Reiko Ike

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Artista musicale}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Reiko Ike (池玲子 Ike Reiko?) (Tokyo, 25 maggio 1953) è un'attrice e cantante giapponese.

È considerata un'icona del genere Pinky Violence, per le sue interpretazioni in film divenuti dei cult movie, quali Sex and Fury, Female Yakuza Tale: Inquisition and Torture e Girl Boss Guerilla.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La carriera cinematografica della Ike iniziò nel 1971, quando interpretò un ruolo in Hot Springs Mimizu Geisha. Successivamente la Ike dichiarò di aver mentito sulla sua età, per ottenere la parte, confessando di aver avuto all'epoca 16 anni. Ciò provocò uno scandalo nei mass media giapponesi.[2]

La Ike continuò ad interpretare film erotici appartenenti al genere Pinky Violence, spesso diretta dallo specialista Norifumi Suzuki, e ottenne grande successo con i film Girl Boss Guerilla e soprattutto con Sex and Fury e il sequel Female Yakuza Tale: Inquisition and Torture, nei quali interpretò il ruolo della ladra e giocatrice d'azzardo Ochô Inoshika.

In seguito a due arresti, uno per droga e l'altro per gioco d'azzardo, la carriera cinematografica della Ike terminò alla fine degli anni settanta.[3]

La Ike pubblicò anche un album discografico, intitolato Kôkotsu No Sekai, uscito nel 1971.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Autori vari, Dossier Nocturno n. 67. The incredible torture show. Guida al cinema della tortura, Milano, Nocturno, 2008.
  2. ^ Biografia su Pinky-violence.com. URL consultato il 6 gennaio 2009.
  3. ^ (EN) Thomas Weisser & Yuko Mihara, Japanese Cinema Encyclopedia: The Sex Films, Miami, Vital Books : Asian Cult Cinema Publications, 2006, ISBN 1-889288-52-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 108120404