Alberico da Romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberico da Romano
NascitaSan Zenone degli Ezzelini, 1196
MorteSan Zenone degli Ezzelini, 26 agosto 1260
voci di militari presenti su Wikipedia

Alberico da Romano conosciuto come Alberico II (San Zenone degli Ezzelini, 1196San Zenone degli Ezzelini, 26 agosto 1260) è stato un condottiero e trovatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

da Romano
Stemma Ezzelini.jpg

Arpone
Figli
Ecelo I († dopo il 1091)
Figli
Alberico I (?)
Figli
Ezzelino I († dopo il 1180)
Figli
Ezzelino II († 1235)
Ezzelino III (1194-1259)
Figli
Alberico II († 1260)

Apparteneva alla famiglia "Da Onara", poi "Da Romano", era figlio di Ezzelino II il Monaco e di Adelaide Alberti di Mangona, fratello di Ezzelino III da Romano e Cunizza da Romano.

Politicamente alleato di Ezzelino III, signore della Marca Trevigiana e Vicario Imperiale della Lombardia sotto Federico II di Svevia, fu podestà di Vicenza nel 1227. Nel 1229, in difficoltà nel controllare Bassano (rivolta dei liberi), nasce il primo disaccordo con il fratello[1] ma è solo nel 1239 che si stacca (temporaneamente) dal partito imperiale, per controversie con l'imperatore, alleandosi con Biaquino III da Camino di parte guelfa. Riuscì in tal modo con un colpo di mano a conquistare Treviso, di cui divenne podestà dal 1239 al 1257 e, di fatto, signore. Scomunicato da papa Alessandro IV, alla morte del fratello, caduto in battaglia a Cassano d'Adda nel settembre 1259, Alberico fuggì da Treviso e si rifugiò nella rocca di San Zenone, attuale San Zenone degli Ezzelini con la famiglia, dove stette per quasi 10 mesi.

Il 24 agosto 1260 le truppe filo-papali di Venezia, Trento, Padova, Verona e Vicenza assediarono il maniero: solo il tradimento per soldi, di un suo uomo di fiducia, permise agli assedianti la presa della cortina esterna.

Alberico, circondato e senza possibilità di difesa, si arrese sperando in tal modo di aver salva la vita per sé e per i suoi cari[2]. Fu tutto inutile, la famiglia venne comunque sterminata[3]. Kantorowicz lo definisce crudele come il fratello ma «più lascivo»; se il fratello si fece morire di fame, Alberico invece fu costretto a strisciare a carponi con un morso in bocca e guidato fino al luogo dell'esecuzione; lì fu costretto a guardar torturare i suoi uomini, per poi subire lo scempio delle sue carni con delle tenaglie; infine fu legato ad un cavallo che lo trascinò fino a quando non morì[4].

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dal primo matrimonio con Beatrice da Vicenza, sposata nel 1221, ebbe:

  • Adelaide, che sposerà Rinaldo I d'Este nel 1235. Su suggerimento dello zio Ezzelino III ma contro il volere paterno, nell'aprile 1239 la coppia verrà ceduta in ostaggio per pegno di fede all'Imperatore Federico II di Svevia e confinata in Puglia. Adelaide morirà nel 1251 assieme al marito, probabilmente come lui avvelenata.
  • Ezzelino, morto in guerra nel 1243.
  • Alberico.
  • Romano.
  • Ugolino.
  • Giovanni.

Dal secondo matrimonio con una nobildonna chiamata Margherita ebbe:

  • Griselda.
  • Tornalisce.
  • Amabilia.

Mecenate e trovatore[modifica | modifica wikitesto]

Alberico fu amico e mecenate di trovatori e lui stesso componeva in lingua occitana, noto per avere avuto contatti con Sordello e Uc de Saint Circ. I fogli che vanno da 153r a 211r del canzoniere noto come ms. D, adesso α, R.4.4 nella Biblioteca Estense universitaria di Modena, forma il Liber Alberici. Nella rubrica del Liber si legge: Hec sunt inceptiones cantionum de libro qui fuit domini Alberici et nomini repertorum earundem cantionem. Il canzoniere venne prodotto nel 1254 in Lombardia sotto il patrocinio di Alberico.

Alberico è identificato come l'autore della poesia Na Maria, pretç e fina valors. La rubrica identifica il compositore come un nabieiris de roman (o nabietris...), che potrebbe essere una corruzione di N'Albric de Roman; tuttavia, il nome viene di solito considerato una corruzione di "Beatriz" e la poesia viene assegnata oggi a Bieiris de Romans dalla maggior parte degli studiosi. Ad Alberico si deve inoltre una tenzone composta insieme a Uc de Saint Circ: Mesier Albric, so.m prega Ardisons.

Alberico sembra abbia avuto contatti con la scuola siciliana. A Treviso infatti fu podestà il poeta siciliano Jacopo de Morra di Puglia, identificabile probabilmente con Giacomino Pugliese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gerardo Maurisio, Cronica dominorum Ecelini et Alberici fratrum de Romano, R.I.S.2, VIII, 4, a cura di Soranzo G., Città di Castello, 1914, p. 26.
  2. ^ Folena G.. Cult., op. cit., pag. 96-97
  3. ^ Il fatto viene ricordato da fra' Salimbene de Adam - che si dice testimone oculare - nella sua Cronica
  4. ^ Ernst Kantorowicz, Federico II imperatore, in Elefanti Storia, traduzione di Gianni Pilone Colombo, Milano, Garzanti, pp. 622-623, ISBN 978-88-11-67643-0.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Folena G. "Culture e lingue nel Veneto medievale"
  • Bertoni, Giulio. I Trovatori d'Italia: Biografie, testi, tradizioni, note. Rome: Società Multigrafica Editrice Somu, 1967 [1915].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68502218 · ISNI (EN0000 0000 4196 9652 · Europeana agent/base/19236 · LCCN (ENno93023598 · WorldCat Identities (ENlccn-no93023598