Zatōichi (film 2003)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Zatōichi
Screenshot-zatoichi.png
Zatoichi nelle prime scene del film
Titolo originale 座頭市
Zatōichi
Paese di produzione Giappone
Anno 2003
Durata 116 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere storico, azione
Regia Takeshi Kitano
Soggetto Kan Shimozawa (racconto)
Sceneggiatura Takeshi Kitano
Fotografia Katsumi Yanagishima
Montaggio Takeshi Kitano, Yoshinori Oota
Musiche Keiichi Suzuki
Scenografia Norihiro Isoda
Costumi Yohji Yamamoto
Interpreti e personaggi
Premi

Zatōichi è uno jidaigeki, ovvero un film storico in costume tipico della cinematografia giapponese, diretto da Takeshi Kitano.

Trama[modifica | modifica sorgente]

'800, Ichi è un massaggiatore cieco che vaga da paese in paese, cercando impieghi e case da gioco. Giunto in un piccolo paese, viene ospitato da O-Ume, il nipote della quale diventa alleato di Ichi.

Nel paese arrivano anche O-Sei e O-Kinu, due geisha che hanno un torbido passato. Intanto Hattori, giunto anch'egli in paese, si propone come guardia del corpo del signore locale, mentre la propria moglie è gravemente ammalata.

Tutte le storie troveranno un elemento comune, ed Ichi riuscirà ad aiutare tutti con la sua straordinaria abilità nell'uso della spada.

Il film[modifica | modifica sorgente]

Molti i richiami che Kitano opera in onore del suo ideale maestro Akira Kurosawa. Oltre alle scene di pioggia, molto amate da Kurosawa, ad un certo punto uno dei cattivi affronta Zatoichi armato di pistola, gesto vigliacco che ricorda La sfida del samurai.

Per la colonna sonora Kitano abbandona, dopo sette film, il compositore Joe Hisaishi, affidandosi al meno conosciuto Keiichi Suzuki.

Gli effetti splatter sono volutamente fatti con una computer grafica che salta subito all'occhio per ridurre l'impatto delle scene sugli spettatori; secondo Kitano gli schizzi di sangue dovevano sembrare come tanti petali di rose liberati a raffica nell'aria.[1]

Il film, girato in Giappone nella prefettura di Hiroshima, viene proiettato per la prima volta in Italia il 2 settembre 2003, durante il Festival del Cinema di Venezia in cui è in gara. In Giappone esce il 6 settembre 2003, mentre nelle sale italiane arriva il 14 novembre 2003.

Il film si è rivelato il più grande successo al botteghino di Kitano in tutto il mondo e negli USA, incassando un milione di dollari in america e 32 in tutto il mondo, di cui un altro milione in Italia.[2]

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Nelle scene in cui degli anonimi contadini lavorano nei campi a ritmo di musica è presente un richiamo a Dancer in the Dark di Lars von Trier.[3] Anche nel film I sette samurai di Akira Kurosawa, in una delle scene finali, i contadini raccolgono il riso a ritmo di musica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Zatôichi (2003) - Trivia - IMDb
  2. ^ Zatoichi: The Blind Swordsman (2004) - Box Office Mojo
  3. ^ Stefano Locati, Zatoichi (2003), asiaexpress.it, 23 gennaio 2011. URL consultato l'11 dicembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema