Alvaro Gradella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alvaro Gradella (Portici, 26 marzo 1954) è un attore e conduttore radiofonico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si forma a Padova, dove segue anche un Corso di Dizione e Recitazione, interpretando alcune piece con un gruppo teatrale universitario. Alla fine degli anni '70 si trasferisce a Roma dove conduce programmi radiofonici musicali per la RAI[quali?] e lavora come attore in produzioni teatrali, cinematografiche e televisive, nonché come doppiatore di film e serie tv (fra cui Capitol, Visitors, Dallas).

Rientrato in Veneto alla fine degli anni '80, continua l'attività professionale nel settore radiofonico come conduttore e produttore di talk show politici e di costume, oltre che di programmi musicali e d'intrattenimento.

Viene eletto nel 1995 Consigliere Comunale di Padova, viene rieletto nel 1999 nelle fila di AN[1] e nominato Assessore allo Sport e allo Spettacolo, e poi nel 2001 Assessore all'Ambiente e al Verde.

Nel 2012 esce il suo primo libro dal titolo L'Aquila e la Spada, un romanzo storico/mitologico ambientato nella Britannia romana alla fine del IV secolo d.C., dove narra - su basi storiche e mitografiche - del fondamentale[senza fonte] (ma fino ad allora quasi ignorato) contributo di Roma alla nascita della leggenda di Re Artù. Nel dicembre 2014 esce il suo seguito dal titolo Excalibur - La Spada di Macsen. Grazie a essi, vince nel 2016 il "Premio Giuseppe Morselli" per la Narrativa.

Negli ultimi anni ha ripreso l'attività di attore cinematografico e televisivo.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • I soldi, regia di Vito Molinari, con Marina Malfatti, Renzo Palmer e Gianni Musy (1981/82)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]