Vittorio Bergamo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vittorio Bergamo
Vittorio Bergamo1.jpg
Vittorio Bergamo con la maglia del Palermo
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Carriera
Squadre di club1
1938-1939 Ponziana Ponziana  ? (?)
1939-1940 Fortitudo Trieste Fortitudo Trieste  ? (?)
1941-1943 Biellese Biellese 57 (7)
1944 Biellese Biellese 9 (1)
1944-1946 Vigevano Vigevano  ? (?)
1946-1950 Genoa Genoa 132 (9)
1950-1952 Sampdoria Sampdoria 62 (6)
1952-1955 Lazio Lazio 58 (4)
1955-1956 Palermo Palermo 22 (2)
1956-1957 Biellese Biellese 15 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vittorio Bergamo (Roveredo in Piano, 12 giugno 1922Biella, 3 giugno 2011) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

È morto il 3 giugno 2011 all'età di 88 anni.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocò le prime stagioni agonistiche dal 1938 alla Fortitudo Trieste, club giuliano che militava in Serie C.

Dal 1940 viene ingaggiato dalla Biellese, club con il quale rimane sino al 1944 disputando anche il Campionato di Guerra del 1944.

Sempre nel 1944 passa al Vigevano Calcio. Dal club lombardo passa al Genoa esordendo in Serie A il 22 settembre 1946 nel successo rossoblu per quattro a zero contro il Brescia. Con i rossoblu gioca quattro anni, quasi sempre da titolare.

Nel 1950 passa ai rivali del Grifone, ovvero la Sampdoria, scambiato con l'attaccante Giuseppe Baldini[2]. Con i blucerchiati rimane due stagioni prima di venire ingaggiato dalla Lazio.

Le ultime stagioni le gioca al Palermo (22 presenze e 2 reti nel 1955-1956) ed infine chiude la carriera tornando a giocare nuovamente con la Biellese dove milita sino al 1957.

È ricordato come una bandiera tra le tifoserie di Lazio e Genoa pur avendo militato anche nelle file dei rivali cittadini della Sampdoria, con i quali mise a segno il gol che aprì le marcature nel derby del 22 aprile 1951. Derby che terminò 3 a 2 per la Sampdoria e che indirizzò il Genoa verso la seconda retrocessione della sua storia in Serie B.[3]

In carriera ha totalizzato complessivamente 252 presenze e 19 reti in Serie A.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il grifone piange Vittorio Bergamo Noodls.com
  2. ^ Fondazione Genoa
  3. ^ I precedenti casalinghi del Genoa contro la Sampdoria Fondazionegenoa.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]