Vanitas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La vanitas, in pittura, è una natura morta con elementi simbolici allusivi al tema della caducità della vita. Il nome deriva dalla frase biblica vanitas vanitatum et omnia vanitas e, come il memento mori, è un ammonimento all'effimera condizione dell'esistenza.[1]

Questo genere pittorico ha avuto il suo massimo sviluppo nel Seicento, soprattutto in Olanda,[1] strettamente correlato al senso di precarietà che investì il continente europeo in seguito alla guerra dei trent'anni e al dilagare delle epidemie di peste.[2]

Simbolismi[modifica | modifica wikitesto]

Allegoria della vanità, Antonio de Pereda, circa 1634

Gli elementi caratteristici di tali composizioni possono essere:[1]

  • il teschio, la candela spenta o il silenzio degli strumenti musicali, in quanto simboli di morte;
  • la clessidra o l'orologio, come simboli del trascorrere del tempo;
  • le bolle di sapone, di solito rappresentate con un putto o un adolescente che le crea soffiando da una specie di cannuccia, simbolo sia della transitorietà della vita e della transitorietà dei beni terreni;
  • un fiore spezzato, come un tulipano o una rosa, simbolo della vita che come quel fiore prima o poi appassirà. Anche nel famoso Canestra di frutta di Caravaggio la mela bacata, oltre che indice di crudo realismo, sta ad indicare la caducità.

Note opere con questo soggetto sono state realizzate da artisti quali Guercino, Salvator Rosa, Antonio de Pereda, Philippe de Champaigne, Abraham Mignon, Hans Holbein il Giovane, Simon Renard de Saint-André, Jan Brueghel il Vecchio, Pieter Paul Rubens, Pieter Claesz, Harmen Steenwijck.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Cf. Vocabolario Treccani online.
  2. ^ Matilde Battistini, Simboli e Allegorie, Milano, Mondadori Electa, 2002, pp. 360-5. ISBN 8843581740; ISBN 9788843581740.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura