Teruo Ishii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Teruo Ishii (石井輝男 Ishii Teruo?) (Tokyo, 1º gennaio 1924Tokyo, 12 agosto 2005) è stato un regista e sceneggiatore giapponese. Ha diretto oltre ottanta film ed è conosciuto principalmente per aver diretto pellicole appartenenti ai generi cinematografici pinku eiga, Ero guro e Pinky Violence, tra i quali Female Yakuza Tale: Inquisition and Torture, The Joy of Torture e Horror Of The Malformed Men.

I suoi film più celebri appartengono all'Ero guro, nei quali Ishii sfiorò i limiti della rappresentabilità, mostrando torture di ogni genere e offrendo agli sguardi degli spettatori le nudità delle protagoniste.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Teruo Ishii entrò nel mondo del cinema nel 1942, lavorando come aiuto regista per la Toho Company. Durante la seconda guerra mondiale, Ishii fu mandato in Manciuria, per fotografare i bombardamenti aerei.[2]

Nel 1947, Teruo Ishii entrò a far parte della Shintoho, lavorando come aiuto regista di Mikio Naruse.[2] Lavorò anche con Hiroshi Shimizu e studiò sceneggiatura con Shinichi Sekizawa.[2] Nel 1957, Ishii diresse il suo primo film, Amagi shinju: Tengoku ni musubu koi. Dopo il fallimento della Shintoho, il regista passò alla Toei Company,[2] dirigendo Hana to arashi to gyangu, quindi nel 1965 diresse Abashiri Prison, primo film di una lunga serie.

Nel 1968, Ishii diresse The Joy of Torture, primo film di una serie comprendente otto film, e Onsen Geisha, primo film di un'altra celebre serie. Nel 1969 diresse l'horror-splatter Horror Of The Malformed Men, quindi nel 1973 diresse Reiko Ike nel Pinky Violence Female Yakuza Tale: Inquisition and Torture, sequel di Sex and Fury, diretto lo stesso anno da Norifumi Suzuki. Nel 1979 Ishii interruppe la sua carriera nel cinema, per dedicarsi alla televisione. Tornò alla regia cinematografica nel 1991, dirigendo The Hit Man, seguito da altri quattro film.

Teruo Ishii morì nel 2005, a causa di un cancro.[2]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Autori vari, Ishii Teruo: i presunti piaceri della tortura, in Dossier Nocturno numero 67. The incredible torture show. Guida al cinema della tortura, Milano, Nocturno Cinema, 2008, p. 63.
  2. ^ a b c d e (EN) Mark Schilling, The Yakuza Movie Book: A Guide to Japanese Gangster Films, Berkley, Stone Bridge Press, p. 56, ISBN 1-880656-76-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 59375384