William Bateson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
William Bateson

William Bateson (Whitby, 8 agosto 1861Londra, 8 febbraio 1926) è stato un genetista britannico.

Fu il primo ad usare il termine genetica per descrivere lo studio dell'ereditarietà e della variabilità genetica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Bateson nacque a Whitby, nella contea inglese dello Yorkshire, frequentò la Scuola di rugby ed il College di St John a Cambridge. Ha divulgato il lavoro di Gregor Mendel nei paesi di lingua inglese.

Fu coinvolto in un'aspra disputa con i biometristi condotta da Walter Frank Raphael Weldon, che era stato suo insegnante, e da Karl Pearson. I biometristi dubitavano di gran parte delle ipotesi di Mendel sull'ereditarietà e credevano che l'evoluzione procedesse gradualmente più che a salti. Queste divergenze furono poi risolte con la moderna sintesi evoluzionistica.[1]

Scrisse il trattato Materials for the study of variation: treated with special regard to discontinuity in the origin of species (Materiali per lo studio della variazione: trattato con riguardo speciale alla discontinuità nell'origine delle specie.1894), in cui catalogò alcune variazioni fisiche insolite in esemplari di animali e classificò ogni variazione come deviazione del numero previsto di una certa parte del corpo o come sostituzione di una parte del corpo (che chiamò omeotica).

Tra le variazioni animali che studiò si trovano:

Bateson fu il primo a suggerire il termine "genetica" (dal Greco genno, γεννώ; dare origine) per descrivere lo studio dell'ereditarietà e della variabilità genetica in una lettera personale ad Alan (o Adam) Sedgwick, datata 18 aprile, 1905.[3]

Usò pubblicamente tale termine nella "Terza conferenza internazionale sull'ibridizzazione delle piante", svoltasi a Londra nel 1906, tre anni prima che Wilhelm Johannsen usasse la parola "gene" per descrivere le unità dell'informazione ereditaria, perciò il fenomeno del fenotipo venne studiato prima della scoperta dei geni.

Fu co-scopritore, insieme con Reginald Punnett, del collegamento genetico. I due fondarono il Journal of Genetics nel 1910.

Suo figlio fu il noto antropologo Gregory Bateson.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ W. B. Provine (1971). The Origins of Theoretical Population Genetics. University of Chicago Press.
  2. ^ Sean B. Carroll (2005). Endless Forms Most Beautiful: The New Science of Evo Devo. W. W. Norton. pp. 46, 48.
  3. ^ Robert H. Haynes. "Heritable Variation and Mutagenesis at Early International Congress of Genetics". Genetic Society of America, 1998.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Materials for the study of variation: treated with especial regard to discontinuity in the origin of species. London, Macmillan and co., 1894.
  • The methods and scope of genetics. Cambridge, University Press, 1908.
  • Mendels principles of heredity. Cambridge, University press, 1909.
  • Problems of genetics. Oxford, University Press, 1913.
  • Scientific papers of William Bateson, 2 vol. Cambridge, University press, 1928.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Beatrice Bateson. William Bateson, F. R. S. : his essays and addresses / with a memoir by Beatrice Bateson. New York; London, 1984. ISBN 0-8240-5801-1.

Collegamenti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 46821482 LCCN: n79066636

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie