Abbazia di Santa Maria di Staffarda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Abbazia di Staffarda)
Jump to navigation Jump to search
Abbazia di Staffarda
La Chiesa Abbaziale di Staffarda dal Chiostro.jpg
Complesso abbaziale di Staffarda
StatoItalia Italia
RegionePiemonte
LocalitàStaffarda di Revello (CN)
ReligioneCattolica
Diocesi Saluzzo
Stile architettonicoRomanico-gotico
Inizio costruzione1135
Sito web

Coordinate: 44°43′15″N 7°26′13″E / 44.720833°N 7.436944°E44.720833; 7.436944

L'abbazia di Santa Maria di Staffarda è uno dei grandi monumenti medioevali del Piemonte; conservata in gran parte nella sua integrità del momento di massima espansione, si trova a Staffarda di Revello, in provincia di Cuneo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'abbazia di Staffarda fu costruita attendibilmente a partire dal quarto decennio del XII secolo su terreni donati, nei primi anni dello stesso secolo, dal marchese Manfredo I di Saluzzo ai monaci dell'Ordine cistercense per farne un centro di bonifica della campagna circostante.

Nell'arco di poco tempo, nel corso del XII secolo, sorgono nell'area piemontese, derivate da La Ferté (che è una, assieme a Citeaux, Morimond, Pontigny e Fontenay, delle “madri” di tutte le fondazioni dell'ordine), quattro abbazie cistercensi: Lucedio in provincia di Vercelli, Staffarda (a Revello in provincia di Cuneo), Casanova (Carmagnola in provincia di Torino) e Rivalta Scrivia (provincia di Alessandria); ma per prima, poco più a sud, su territori dell'appennino ligure un tempo appartenenti agli Aleramici nonché tuttora in diocesi di Acqui, ne sorse una quinta: Tiglieto (Campo Ligure in provincia di Genova). Sono infatti Tiglieto e Lucedio i primi insediamenti cistercensi della penisola e, così come l'insieme di tutte le abbazie citate, naturale irradiazione dalla vicina Borgogna e originario principio della successiva irradiazione ad est e a sud.

La facciata della chiesa di Santa Maria di Staffarda

Su questo territorio il 31 luglio 1690 si svolse la sanguinosa battaglia di Staffarda, tra i piemontesi di Vittorio Amedeo II di Savoia e i francesi del generale Catinat, con danni ingenti alle strutture architettoniche dell'abbazia (in particolare il chiostro e il refettorio).

Nel 1750, con una bolla del papa Benedetto XIV, l'abbazia, che era ormai da secoli eretta in commenda (quindi priva di una propria vita monastica: tra gli abati commendatari ci fu anche il cardinal Maurizio di Savoia), venne affidata all'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, creato dai duchi di Savoia.

Sin dal 1968, Heinz Schomann effettuò ricerche sull'abbazia e recentemente ha quindi partecipato agli studi per il volume Guida all'abbazia di Staffarda e al Parco Fluviale del Po, Torino 1999, con un contributo specifico su L'abbazia di Staffarda, redatto in collaborazione con Giuseppe Carità.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Abbazia di Staffarda il chiostro visto dalla Sala Capitolare

L'insieme degli edifici dell'abbazia di Staffarda presenta un impianto edilizio alquanto complesso, fortemente rimaneggiato nel corso di nove secoli. Vi si osservano principalmente, oltre agli edifici delle strutture produttive agricole, la grande porta della torre d'ingresso alla cinta fortificata due-trecentesca dell'abbazia, la loggia del Grano, sulla piazzetta antistante l'attuale ingresso agli edifici già religiosi, un edificio comunemente noto come ospizio dei pellegrini (ma forse pure struttura produttiva) a due navate voltate a crociera su colonne in pietra, il chiostro con Sala Capitolare, il refettorio, il dormitorio (nella versione trecentesca), la chiesa con campanile (trecentesco, innalzato quindi ormai fuori dalle prescrizioni cisterciensi che ne impedivano l'erezione), la sagrestia affiancata dalla scala da cui i monaci scendevano alla chiesa, la notte, per recitare i salmi.

La chiesa ha una pianta a tre navate, con finto transetto e con absidi semicircolari rivolte ad oriente; è affiancata a sud dal chiostro in parte conservato e ricostruito sul lato occidentale. Particolarmente rilevanti la sala capitolare e la sala di lavoro, con volte ad ogiva rette da colonne marmoree.

Affresco all'interno del refettorio

La visita dell'abbazia consente di osservare elementi interessanti dell'architettura romanica della prima metà del XII secolo e gotica dei secoli XIII-XV, elementi delle trasformazioni di epoca moderna (compresi i contrafforti ad archi rampanti), edifici dell'attività agricola dal XVII secolo. La chiesa, che nella sostanza si manterrà in forme romaniche, offre poi tracce cospicue di arte del gotico internazionale e del rinascimento di cui Bruno Ciliento e Guido Gentile[1] hanno delineato indirizzi salienti nelle complesse storie che hanno portato a curiosi reimpieghi e dispersioni, in particolare nei primi decenni del XIX secolo, all'epoca del re di Sardegna Carlo Alberto di Savoia.

Gli edifici abbaziali presentano decorazioni scultoree ed a rilievo marmoreo (chiavi di volta, capitelli, cornici) dei secoli XII-XIV in particolare nel chiostro, nella chiesa e nella sala capitolare.[2] La chiesa ha un esonartece trecentesco e superiormente una facciata rinascimentale con decorazioni prospettiche: all'interno si conservano significative testimonianze dell'arte tardo-gotica e rinascimentale, tra cui principalmente il pulpito tardogotico, una Crocifissione con san Giovanni e la Vergine scolpita in legno (c.ca 1530, originariamente sull'architrave del varco di accesso al coro), la grande macchina d'altare con i dipinti di Oddone Pascale eseguito intorno al 1531-1533 e sculture in legno policromate, l'altare cinquecentesco dell'abside sinistra, con ancona lignea del 1525, scolpita con eleganti candelabre rinascimentali dallo scultore Agostino Nigra di Cavallermaggiore[3]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 3.09 Gentile
  2. ^ Giuseppe Carita | Architetto - Architecture Historian
  3. ^ (cfr. N. GABRIELLI, L'arte nell'antico marchesato di Saluzzo, Torino 1972, p. 128).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. Schomann, Die ehmalige Zisterzienserabtei Staffarda in Piemont, 1969.
  • N. Gabrielli, L'arte nell'antico marchesato di Saluzzo, 1972, Torino.
  • Guida all’abbazia di Staffarla e al Parco Fluviale del Po (G. Carità, cura della sezione storico-artistica del volume) e contributo specifico su L'abbazia di Staffarda, testo in collaborazione con H. Schomann e, Torino 1999.
  • G. Carita, Architetture nel Piemonte del Duecento, in G. ROMANO, Gotico in Piemonte, 1992, Torino.
  • E. Ragusa, Un itinerario nella grande abbazia, 1992, Milano.
  • G. Carita, Itinerario architettonico in G. ROMANO, Piemonte romanico, 1994, Torino.
  • G. Carita, Staffarda e le abbazie cistercensei delle diocesi piemontesi: modelli a confronto, 1993, in R. Comba e G.C. Merlo (a cura di), L’Abbazia di Staffarda e l’irradiazione cistercense nel Piemonte meridionale, Atti del Convegno 1998, Cuneo 1999, pp. 209-223. Cuneo.
  • Marco Boglione, Le Strade della Fede. Escursioni sulle tracce dei viandanti di Dio Torino, Blu Edizioni, 2004.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]