz, History Makers of the High Plains: H.B. Sanborn, in Amarillo Globe-News, 19 maggio 2000. URL consultato il 13 ottobre 2018.
  12. ^ Crawford, Jim, A town determined to survive, in Amarillo Globe-News, 23 luglio 2006. URL consultato il 13 ottobre 2018.
  13. ^ Livadas, Greg, State of Ballooning: Texas, in Balloon Life Magazine, October 1999. URL consultato il 13 ottobre 2018.
  14. ^ (EN) «Helium Production» dall'Handbook of Texas online, TSHA-Texas State Historical Association . Retrieved on January 25, 2007.
  15. ^ National Research Council U.S., TABLE 2.1 Ownership and Location of Helium Extraction Plants in the United States in 1998, in The Impact of Selling the Federal Helium Reserve, National Academy Press, 2000, p. 20, ISBN 0-309-07038-4.
  16. ^ Welch, Kevin, Crossroads of America, in Amarillo Globe-News, 23 luglio 2006. URL consultato il 13 ottobre 2018.
  17. ^ Amarillo Economic Development Corporation, Community History, su amarilloedc.com. URL consultato il 13 ottobre 2018 (archiviato il 16 gennaio 2006).
  18. ^ Race and Hispanic Origin for Selected Cities and Other Places: Earliest Census to 1990, U.S. Census Bureau.
  19. ^ Beck, Bruce, Representing all walks of life, in Amarillo Globe-News, 27 dicembre 2006. URL consultato il 13 ottobre 2018.
  20. ^ American FactFinder, United States Census Bureau. URL consultato il 13 ottobre 2018.
  21. ^ Vedi Fhwa.dot.gov.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN146047231 · LCCN (ENn79105676 · GND (DE4294598-7
Texas Portale Texas: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Texas