XIII (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
XIII
fumetto
Copertina del volume 15 dell'edizione italiana
Copertina del volume 15 dell'edizione italiana
Titolo orig. XIII
Lingua orig. francese
Paese Belgio
Testi Jean Van Hamme
Editore Dargaud
1ª edizione 1984
Editori it.
1ª edizione it. 1990
Collanaed. it. Lanciostory

XIII è una serie a fumetti franco-belga, scritta da Jean Van Hamme e disegnata da William Vance entrambi di nazionalità belga (con l'eccezione del volume 18, disegnato da Jean Giraud), pubblicata dalla editrice Dargaud a partire dal 1984, che ha per protagonista l'omonimo personaggio Numero XIII.

La storia ruota attorno al protagonista smemorato (XIII appunto, anche detto Tredicesimo) che cerca di scoprire il suo passato nascosto. Ispirato al libro di Robert Ludlum Un nome senza volto (The Bourne Identity, 1980),[senza fonte] la serie a fumetti di XIII fu inizialmente pubblicata a puntate nella rivista belga Spirou nel 1984 e poi ripubblicata da Dargaud in volumi. È stata tradotta in più di quattordici lingue.[senza fonte]

La serie ha riscosso grande successo in Francia e in Belgio, con milioni di copie vendute, diventando un vero e proprio oggetto di culto.[senza fonte] Le sono stati anche dedicati un videogioco, una miniserie e una serie televisiva, loghi per telefoni cellulari e un francobollo emesso dalle poste nazionali del Belgio.

In Italia XIII ha esordito nel 1990 sul settimanale Lanciostory dell'Eura Editoriale. Due anni più tardi l'Eura propose la serie su volume cartonato nella collana Euracomix, ma le vendite stentavano a decollare.[senza fonte] Dal 1999 la Panini Comics ha acquistato i diritti della serie e iniziato a ristampare i volumi secondo la scansione delle uscite francesi: cartonati di 48 pagine a colori, mentre l'Eura proseguiva la serializzazione a puntate sul settimanale, conclusasi nel 2008. A partire dalla fine del 2012 Aurea Editoriale (che nel frattempo aveva ereditato le pubblicazioni di Eura) ha ristampato tutta la prima serie in volumetti mensili in bianco e nero che contengono ciascuno due episodi. La ristampa si è conclusa con il n. 10 pubblicato il 30 settembre 2013. Il volume 22 Ritorno a GreenFalls è stato pubblicato da Panini Comics il 14 novembre 2013.

Elenco dei volumi[modifica | modifica sorgente]

  1. Il giorno del sole nero
  2. Là dove va l'indiano
  3. Tutte le lacrime dell'inferno
  4. SPAD
  5. Codice Rosso
  6. Il dossier Jason Fly
  7. La notte del 3 agosto
  8. Tredici contro uno
  9. Per Maria
  10. El Cascado
  11. Tre orologi d'argento
  12. La sentenza
  13. L'inchiesta
  14. Segreto militare
  15. Sguinzagliate i cani
  16. Operazione Montecristo
  17. L'oro di Massimiliano
  18. La versione irlandese (disegni di J.Giraud)
  19. L'ultimo round
  20. Il giorno del Mayflower
  21. L'esca
  22. Ritorno a Greenfalls

Trama[modifica | modifica sorgente]

La serie completa è composta da 19 volumi durante i quali si intrecciano le manovre fantapolitiche degli Stati Uniti d'America e le vicende di XIII, uomo affetto da amnesia in seguito ad una ferita alla testa che cerca di ricostruire il suo passato partendo da un'unica traccia: la cifra romana XIII tatuata sulla clavicola sinistra.

Volumi 1-5.

La serie comincia con un uomo che si risveglia su una spiaggia di Peacock Bay nella costa orientale degli Stati Uniti, si rende conto che soffre di amnesia, e solo il tatuaggio "XIII" sulla sua clavicola resta per collegarlo con il suo passato. In questi volumi gli autori conducono 'XIII' alla ricerca della sua identità e del suo passato, solo per trovare se stesso e affrontare la "cospirazione del XX", che mira a un colpo di stato negli Stati Uniti. Questi volumi formano un arco chiuso di storia, che termina con la distruzione del "XX". Nel primo volume, XIII si risveglia a terra e si trova presto braccato da sicari per motivi a lui sconosciuti. Riesce a sfuggirgli e trova una sua fotografia, che lo ritrae in compagnia di una donna, sviluppata da un fotografo nella città di Eastown. XIII parte per Eastown, dove identifica la donna sulla fotografia come Kim Rowland, vedova del capitano dell'Esercito degli Stati Uniti Steve Rowland. Andando all'indirizzo di Kim Rowland, XIII trova un messaggio nascosto lasciato da Kim, che dice che qualcuno soprannominato "la mangusta" ha trovato traccia di lei e che aspetterà XIII "dove va l'indiano". Ancora una volta braccato dai killer, XIII viene salvato dal colonnello Amos, un agente del governo che indaga sull'assassinio del Presidente degli Stati Uniti, William Sheridan. Il colonnello Amos ha un filmato che mostra XIII mentre uccide il presidente e così è sicuro che ha catturato l'assassino, ma lui ignora ancora la sua vera identità. XIII riesce a fuggire, e nella sua fuga, viene affrontato dalla mangusta, il capo degli assassini che stanno cacciando XIII.

Nel secondo volume, la ricerca di XIII per Kim Rowland porta alla su cattura da parte dell'esercito del General Carrington, che identifica XIII come Steve Rowland, marito di Kim Rowland ed ex membro di una speciale unità operativa chiamata SPADS (Special Assault and Destroying Sections) creata da Carrington e comandata da Rowland quando probabilmente lui è stato ucciso in un incidente in elicottero due anni prima. "Rowland" viene riportato a casa sua a Southbourg dall'autante di Carrington, il Tenente Jones. Mentre suo padre, Jeremie Rowland, un ricco proprietario terriero, ed altri parenti non esprimoino dubbio alcuno sulla sua identità, XIII è deluso di non trovare Kim lì. Amos viene ad incontrare XIII e ancora lo ritiene come suo primo sospettato dato che le sue impronte sono state trovate sul fucile del cecchino che ha sparato il presidente Sheridan. Ma mentre l'amnesia di XIII gli impedisce di essere di qualche utilità per trovare chi ha promosso l'assassinio di Sheridan, Amos lascia che XIII continui la ricerca di Kim Rowland perché, dato che lei è nascosta, sospetta che lei sappia qualcosa di importante. XIII finalmente riesce a trovare "dove va l'indiano", ma viene ingannato da Felicity giovane moglie Jeremie Rowland. Felicity ammazza Jeremie Rowland e Matt, il nipote di and Steve, incastrando XIII per gli omicidi, con lo scopo di ereditare la fortuna di Jeremy. XIII sfugge, tuttavia, alla polizia con Carrington e l'aiutante il tenente Jones, e si riunisce con Kim nel suo nascondiglio. Kim gli rivela che anche lei è tatuata come lui, con il numero XVII, e che lei non sa il vero nome di XIII, che in realtà non è Steve Rowland. Kim scompare mentre XIII viene arrestato dalla polizia, processato e giudicato colpevole per l'assassinio del Rowlands, e condannato alla prigione di massima sicurezza.

Il terzo volume inizia con XIII in una struttura per pazzi criminali. Nel frattempo il colonnello Amos, proseguendo nell sua inchiesta, inizia a rendersi conto che XIII non è Steve Rowland, ma un sosia. Egli suppone che Steve Rowland è stato davvero ucciso in azione e che XIII ha subito interventi di chirurgia plastica, assassinato il presidente Sheridan, e la mangusta ha cercato di ucciderlo a lasciare agli investigatori un corpo che venisse identificato come Steve Rowland, per portare l'inchiesta a un vicolo cieco. Il colonnello Amos richiede l'aiuto di Carrington per identificare le persone che hanno ricevuto una formazione speciale come militari di primo livello e che corrispondono all'aspetto di XIII, con lo scopo di scoprire l'identità reale XIII. Carrington fornisce le identità di una ventina di persone; uno di loro, un Ross Tanner, è scomparso da due anni. Amos decide di lasciare XIII in carcere per averlo a portata di mano e curarlo per interrompere la sua amnesia. Il trattamento non riesce, e la mangusta cerca di uccidere in prigione XIII. Per eludere il killer Mangusta, XIII tenta una evasione, che non riesce, ma Carrington e Jones riescono a portar fuori XIII.

Il quarto volume inizia con il colonnello Amos che constata che Carrington ha inventato l'identità Tanner, e sospetta che fosse parte del complotto per uccidere il presidente Sheridan. XIII, sotto il nome di Ross Tanner, è stato nascosto da Carrington in una struttura di formazione SPAD nel paese immaginario di San Miguel. Proseguendo la sua verifica degli archivi, il colonnello Amos constata che, nella tomba di un Jason Fly c'era infatti il corpo del vero capitano Steve Rowland, non ucciso in un incidente d'elicottero, due anni prima dai proiettili, ma poco dopo l'assassinio del presidente Sheridan. Supponendo ora che Rowland è stato il vero assassino, Amos è confuso sul reale ruolo di XIII, ma espone i fatti al giudice Allenby, che aveva individuato il corpo nello schianto d'elicottero come quello di Rowland e ora è il capo delle indagini, e come uno dei cospiratori aveva indosso il numero VI. Amos chiede ad Allenby il nome del Numero I della congiura, ma Allenby viene ucciso dal killer della Mangusta, che stava, poi, per uccidere Amos quando è colpito da Kim Rowland. Nel frattempo, una Sergente SPAD di nome Betty Barnowsky rivela a XIII che ha visto una volta Steve Rowland a Eastown, dopo la sua presunta morte nell'incidente in elicottero, in compagnia del colonnello SPAD Seymour Mac Call, così rivelato come membro della congiura. XIII, Barnowsky e Jones sfuggono ad un tentativo di assassinio da parte colonnello Mac Call, ma alla fine si perdono nella giungla di San Miguel.

Kim Rowland porta Amos dal direttore dell'FBI Carl Heideger e dal generale Carrington, per rivelare che, dopo la sua finta morte nello schianto dell'elicottero, Steve Rowland contattò la moglie Kim e la fece membro della cospirazione. Kim, non condividendo l'ideologia stessa della cospirazione ed essendo ex agente dell'FBI, segretamente ha avvertito il suo ex capo Heideger, che non fu comunque in grado di impedire l'assassinio del presidente Sheridan. Steve Rowland venne colpito dalla Mongusta per porre fine a tutti gli accertamenti e per scoprire il complotto, ma fuggì gravemente ferito e morì poco dopo aver detto a Kim quello che è successo. Heideger e Carrington poi crearono un piano per far credere alla 'congiura dei XX' che Steve Rowland era sopravvissuto, in modo da attirare gli assassini della Mangusta, nella speranza di arrestarli e seguire le loro tracce per trovare i congiurati. Loro avevano trasformato Jason Fly nel sosia di Steve Rowland, ma poco dopo è scomparso (è stato colpito, perdendo la memoria... come visto all'inizio della storia). Inoltre Kim Rowland ha rivelato di essere la figlia di Carrington.

All'inizio del volume cinque, XIII, Jones e Barnowsky rapiscono il Marchese di Préseau, ricoo proprietario terriero, per rubare il suo jet e per ritornare negli Stati Uniti. Nel frattempo Carrington e Heideger sono stati arrestati dai congiurati, che si preparano a prendere il paese nel corso di un'esercitazione militare su larga scala. XIII e le donne si incontrano con il colonnello Amos, che li mette in contatto con Walter Sheridan, fratello del presidente assassinato William Sheridan e candidato alla Presidenza.

Sheridan aiuta XIII infiltrarsi nel centro militare delle operazioni, e insieme al Presidente Galbrain riescono a fermare la congiura all'ultimo momento. Ogni membrio della cospirazione, con l'eccezione dell'illustre Numero I, è stato ucciso o catturato. Walter Sheridan è eletto presidente. Kim Rowland resta dispersa per ragioni sconosciute. Alla fine di questo arco narrativo, XIII crede di aver trovato la sua vecchia identità di Jason Fly, ed è pronto a continuare la sua vita normalmente, anche se i ricordi non gli sono ancora ritornati.

Volumi 6-8. Nei seguenti volumi XIII riprende l'indagine sul suo passato. I Volumi sei e sette vedono XIII a Greenfalls, una città di neve sulle Montagne Rocciose, dove la storia ruota intorno al destino di suo padre nei maccartiani anni cinquanta. XIII apprende che suo padre, Jonathan Fly, è stato assassinato dalla locale setta del Ku Klux Klan; dopo aver scoperto la vera identità Fly si muove nei panni di Jonathan Mac Lane, un "giornalista" rosso che era dovuto fuggire dopo aver sofferto sotto la maccartiana caccia alle streghe. La Mangusta è ancora sulla pista di XIII con la benedizione degli assassini di Jonathan MacLane, ma XIII elude la caccia all'uomo, riesce ad ottenere giustizia per l'assassinio di suo padre e riesce ad arrestare la Mangusta, che rivela che era sulla barca di Numero I quando ha sparato il proiettile che ha fatto reso XIII amnesico, ma non ottiene nessuna informazione su Numero I. La storia finisce e con la buona idea di aver finalmente trovato la sua vera identità di Jason Mac Lane.

Opere derivate[modifica | modifica sorgente]

Nel 2003 la storia dei primi cinque volumi è stata adattata in un videogioco dal titolo omonimo che è stato distribuito su diverse piattaforme.[senza fonte]

Nel 2008 XIII, interpretato da Stephen Dorff è stato protagonista di una miniserie tv in due episodi di produzione franco-canadese,[senza fonte] a cui ha fatto seguito una serie televisiva omonima, giunta alla seconda stagione, con parte dello stesso cast, dove XIII viene però interpretato dall'attore Stuart Townsend.[senza fonte]

fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti