Università degli Studi di Verona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Accademia di Belle Arti di Verona)

Coordinate: 45°26′12″N 11°00′13″E / 45.436667°N 11.003611°E45.436667; 11.003611

Università degli Studi di Verona
UniversitàVerona.gif
Università Verona bis.jpg
Il Polo Zanotto, sede del rettorato
Stato Italia Italia
Città Verona
Altre sedi Legnago, Vicenza, Bolzano, Trento, Rovereto, Canazei
Fondazione 1982
Tipo Statale
Scuole Scuola di Medicina e Chirurgia
Dipartimenti 12
Rettore Nicola Sartor
Studenti 22 699 (2016) [1]
Sport CUS Verona
Sito web www.univr.it

L'Università degli Studi di Verona è una università statale italiana fondata nel 1982.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo Studium medievale[modifica | modifica wikitesto]

Pare che esistessero Scuole di diritto in Verona già nell'Alto Medioevo, nel IX secolo e quasi certamente nel X secolo, al tempo del vescovo Raterio. Il 22 settembre 1339 viene emanata ad Avignone, da papa Benedetto XII, una bolla, con la quale si concede a Verona uno Studium generale. Le facoltà istituite dal pontefice erano quattro, di cui due a carattere giuridico, la facoltà di Diritto civile e di Diritto canonico. Le altre due erano Medicina e Lettere. Il declino degli Scaligeri, dopo la parentesi viscontea, portò a Verona il dominio della Serenissima, la quale volle Padova come unica Università dei Veneti, mettendo definitivamente a tacere ogni aspirazione ad avere degli studi universitari a Verona, sebbene non venisse meno, nel campo giuridico, l'interesse per i relativi studi[senza fonte].

La nascita[modifica | modifica wikitesto]

La storia della moderna Università di Verona inizia nel 1950, quando un gruppo di intellettuali cattolici fondò la Libera Scuola di Scienze Storiche Ludovico Antonio Muratori, accompagnandola con la rivista "Nova Historia". Fu questo gruppo di studiosi che ebbe l'idea di costituire un'università. L'idea prese corpo nel 1959, quando il sindaco della città, Giorgio Zanotto, mise come ordine del giorno in consiglio municipale la proposta di fondare a Verona un'università, con una facoltà di Economia e Commercio.

L'amministrazione provinciale e la Camera di Commercio furono subito d'accordo. Così vennero create la Libera Facoltà di Economia e Commercio e il Consorzio per gli studenti, al fine di governarla. Nell'estate del 1959 il progetto ebbe inizio: le due nuove istituzioni furono collocate nel Palazzo Giuliari, donato dal conte Giuliari Tusini, che ora ospita il Rettorato. La cerimonia di inaugurazione dell'università fu fatta il 1º novembre dello stesso anno. Sia da parte dei cittadini veronesi, che da quella degli studenti, la mancanza di un riconoscimento ufficiale depresse le aspettative. Il sindaco si mosse subito nel tentativo di trovare una soluzione, che fu trovata nel 1963, quando l'Università di Padova inglobò la Facoltà di Economia e Commercio di Verona come parte del suo ateneo, in qualità di sede distaccata. Nel luglio del 1963 fu esaminata la prima tesi e si ebbe la prima laurea. Poco dopo, Padova decise di trasferire le sue discipline Medico-chirurgiche e Legali a Verona, e successivamente dette il via ai corsi in Arte e Filosofia.

Il progetto di dare origine ad un'università a Verona fu compiuto nel 1982, quando Verona ottenne lo status di università, indipendente da Padova. Grazie alla collaborazione ed allo stretto rapporto con le maggiori istituzioni pubbliche, sia locali che regionali, ed all'apporto di alcune aziende private, oltre che, ovviamente, al supporto di docenti esperti, l'Università di Verona si è molto sviluppata negli anni, fino a raggiungere i dodici dipartimenti di oggi.

Gli anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Con l'anno accademico 2006/2007, l'Università di Verona decide di sperimentare un nuovo corso di laurea in Bioinformatica, che fonde materie scientifiche, quali biologia e chimica, e materie informatiche, come ad esempio programmazione, con lo scopo di formare persone in grado di coadiuvare i ricercatori scientifici, mediante l'ausilio di nuove tecniche multimediali.[2]

Nel 2005 nasce la radio ufficiale di Ateneo: Fuori Aula Network (FAN).

Dal 2009 al 2014, a cadenza annuale, l'Università di Verona, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Verona ed il Consorzio Verona Tuttintorno, ha organizzato il Festival culturale di Scienze e Arti "Infinitamente"[3].

L'Università di Verona ha organizzato dal 17 al 27 settembre 2015 la prima edizione della Kidsuniversity[4], ovvero l'università aperta a bambini/e tra gli 8 e i 13 anni.

Nel dicembre 2015 l'Università di Verona ha inaugurato un nuovo grande spazio nel complesso del Panificio della Caserma Santa Marta che va ad arricchire la dotazione di edifici a disposizione della didattica dell'ateneo. L'edificio è la nuova sede dei dipartimenti di Economia aziendale, Scienze economiche e di una parte di Scienze giuridiche nonché della biblioteca economica SMEC dell'Ateneo[5].

Il Polo Zanotto, centro polivalente dell'Università di Verona.
Villa Lebrecht a San Floriano (San Pietro in Cariano), sede del corso di laurea in tecnologie viticole ed enologiche
Il Polo Universitario Santa Marta, 25.000 metri quadrati, sede dei dipartimenti di Economia aziendale, Scienze economiche e una parte di Scienze giuridiche nonché della nuova biblioteca economica Smec.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Università di Verona è organizzata in due poli principali all'interno della città omonima: quello di Veronetta, che ospita l'amministrazione centrale con il rettorato e i dipartimenti afferenti all'area delle scienze umane e delle scienze giuridiche e economiche e quello di Borgo Roma, dove si trovano i dipartimenti afferenti all'area delle scienze della vita e della salute e di scienze e ingegneria. Inoltre vi sono nel quartiere Cittadella il dipartimento di Scienze Giuridiche e a Borgo Venezia il dipartimento di Scienze neurologiche e del movimento. Oltre a questi, essa possiede varie sedi minori nelle città vicine: è infatti presente con alcuni corsi di studio a Legnago (VR), Vicenza, Bolzano, Trento, Rovereto (TN) e Canazei (TN).

Si compone attualmente delle seguenti strutture:

  • 12 dipartimenti e una struttura di raccordo[6]
  • 4 scuole di dottorato[7]
  • 7 direzioni e 5 aree di staff dell'amministrazione centrale[8]
  • centri e poli scientifici[9]
  • biblioteche[10]

Macro-aree didattiche[modifica | modifica wikitesto]

Le 4 aree in cui è organizzata l'Università degli Studi di Verona sono:

  • area delle scienze giuridiche ed economiche
  • area delle scienze umanistiche
  • area delle scienze della vita e della salute
  • area di scienze e ingegneria.

Scuola di medicina e chirurgia[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione della ex facoltá di Medicina e Chirurgia risale al 1982 , ma dagli anni sessanta esisteva già come sede distaccata dell'Università di Padova.

I corsi si tengono principalmente nella città di Verona presso:

Dipartimenti e strutture di raccordo[modifica | modifica wikitesto]

I dipartimenti in cui è organizzata l'Università degli Studi di Verona sono:

I dipartimenti di Scienze Chirurgiche Odontostomatologiche e Materno-Infantili, Medicina, Diagnostica e Sanità Pubblica, Scienze Neurologiche Biomediche e del Movimento sono riuniti nella Struttura di Raccordo "Scuola di Medicina e Chirurgia".

Scuole di dottorato[modifica | modifica wikitesto]

Presso l'Università di Verona sono istituite 4 scuole di Macro-Area, cui afferiscono i corsi di seguito specificati:

  • Scuola di dottorato di scienze giuridiche ed economiche
    • economia e management
    • scienze giuridiche europee e internazionali
  • Scuola di dottorato di scienze umanistiche
    • lingue, letterature e culture straniere moderne
    • scienze umane
    • studi filologici, letterari e linguistici
  • Scuola di dottorato di scienze della vita e della salute
    • infiammazione, immunità e cancro
    • medicina biomolecolare
    • neuroscienze, scienze psicologiche e psichiatriche
    • scienze applicate della vita e della salute
    • scienze biomediche cliniche e sperimentali
    • scienze cardiovascolari
  • Scuola di dottorato di scienze naturali e ingegneristiche
    • biotecnologie
    • informatica
    • nanoscienze e tecnologie avanzate

L'Università degli Studi di Verona aderisce inoltre alla Scuola dottorale interateneo in Storia delle Arti (con l'Università Ca' Foscari e IUAV), alla scuola di dottorato interateneo in "Studi Storici, Geografici e Antropologici" (con l'Università Ca' Foscari e l'Università degli Studi di Padova) e al Dottorato Interateneo in Matematica (con l'Università di Trento).

Sistema bibliotecario di Ateneo[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema è articolato in due biblioteche centrali: la Biblioteca Arturo Frinzi del Polo Umanistico, Economico e Giuridico e la Biblioteca Egidio Meneghetti del Polo medico, scientifico e tecnologico, di un Servizio di automazione biblioteche e oltre 36 biblioteche tra biblioteche di dipartimento, di centro e altre biblioteche.

Aziende Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

L'Università degli Studi di Verona è promotore di iniziative imprenditoriali che hanno portato alla nascita di diverse aziende che mirano a trasferire i risultati della ricerca scientifica in servizi e prodotti, a beneficio del sistema socio-economico veronese e nazionale. Queste iniziative rientrano nell'ambito delle attività di terza missione delle università e degli enti di ricerca, la cui importanze è sottolineata dall'Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR) e dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI).

Tra le aziende nate all'interno dell'Università degli Studi di Verona, si possono citare:

+K Design for life

ELL - Economics Living Lab - Soc. Coop.

InnovEn s.r.l.

QFR Verona s.r.l.

Atlantech s.r.l.

BBZ s.r.l.

DiSS s.r.l.

D-Nest Web s.r.l.

3D Flow s.r.l.

Microbion s.r.l.

Personal Genomics s.r.l.

Julia s.r.l.

Veneto PHARMA s.r.l.

AltairMed s.r.l.

Officina biotecnologica s.r.l.

EDALab s.r.l.

EVS embedded vision system s.r.l..

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anagrafe Nazionale Studenti, anagrafe.miur.it. URL consultato il 12 giugno 2016.
  2. ^ Anno Accademico 2006/2007
  3. ^ Infinitamente Verona - dall'intelligenza artificiale alla neuroscienza
  4. ^ Kids University Verona, su kidsuniversityverona.it. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  5. ^ Polo Santa Marta, su comunicazione.univr.it. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  6. ^ Dipartimenti, su Università di Verona.
  7. ^ Scuole di dottorato, su Università di Verona.
  8. ^ Direzioni, su Università di Verona.
  9. ^ Centri e poli scientifici, su Universiyà di Verona.
  10. ^ Biblioteche, su Università di Verona.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]