Thorstein Veblen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thorstein Bunde Veblen

Thorstein Bunde Veblen (Cato, 30 luglio 1857Menlo Park, 3 agosto 1929) è stato un economista e sociologo statunitense, uno dei principali esponenti dell'istituzionalismo economico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di immigrati norvegesi, studiò a Baltimora ed a Yale ed insegnò all'Università di Chicago ed a quella del Missouri.

Lavoro[modifica | modifica wikitesto]

La sua opera principale è La teoria della classe agiata (1899), in cui sostiene che la proprietà privata non risponde solo a necessità di sussistenza, ma va interpretata come un segno di distinzione e di prestigio sociale che si aggiunge alle qualità personali. Per questo la ricchezza non viene solo accumulata, ma mostrata in società attraverso l'ostentazione di beni costosi; ciò porta anche ad un singolare gusto, per cui il valore estetico di un oggetto è legato strettamente al suo costo economico. Questa deriva consumistica è tipica in particolare della classe dei capitalisti che vivono di speculazione, senza produrre beni e lucrando sul lavoro di altri. Ad essi Veblen contrappone gli industriali, i tecnici, gli ingegneri, tutti coloro che producono beni effettivi che fanno evolvere la società. Il sociologo statunitense ritiene che questi ultimi finiranno con il prevalere, e che la classe agiata improduttiva, con il suo istinto di rapina, sia destinata a scomparire.

Alla contrapposizione tra classe agiata e classe industriale si lega in Veblen la contrapposizione tra cultura umanistica e cultura tecnologica. La prima è un prodotto dell'ozio della classe agiata e diffonde una visione del mondo magica, anche quando è insegnata nelle Università. La vera cultura è quella tecnologica, finalizzata all'efficienza del sistema produttivo.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La teoria della classe agiata, 1899
  • La teoria dell'impresa commerciale, 1904
  • L'istinto lavorativo e lo stato delle arti industriali, 1914
  • La Germania imperiale e la rivoluzione industriale, 1915
  • Il ruolo della scienza nella civiltà moderna e altri saggi, 1919
  • L'interesse acquisito e lo stato delle arti industriali, 1919
  • La proprietà assenteista e l'impresa commerciale in tempi recenti: il caso dell'America, 1921
  • Saggi sul nostro ordine in evoluzione, 1934

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71451539 LCCN: n79055669