Reginald Punnett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Reginald Crundall Punnett (Tonbridge, 20 giugno 1875Bilbrook, 3 gennaio 1967) è stato un genetista britannico. Punnett nacque a Tonbridge e fu educato al Gonville and Caius College di Cambridge, dove iniziò a studiare medicina ma si laureò nel 1898 in zoologia. Rimase a Cambridge per eseguire ricerche sulla fisiologia di vermi nemertini. Quando, nel 1900, furono riscoperti i lavori di Mendel sulla genetica, Punnett con l'aiuto di William Bateson riuscirono a introdurre la nuova genetica a Cambridge, scoprendo, sempre con Bateson, vari collegamenti genetici. Punnett fu anche il creatore del Quadrato di Punnett, uno strumento ancora utilizzato dai biologi odierni per calcolare le probabilità dei possibili genotipi in un incrocio. Nel 1908, non riuscendo a spiegare come un allele dominante non diventi col tempo fisso in tutta una popolazione, espose i suoi dubbi al matematico inglese G.H. Hardy, con il quale giocava a cricket. Hardy formulò, così, un principio fondamentale della genetica delle popolazioni, la cosiddetta Legge di Hardy-Weinberg. Bateson e Punnett fondarono, nel 1910 il “Giornale della Genetica”. Punnett diventò professore di genetica a Cambridge nel 1912 quando Bateson abbandonò la cattedra e fu eletto Fellow della Royal Society nello stesso anno. Ricevette nel 1922 la Darwin Medal e si ritirò nel 1940. Morì nel 1967 a Bilbrook.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 5715283 LCCN: n87826191

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie