Alberto David

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberto David
David rd6 4thEUIO.JPG
Nazionalità Lussemburgo Lussemburgo
Italia Italia (dal 2012)
Scacchi Chess.svg
Categoria GM
Ranking 2545 p. (febbraio 2022), in Italia Italia 5
Best ranking 2631 p. (maggio 2010), in Lussemburgo Lussemburgo 1
Società G.Cortuso Padova
Carriera
Squadre di club
2012Cercle des Echecs de Charleroi Belgio Belgio
2010-2015Scacchistica Milanese Italia Italia
2017-2018Saint Quentin Francia Francia
2016-2019Obiettivo Risarcimento Padova Italia Italia
2018-2020Team Xtracon Køge Danimarca Danimarca
Palmarès
Transparent.png Olimpiadi degli scacchi
Argento Individuale - Bled 2002
Italy looking like the flag.svg Campionati italiani
Oro Torino 2012
Oro Roma 2016
Oro Padova 2019
Argento Roma 2013
Argento Milano 2015
Argento Salerno 2018
Bronzo Boscotrecase 2014
Bronzo Online 2020
Transparent.png Campionati italiani a squadre
Oro Gallipoli 2017
Oro Gallipoli 2018
Oro Bressanone 2019
Argento Civitanova Marche 2016
Statistiche aggiornate al 15 febbraio 2021

Alberto David (Milano, 26 marzo 1970) è uno scacchista italiano con cittadinanza lussemburghese, grande maestro.

Ha vinto una medaglia d'argento alle Olimpiadi degli scacchi nel 2002 ed è stato tre volte campione italiano nel 2012, 2016 e 2019.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Milano, nel 1975 si trasferisce con la famiglia in Lussemburgo, a 18 anni prende la cittadinanza lussemburghese ed è stato il primo e unico scacchista lussemburghese a conseguire il titolo di Grande Maestro.

Ha raggiunto il proprio record di punti Elo nel maggio 2010 con 2631 punti, quando ancora giocava per il Lussemburgo.[1] Nel giugno 2012 decide di prendere la cittadinanza italiana e di cambiare federazione, giocando per l'Italia. Vive tra Milano e Bologna, dove oltre ad essere scacchista agonista svolge l'attività di insegnante di scacchi, è tesserato per il Circolo Scacchistico Padovano 'G. Cortuso'.

Nella lista FIDE di maggio 2019 ha un punteggio Elo di 2557 punti[2], che lo inserisce al terzo posto tra gli italiani dietro Daniele Vocaturo e Francesco Rambaldi.

Principali risultati[modifica | modifica wikitesto]

Per la nazionale lussemburghese ha disputato sei Olimpiadi degli scacchi negli anni 1994, 1996, 1998, 2000, 2002 e 2006, giocando sempre in prima scacchiera, vincendo 37 partite, pareggiandone 32 e perdendone 10.[3]. Nell'edizione delle Olimpiadi degli scacchi del 2002 di Bled, vince la medaglia d'Argento individuale in prima scacchiera.[4]

Nel febbraio del 2003 ha vinto a Parigi il 1st NAO Chess Club GM tournament con 6 punti, superando di mezzo punto Maxime Vachier-Lagrave.[5] Nel 2009 ha vinto a Flessinga, nei Paesi Bassi, l'HZ Open.[6] Nel settembre del 2012 vince il prestigioso Torneo di Livigno e nel novembre dello stesso anno, alla sua prima partecipazione, vince a Torino il Campionato italiano di scacchi Assoluto (CIA) e il Campionato belga a squadre con il Cercle des Echecs de Charleroi. Nell'agosto del 2014 a Tromsø ha rappresentato l'Italia alle Olimpiadi scacchistiche, giocando 7 partite in seconda scacchiera: 1 vinta, 1 pareggiata e 5 perse.[7]

Nel settembre del 2014 vince il 12º Festival scacchistico di Amantea con 7 punti su 9.[8] Nel giugno del 2015 ha rappresentato l'Italia in prima scacchiera nella 34ª Mitropa Cup, disputata a Mayrhofen in Austria, vincendo due partite, pareggiandone sei e perdendone una.[9] Nel luglio del 2015 vince il 4º torneo internazionale di Anogeia, località sita a Creta.[10] Nel settembre del 2016 ha vinto il 14º Festival scacchistico di Amantea con 6,5 punti su 9.[11] Nel dicembre 2016 vince a Roma per la seconda volta il Campionato italiano di scacchi Assoluto (CIA). Nell'aprile 2017 vince il torneo di Malakoff con 7,5 punti.[12]. In maggio a Gallipoli vince il Campionato italiano di scacchi a squadre con la squadra dell'Obiettivo Risarcimento Padova.

Nel maggio 2018 a Gallipoli vince ancora il Campionato italiano di scacchi a squadre con la squadra del Obiettivo Risarcimento Padova. Tra agosto e settembre 2018 vince a Creta i tornei Idaion Andron (17-24 agosto ad Anogeia con 7 su 9), Apokoronas (25 agosto-2 settembre a la Canea con 7,5 su 9) e GM Tournament ‘5th Capablanca Memorial’(11-19 settembre ad Anogeia con 7 su 9).[13]. Tra novembre e dicembre prende parte al Campionato italiano assoluto, nel quale giunge 2º battuto agli spareggi rapid da Lorenzo Lodici. Nel marzo 2019 vince il Campionato Danese a squadre con il Team Xtracon Køge .[14] In maggio a Bressanone vince ancora il Campionato italiano di scacchi a squadre con la squadra dell'Obiettivo Risarcimento Padova. In dicembre a Padova vince per la terza volta il Campionato Italiano Assoluto con 8 punti su 11[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FIDE Chess ratings, su ratings.fide.com. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  2. ^ Federations Ranking Italy, su ratings.fide.com.
  3. ^ David Alberto su OlimpBase, su olimpbase.org.
  4. ^ OlimpBase :: 35th Chess Olympiad, Bled 2002, Luxembourg, su olimpbase.org. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  5. ^ THE WEEK IN CHESS 433 24th February 2003, su theweekinchess.com.
  6. ^ List of Winner HZ Chess Tournament Archiviato il 5 agosto 2015 in Internet Archive.
  7. ^ OlimpBase :: 41st Chess Olympiad, Tromsø 2014, Italy, su olimpbase.org. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  8. ^ THE WEEK IN CHESS 1036 15th September 2014, su theweekinchess.com.
  9. ^ Chess-Results Server Chess-results.com - 34th MITROPA Cup 2015, su chess-results.com. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  10. ^ Chess-Results Server Chess-results.com - 4th International Chess Tournament of Anogia "Ideon Andron" 2015, su chess-results.com. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  11. ^ Chess-Results Server Chess-results.com - XIV Festival Scacchistico Internazionale " Città di Amantea ", su chess-results.com. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  12. ^ Classifics Torneo Malakoff 2017 su FFE, su echecs.asso.fr.
  13. ^ Alberto David Re dell’Isola di Creta!!, su scacchierando.it. URL consultato il 19 settembre 2018.
  14. ^ Xtracon Skakligaens sidste runder, su skak.dk.
  15. ^ Italian Championship 2019 in Chess24, su chess24.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]