17 cm Kanone 18

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
17 Kanone 18 in Mörserlafette
17 cm K 18 in Mrs.Laf.
17 cm K 18 MrsLaf 1.jpg
TipoCannone pesante
OrigineGermania Germania
Impiego
UtilizzatoriGermaniaHeer
ConflittiSeconda guerra mondiale
Produzione
ProgettistaKrupp
CostruttoreKrupp
Hanomag
Date di produzione1941-1945[1]
Ritiro dal servizio1945
Numero prodotto338[1]
Descrizione
Pesoin batteria: 17 520 kg
al traino: 23 375 kg
Lunghezza canna8 530 mm
Calibro173 mm
Peso proiettile68-71 kg
Cadenza di tiro1-2 colpi/min
Velocità alla volata925 m/s
Gittata massima26 700 m
Elevazione-6°/+50°
Angolo di tiro16° sull'affusto
360° sulla piattaforma
voci di armi d'artiglieria presenti su Wikipedia

Il 17 cm Kanone M. 18 in Mörserlafette, abbreviato in 17 cm K 18 in Mrs.Laf.[2], era un cannone pesante tedesco da 170 mm sviluppato dalla Krupp ed impiegato nella seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il pezzo fu sviluppato dalla Krupp per fornire all'artiglieria di corpo d'armata un'arma per il fuoco di controbatteria. Fu prodotto dalla Krupp fino al 1942 per rimpiazzare nello stesso ruolo l'obice da 21 cm Mörser 18, del quale impiegava l'affusto (Mörserlafette). Nonostante fosse tecnicamente un ottimo cannone, si rivelò costoso, difficile di manovrare e lento da mettere in batteria, tanto che molti venivano abbandonati dai serventi e catturati dagli Alleati. Così mentre la produzione continuava fino al 1945 da parte della Hanomag, la Krupp riprese la produzione dell'obice da 21 cm Mrs 18.

All'innovativo affusto a doppio rinculo, nel corso della guerra, furono adattate alcune bocche da fuoco da 15 cm K 16 e da 15 cm SK C/28, ottenendo rispettivamente i 15 cm Kanone M. 16 in Mörserlafette ed i 15 cm Schiffskanone C/28 in Mörserlafette. Un esemplare di questo cannone (completo dell'affusto ruotato) è conservato al Civico Museo della Guerra per la Pace "Diego de Henriquez" di Trieste.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

21 Mrs 18 (con mimetismo di fantasia) esposto a Fort Sill.

La bocca da fuoco, lunga 50 calibri, con otturatore a cuneo orizzontale, aveva una durata di 1nbspf;500 colpi. L'affusto era molto innovativo: l'obice era infatti una delle prime armi (la prima prodotta in grandi numeri) ad impiegare un sistema a doppio rinculo. La canna rinculava normalmente sulla sua culla, munita di un grosso freno di sparo superiore; l'affustino, sul quale era incavalcata la culla, rinculava a sua volta sulle lisce laterali del sottoaffusto, cui era collegato da altri due cilindri idraulici. Questo sistema dissipava le notevoli forze di rinculo in gioco e forniva una piattaforma di tiro molto stabile.

L'enorme cannone per il traino meccanico veniva scomposto in due vetture: la canna veniva infatti smontata e trasportata su un apposito carrello mentre all'affusto ruotato veniva agganciato un avantreno. Alla messa in batteria del pezzo, una piattaforma, integrata con l'affusto, veniva abbassata al suolo e le due grandi ruote venivano sollevate. Tutto il pezzo poggiava così stabilmente sulla piattaforma e sul vomero della coda dell'affusto ed era pronto per il fuoco. La piattaforma era ancorata al suolo tramite due tiranti collegati a portavomeri con quattro piccheti ciascuno. Se settore orizzontale di 16° consentito dal solo affusto non era sufficiente, il vomero posteriore veniva sollevato ed un ruotino permetteva di brandeggiare tutto il pezzo, imperniato sulla piattaforma, su 360°.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Produzione bellica tedesca. Archiviato il 2 marzo 2009 in Internet Archive.
  2. ^ Nella nomenclatura tedesca dell'epoca: cannone calibro 17 cm modello 1918 su affusto da obice.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Engelmann, Joachim and Scheibert, Horst. Deutsche Artillerie 1934–1945: Eine Dokumentation in Text, Skizzen und Bildern: Ausrüstung, Gliederung, Ausbildung, Führung, Einsatz, C. A. Starke, Limburg/Lahn, 1974.
  • Hogg, Ian V. German Artillery of World War Two, 2nd corrected edition. Stackpole Books, Mechanicsville, 1997. ISBN 1-85367-480-X
  • Gander, Terry e Chamberlain, Peter. Enzyklopädie deutscher Waffen 1939–1945, Motorbuchverlag. ISBN 3-613-02481-0
  • Gander, Terry and Chamberlain, Peter. Weapons of the Third Reich: An Encyclopedic Survey of All Small Arms, Artillery and Special Weapons of the German Land Forces 1939-1945, Doubleday, New York, 1979, ISBN 0-385-15090-3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]