Alberto Breccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alberto Breccia (Montevideo, 15 aprile 1919Buenos Aires, 10 novembre 1993) è stato un fumettista argentino.

Le sue realizzazioni nel campo del fumetto sono ritenute uniche e innovative tali da poterlo considerare un maestro del fumetto mondiale[1][2].

Biografia, opere e stile[modifica | modifica wikitesto]

Alberto Breccia nel suo studio con un allievo

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Montevideo, in Uruguay, all'età di tre anni si trasferisce con i genitori a Buenos Aires. Interrompe gli studi di computisteria per andare a lavorare come operaio in una fabbrica continuando a disegnare per passione affinando il suo stile creando, ancora adolescente, il suo primo personaggio dei fumetti, Mister Pickles, protagonista di una serie umoristica della quale riesce a vendere una decina di strisce alla rivista El Resero. Successivamente crea la serie Don Urbano che viene pubblicata sulla rivista Paginas de Columba[2][3]. In queste prime opere lo stile trae ispirazione dai lavori di Burne Hogarth e di Alex Raymond[3] ma in breve tempo se ne allontana seguendo un personale percorso di sperimentazione grafica e narrativa[1].

L'editore Manuel Láinez gli commissiona nel 1938 i suoi primi personaggi realistici (Ralph Norton, il cowboy Kid de Rio Grande e il viaggiatore nel tempo Rosengram), dei quali scrive i testi oltre a realizzare i disegni compresivi di lettering[2]. Contemporaneamente collabora ad altre serie come Rataplán, El Gorrión, Gentleman Jim, Puño Blanco, il Detective Mu-Fa, Pancho López' e con pubblicazioni umoristiche come Mariquita Terremoto[3].

Il Dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Nel secondo dopoguerra, interrotta la collaborazione con Láinez, lavora alle serie "Gentleman Jim", "Puño Blanco" e "Jean de la Martinica" collaborando anche alle illustrazioni di centinaia di libri per bambini[2] incomincia a lavorarare anche per il mercato europeo[3]. Nel 1947 subentra allo scomparso Cortinas vincendo una selezione per proseguire la serie di "Vito Nervio" alla quale lavorerà fino al 1959. Sempre in questo periodo apre anche un'agenzia pubblicitaria e una scuola di disegno mentre nel 1953 pubblica una propria raccolta di racconti gialli intitolata "Captura" della quale usciranno solo tre numeri[2]. Nel 1956 realizza, su testi di Abel Santa Cruz, per la Editorial Codex, "Pancho Lopez", il suo ultimo fumetto umoristico a strisce[2].

La maturità e collaborazione con Oesterheld[modifica | modifica wikitesto]

La collaborazione con Héctor Oesterheld, incominciata casualmente grazie al contributo di Hugo Pratt, si concretizza disegnando Sherlock Time, serie nella quale si raccontano le avventure di un detective del tempo venuto dallo spazio e che rappresenta una pietra angolare nell'evoluzione dello stile di Breccia che venne raggiunta anche grazie ai consigli ricevuti da Hugo Pratt, il quale vedeva nel disegnatore ancora margini di miglioramento. Sempre su testi di Oesterheld disegna alcuni episodi di Ernie Pike[3] e, nel 1962, disegna Mort Cinder, serie a fumetti scritta da Oesterheld nel quale il protagonista è un misterioso personaggio rimasto bloccato fuori dal suo mondo che racconta a un vecchio antiquario (al quale Breccia darà le proprie sembianze) le sue precedenti vite vissute nel corso dei secoli[2][3]. Graficamente il fumetto rappresenta uno dei capolavori di Breccia nel quale spiccano macchie di china e di biacca e ampie campiture di pennello[1].

Intanto la moglie si ammala gravemente[senza fonte].

Nel marzo del 1966 fonda, insieme ad altri colleghi come Pereyra, Zoppi, Borisoff, Garaycochea, l'"Instituto de Directores de Arte" e abbandona temporaneamente la carriera di disegnatore per concentrarsi sull'insegnamento[2].

Nel 1968 ritorna a disegnare storie di Oesterheld realizzazando il monografico "La vita del Che" sulla vita di Che Guevara insieme al figlio Enrique Breccia che in patria viene sequestrata e bruciata comprese le tavole originali[1][3]. Altro fumetto di critica nei confronti del regime è la nuova versione di El Eternauta del 1969, capolavoro del fumetto realizzato originariamente nel 1957 con i disegni di Solano Lopez e che ora viene illustrato da Breccia con uno stile innovativo e sperimentale, riproposto da Oesterheld con un taglio più maturo e con espliciti riferimenti alla dittatura. In anticipo forse sui tempi, l'opera non raggiunge il successo sperato e si interrompe alla conclusione del primo episodio[1][2][3]. Sempre su testi di Oesterheld, pubblica nel 1970 "Evita, vita e opere di Evita Perón"[3].

Gli anni 70 e la collaborazione con Trillo[modifica | modifica wikitesto]

Breccia realizzerà per il mercato italiano numerose storie per ragazzi pubblicate su riviste come il Corriere dei Piccoli e Corrier Boy spesso sceneggiate da Mino Milani[3], in particolare, dal 1971, realizza insieme allo studio italiano "Dami" la serie Squadra Zenith che verrà pubblicata sul Corriere dei ragazzi[2].

Alla ricerca di nuovi stimoli si trasferisce in Cile dove realizza una "Historia grafica de Chile". Quindi ritorna in Argentina dove riprende il suo lavoro di insegnante presso la scuola di disegno[2] e collabora alla "Historia gráfica de la República Argentina" oltre ad alcuni lavori in campo pubblicitario che esulano dal mondo del fumetto[3]. Ritorna al fumetto nel 1973 realizzando una serie di riduzioni di alcuni racconti del ciclo de "I Miti di Cthulhu", dello scrittore Howard Phillips Lovecraft, su sceneggiature di Norberto Buscaglia[1][2][3], opere queste che rappresentano un altro punto di svolta nel suo stile che diviene meno realistico e sempre più sperimentale[3].

Nel 1974 inizia la collaborazione con lo sceneggiatore argentino Carlos Trillo con il quale realizzerà nuovi capolavori come "Un tal Daneri" del 1974, "Nadie" del 1977, "Buscavidas"[3], "Gli occhi e la mente" e "Chi ha paura delle fiabe", grottesco adattamento caratterizzato da umorismo nero molto forte[1] oltre a essere uno dei pochi lavori di Breccia a colori[3]. Nel 1976 pubblica il racconto "L'aria" su una sceneggiatura di Guillermo Saccomanno[3].

Gli anni 80 e 90 e le ultime opere[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni 80 realizza uno dei suoi lavori più importante dai tempi di Mort Cinder su sceneggiatura di Juan Sasturain: Perramus, serie a fumetti a metà strada tra il genere avventuroso e l'umorismo surreale con critiche alla dittatura argentina, nella quale si miscelano personaggi fittizi a quelli reali come Jorge Luis Borges al quale viene fatto vincere un premio Nobel. L'opera ottiene il premio Amnesty nel 1989 nella categoria del miglior libro in favore dei diritti umani[2][3].

Successivamente si concentrerà sulla riduzione a fumetti di opere horror-gotiche come Dracula o i racconti di Edgar Allan Poe (come Il cuore rivelatore, Mr. Valdemar, La maschera della morte rossa, Il gatto nero) o di Ambrose Bierce insieme ad altre storie dell'orrore talvolta anche con la collaborazione di Buscaglia oltre a una trasposizione di fiabe celebri[2][3].

Negli anni 90 realizza un adattamento di un capitolo del romanzo Sopra eroi e tombe di Ernesto Sabato "Rapporto sui ciechi", una storia visionaria realizzata con la tecnica del collage e china in bianco e nero[1] e "El Dorado, el delirio de Lope de Aguirre"[3] e continua a disegnare riduzioni a fumetti di racconti di Borges, Marquez e altri, realizzati su testi di Sasturain[2].

Muore il 10 novembre 1993 a Buenos Aires[1][2][3].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Si sposa nel 1944[senza fonte]. Alberto Breccia ha avuto tre figli anch'essi impegnati nel mondo dell'arte: Enrique Breccia (che ha collaborato col padre alla "Vita del Che"), Patricia e Cristina[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra i suoi lavori più significativi vanno ricordate le collaborazioni con Héctor Oesterheld, in particolare Mort Cinder (1962), Vida del Che Guevara (1968) e una nuova versione de L'Eternauta, originariamente disegnato da Francisco Solano López.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

I fumetti di Alberto Breccia sono stati pubblicati in Italia in numerose edizioni e su numerose riviste.

Edizioni su rivista[modifica | modifica wikitesto]

I fumetti di Breccia pubblicati su rivista includono i seguenti.

  • Varie storie di Mort Cinder sono state pubblicate da Il Mago della Mondadori e dalla Eura Editoriale nel settimanale Lanciostory.[4].
  • La versione di Breccia de l'Eternauta è stata inserita in varie pubblicazioni italiane come Linus, alteralter, Il Mago.
  • Perramus (1985) su testi di Juan Sasturain, ambientato durante la dittatura argentina, è stato pubblicato in Italia sulle riviste Orient Express e L'Eternauta.
  • Un tal Daneri (1969), su Linus ed Alter.
  • Buscavidas (1981/1982), 14 racconti, 4 pubblicati su Alter Alter con il titolo Raccattastorie, 5 pubblicati su L'Eternauta con il titolo Caleidoscopio ed uno su Comic Art, poi raccolte in volume dalla Comma 22 nel 2007 con il titolo L'Acchiappastorie. Gli occhi e la mente, pubblicato in Italia su L'Eternauta, tutte su testi di Carlos Trillo.
  • Armi da fuoco (1946), pubblicata in Italia nel 1988 su Skorpio[3].
  • Nadie (1977), su testi di Carlos Trillo, pubblicato in Italia col titolo di Agente Nessuno su Skorpio fra il 1977 ed il 1978.
  • Diversi adattamenti di favole, sceneggiati da Trillo, con un umorismo nero e feroce, pubblicati sulla rivista Alter Alter fra il 1980 e il 1981.
  • Sherlock Time è stato pubblicato dalla Eura Editoriale sulla rivista Lanciostory nel 1978[3].
  • L'Eternauta è stato pubblicato sulle pagine della rivista Linus nel 1972[1][2][3].
  • Mort Cinder, la prima pubblicazione si ha sulle pagine della rivista Il Mago a partire dal n. 3 del 1972[2][3].
  • I Miti di Chthulu sono apparsi sulla rivista Il Mago a partire dal n. 20 del 1973 (tranne l'episodio Colui che sussurrava nelle tenebre apparso su Alter alter n. 11 del 1982) e successivamente sono stati riproposti in volume[3].

Edizioni monografiche[5][modifica | modifica wikitesto]

Le edizioni italiane dei fumetti di Breccia includono le seguenti.

  • Mort Cinder, pubblicato negli Oscar Mondadori, 1974, da Imago Libri – L'Avventuroso, 1979, da Glénat Italia, collana I maestri del fumetto, 1988, nei classici del fumetto di Repubblica – Serie Oro volume n.59 e da Comma 22, 2008, da Espresso/Editore Panini, da Editiemme, dalla Milano Libri
  • Oltre il tempo, testi di Héctor Oesterheld, L'Isola Trovata, novembre 1979, brossurato, rilegato, 80 pagine in b/n
  • Perramus, testi di Juan Sasturain, I maestri del fumetto, Glenat Italia, novembre 1987, cartonato, 176 pagine in b/n
  • Che, con Enrique Breccia, testi di Héctor Oesterheld, Topolin Edizioni, I edizione, novembre 1995, brossurato, 96 pagine in b/n
  • I miti di Cthulhu, edizioni L'isola trovata, Collana I racconti delle nuvole, brossura 110 pagine, ottobre 1978
  • Breccia e Trillo: Chi ha paura delle fiabe? - Milano Libri - Maggio 1981 – Cartonato, Pag. 64, colori
  • Vito Nervio, I Dardo Pocket n. 2, marzo 1974, brossurato, 210 pagine in b/n[2]
  • Rapporto sui ciechi, Comma 22, Collana Alberto Breccia n. 8, ottobre 2014, cartonato, 56 pagine in b/n.

La casa editrice Comma 22 ha ristampato diverse opere quali Mort Cinder e Buscavidas (quest'ultimo inedito in Italia) con l'intenzione di ristampare l'opera omnia del maestro. Fanno parte della collana anche:

  • Incubi, Collana Alberto Breccia n. 1, Comma 22, maggio 2003, 62 pagine a colori
  • I miti di Cthulhu, Collana Alberto Breccia n. 2, Comma 22, dicembre 2003, 125 pagine in b/n
  • Dracula, Collana Alberto Breccia n. 4, Comma 22, maggio 2006, 121 pagine a colori
  • L'acchiappastorie, testi di Carlos Trillo, Collana Alberto Breccia n. 5, Comma 22, ottobre 2007, 111 pagine in b/n

La casa editrice Rizzoli ha riproposto nella collana "24/7" il volume sul Che che era divenuto introvabile nella precedente edizione della milanese Topolin Edizioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Classici del fumetto: Alberto Breccia - fermoeditore, in fermoeditore, 25 novembre 2014. URL consultato il 25 ottobre 2016.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s FFF - Alberto BRECCIA, su www.lfb.it. URL consultato il 25 ottobre 2016.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z Alberto Breccia - Maestro argentino del fumetto, su www.slumberland.it. URL consultato il 25 ottobre 2016.
  4. ^ Edizione Mondadori di Mort Cinder, su www.pagine70.com.
  5. ^ comma22 | ALBERTO BRECCIA, su comma22. URL consultato il 25 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN7387537 · LCCN: (ENn91096535 · SBN: IT\ICCU\CFIV\054446 · ISNI: (EN0000 0001 1036 800X · GND: (DE121806065 · BNF: (FRcb118938532 (data)