Adolfo Valencia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adolfo Valencia
Nazionalità Colombia Colombia
Altezza 182 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 2004
Carriera
Squadre di club1
1988-1993Ind. Santa Fe159 (56)
1993-1994Bayern Monaco26 (11)
1994-1995Atlético Madrid24 (6)
1995-1996Ind. Santa Fe22 (11)
1996-1997Reggiana23 (4)
1997América de Cali26 (0)
1998-1999Ind. Medellín22 (11)
1999-2000PAOK27 (8)
2000-2001N.Y. MetroStars48 (21)
2002Ind. Santa Fe28 (11)
2002Zhejiang Lücheng31 (14)
2003UA Maracaibo7 (4)
2003-2004Zhejiang Lücheng6 (0)
Nazionale
1992-1998Colombia Colombia38 (14)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo Ecuador 1993
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Adolfo José Valencia Mosquera (Buenaventura, 6 febbraio 1968) è un ex calciatore colombiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Centravanti rapido e veloce, per le sue caratteristiche fisiche venne soprannominato El Tren (Il Treno). Nel corso della sua carriera ha giocato in sette nazioni diverse: nella nativa Colombia (Independiente Santa Fe), Germania (Bayern Monaco), Spagna (Atlético Madrid), Italia (Reggiana), Grecia (PAOK), Stati Uniti d'America (MetroStars) e Venezuela (Maracaibo).

Visse, ormai trentunenne, una seconda giovinezza nei MetroStars nella stagione 2000-2001, dove realizzò 16 reti nella Major League Season e cinque nella Coppa nazionale. Si ritirò dal mondo del calcio due annate dopo.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale colombiana Valencia ha disputato 38 partite, segnando 14 reti. Risulta tra i marcatori nello storico 5-0 inflitto all'Argentina, una vittoria che ancora oggi risulta tra le più larghe e più indimenticabili considerando la portata dell'avversario per la Nazionale colombiana. È qui che nasce il soprannome "El Trén", il treno, per la sua straordinaria rapidità. Prese parte ai Mondiali statunitensi del 1994 e realizzò ben due reti; la prima rete nella partita di esordio contro Romania persa per 3 reti ad 1 e l'altra rete contro gli USA nella partita persa per 2 reti ad 1 e ricordata soprattutto per l'autogol di Andrés Escobar. Partecipò anche ai Mondiali di Francia 1998 senza riuscire però a segnare stavolta.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]