Tracey Rose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tracey Rose (Durban, 1974) è un'artista sudafricana. Vive e lavora a Johannesburg. Il suo lavoro si concentra sulla performance, la video installazione e la fotografia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Tracey Rose nasce nel 1974 a Durban, in Sudafrica. Dopo aver frequentato la facoltà di Belle Arti alla University of the Witwatersrand a Johannesburg, si laurea nel 1996. Insegna al Vaal Triangle Technikon, Vanderbijl Park, in Sud Africa e alla University of the Witwatersrand. Tra febbraio e marzo del 2001 è in residenza a Città del Capo alla South African National Gallery, dove sviluppa il lavoro che presenta alla Biennale di Venezia dello stesso anno, curata da Harald Szeemann. La sua galleria statunitense è The Project, di Christian Have.[1].

Lavoro[modifica | modifica sorgente]

l lavoro della Rose si confronta con i limiti del dogma, e i difetti nel dibattito culturale istituzionalizzato. L'insistenza con cui affronta le politiche identitarie, di genere, sessuali, razziali e gender, è una cifra sempre presente nel suo lavoro[2]. Secondo Jan Avgikos[3] "parte del fascino esercitato dal lavoro della Rose risiede nella sua capacità di citare fluidamente l'arte performativa degli anni '60 e '70".

Selezione di opere[modifica | modifica sorgente]

  • The Thinker (il pensatore), oggetti trovati e test, 1996. una piccola riproduzione della scultura The Thinker di Auguste Rodin, usata come arma durante una discussione familiare[4].
  • Span I and Span II, presentata alla second Biennale di Johannesburg all'interno della mostra Graft, curate da Colin Richards, 1997. Il lavoro è stato presentato nella Biennale di Dakar del 2000.
  • Ongetiteld (Untitled). Un progetto video con i Surveillance camera players[5] nel quale l'artista rasa tutti i peli del suo corpo. Presentato all'interno di Democracys Images, al Bildmuseet di Umeå in Svezia, 1998.
  • Ciao Bella, Presentato alla Biennale di Venezia 2001.


Mostre[modifica | modifica sorgente]

Secondo Sue Williamson[6], "Tracey Rose non è un professionista che approfitta di ogni occasione curatoriale che le viene offerta, si è infatti ritirata da più di una mostra, se le circostanze non le sono sembrate adatte." Il lavoro della Rose è stato ampiamente esposto in Africa, Europa e Stati Uniti. Alcune mostre personali recenti includono: "The Cockpit" a MC, Los Angeles, CA,[7] "Plantation Lullabies" alla Goodman Gallery, Johannesburg, Sud Africa,[8] entrambe nel 2008.

Tra le recenti mostre collettive figurano "El Mirall Sud-Africa" presso il Centre de Cultura Contemporanea di Barcellona, in Spagna, "Mouth Open, Teeth Showing: Major Works from the True Collection" alla Henry Art Gallery di Seattle, "Memories of Modernity" in Malmo, Svezia, "Check List: Luanda Pop" presso il padiglione africano alla 52ª Biennale di Venezia "Heterotopias" alla Biennale di Salonicco in Grecia, e di "Global Feminisms" presso il Centro Elizabeth A. Sackler di arte femminista a Brooklyn , New York (tutti nel 2007).

Personali[modifica | modifica sorgente]

  • The Project, New York, 1999
  • The Goodman Gallery, Johannesburg, 2000
  • The Project, New York, 2000
  • Ciao Bella, The Goodman Gallery, Johannesburg, 2002
  • The Project, New York, 2002[9]
  • The Project, New York City, 2004
  • The Thieveing Fuck and the Intagalactic Lay, The Goodman Gallery, Johannesburg, 2004
  • The Project, New York City, NY, 2007
  • Plantation Lullabies, The Goodman Gallery, Johannesburg, 2008
  • The Cockpit, MC Kunst, Los Angeles, 2008
  • Raison d'être, Espace doual'art, Douala, 2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The artist profile on Artfacts.
  2. ^ Art of Africa: The 50 best African artists in The Independent, Independent News and Media Limited, 1º dicembre 2006. URL consultato il 30 aprile 2009.
  3. ^ Jan Avgikos, The Project - Reviews - Tracey Rose in "Art Forum", October 2002.
  4. ^ Sue Williamson, A feature on an artist in the public eye: Tracey Rose in "Artthrob", n. 43, March 2001.
  5. ^ «Surveillance Camera Players», http://www.notbored.org/the-scp.html.
  6. ^ Sue Williamson, A feature on an artist in the public eye: Tracey Rose in "Artthrob", n. 43, March 2001.
  7. ^ Exhibitions - Tracy Rose, "The Cockpit". URL consultato il 30 aprile 2009. [collegamento interrotto]
  8. ^ Tracy Rose, "Plantation Lullabies", Goodman Gallery. URL consultato il 30 aprile 2009.
  9. ^ Holland Cotter, Art in review: Tracey Rose in "The New York Times", 31/05/2002.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sue Williamson, A feature on an artist in the public eye: Tracey Rose in "Artthrob", n. 43, March 2001.
  • Jan Avgikos, The Project - Reviews - Tracey Rose in "Art Forum", October 2002.
  • Tracey Rose: Fresh, edited by Kellie Jones and Emma Bedford, South African National Gallery, 2003.
  • Emma Bedford, Tracey Rose in 10 years 100 artists: art in a democratic South Africa, ed. Sophie Perryer, Struik, 2004.
  • Tracey Murinik, Tracey Rose: plasticienne, Les Carnets de la création, Carnets de la création: Afrique du sud, Éditions de l'Oeil, Paris, 2005.


Controllo di autorità VIAF: 23309998 LCCN: no2003113239

arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte