Tragulus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tragulus
Lesser.malay.mouse.deer.arp.jpg
Tragulus javanicus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Tragulidae
Genere Tragulus
Brisson, 1762
Specie

Tragulus Brisson, 1762 è uno dei tre generi in cui viene suddivisa la famiglia dei Tragulidi[1]. In greco Tragos significa «capra», mentre il suffisso latino –ulus vuol dire «minuscolo». Con un peso variabile tra i 700 g e gli 8 kg, e una lunghezza di 40-75 cm, i traguli di questo genere sono i più piccoli ungulati del mondo, malgrado le specie più grandi superino per dimensioni alcune antilopi del genere Neotragus[2]. L'areale di questi traguli è ristretto all'Asia sud-orientale, dalla Cina meridionale (Yunnan meridionale) fino alle Filippine (Balabac) e Giava[2]. In seguito ad una recente revisione tassonomica, alcune specie di questo genere sono divenute poco conosciute, ma si ritiene che siano prevalentemente notturne e che si nutrano di foglie, frutti, erba e altri vegetali che trovano nel fitto sottobosco delle foreste in cui vivono[2]. Vivono solitarie o in coppia e i maschi possiedono canini allungati (le corna non sono presenti in nessuno dei due sessi) impiegati nei combattimenti[2]. Diversamente da altri membri della loro famiglia, i traguli del genere Tragulus non presentano strisce o macchie chiare evidenti sulla regione superiore[2].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Originariamente, all'interno del genere Tragulus venivano riconosciute solamente due specie: T. napu, di maggiori dimensioni, e il più piccolo T. javanicus. Nel 2004, in seguito ad una revisione tassonomica, due sottospecie di T. napu sono state elevate al rango di specie, T. nigricans e T. versicolor, e lo stesso è avvenuto ad altre due razze di T. javanicus, T. kanchil e T. williamsoni[3]. Dopo queste variazioni, T. kanchil e T. napu sono risultate le due sottospecie più numerose, mentre le rimanenti si trovano soltanto in areali piuttosto ristretti (sebbene in Indocina sia piuttosto difficile riuscire a determinare con esattezza la distribuzione delle varie specie)[3].

Le specie attualmente riconosciute sono:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Tragulus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b c d e Nowak, R. M. (eds) (1999). Walker's Mammals of the World. 6th edition. Johns Hopkins University Press.
  3. ^ a b Meijaard, I., and C. P. Groves (2004). A taxonomic revision of the Tragulus mouse-deer. Zoological Journal of the Linnean Society 140: 63-102.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi