Wheels of Fire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wheels of Fire
Artista Cream
Tipo album Studio
Pubblicazione Luglio 1968
Durata 84 min. : 23 s.
Genere Rock psichedelico
Blues rock
Etichetta Polydor (U.K.)
Atco (U.S.)
Produttore Felix Pappalardi
Registrazione luglio 1967/aprile 1968, Atlantic Studios, New York
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Cream - cronologia
Album precedente
(1967)
Album successivo
(1969)

Wheels of Fire è un doppio album dei Cream del 1968. Il primo disco è registrato in studio mentre il secondo è registrato dal vivo.

L'album raggiunge la prima posizione nella Billboard 200 per quattro settimane, in Australia per quattro settimane ed in Canada e la terza nel Regno Unito.

Il singolo White Room raggiunge la prima posizione in Australia, la seconda in Olanda, Canada e Nuova Zelanda e la sesta nella Billboard Hot 100.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

In the Studio (disco uno)[modifica | modifica sorgente]

  1. White Room – 4:58 (J.Bruce, P.Brown)
  2. Sitting on Top of the World – 4:58 (C.Burnett)
  3. Passing the Time – 4:37
  4. As You Said – 4:20
  5. Pressed Rat and Warthog – 3:13 (G.Baker)
  6. Politician – 4:12 (J.Bruce, P.Brown)
  7. Those Were the Days – 2:53 (G.Baker, M.Taylor)
  8. Born Under a Bad Sign – 3:09 (booker T.Jones, W.Bell)
  9. Deserted Cities of the Heart – 3:38 (J.Bruce, P.Brown)

Live at the Fillmore (disco due)[modifica | modifica sorgente]

  1. Crossroads – 4:14
  2. Spoonful – 16:48
  3. Traintime – 6:52
  4. Toad – 16:16

Nonostante il disco sia intitolato Live at the Filmore, solamente la quarta traccia è stata registrata a Fillmore West. Le altre tre tracce furono registrate dal vivo al Winterland Ballroom di San Francisco[1].

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Note interne dell'album The Very Best of Cream.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock