Tegea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tegea
frazione
Τεγέα
Tegea – Veduta
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Peloponneso
Unità periferica Arcadia
Comune Tripoli
Territorio
Coordinate 37°27′N 22°25′E / 37.45°N 22.416667°E37.45; 22.416667 (Tegea)Coordinate: 37°27′N 22°25′E / 37.45°N 22.416667°E37.45; 22.416667 (Tegea)
Altitudine 650 m s.l.m.
Abitanti 3 858 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 220 12
Prefisso 2710
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Tegea

Tegea (in greco Τεγέα) è un ex comune della Grecia nella periferia del Peloponneso di 3.858 abitanti secondo i dati del censimento 2001.[1]

È stato soppresso a seguito della riforma amministrativa detta piano Kallikratis in vigore dal gennaio 2011[2] ed è ora compreso nel comune di Tripoli.

Nell'Antica Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Tegea era un'antica provincia dell'Arcadia già importante all'epoca di Omero per la sua posizione strategica sulla strada tra Sparta e Corinto. Venne pertanto sottomessa dagli Spartani nel 550 a.C.. Secondo quanto riportato da Erodoto, Oreste sarebbe stato sepolto a Tegea: ritrovandone il corpo, Lica, uno dei cinque Spartati detti Valenti, riuscì nel procurare la vittoria di Sparta sulla città di Tegea, in conformità con quanto detto dalla Pizia.[3] L'esercito tegeato era ben addestrato tanto che nella battaglia di Platea nel 479 a.C., tra Greci e Persiani, il comandante greco Pausania, consapevole della qualità, lo spinse nella battaglia e ne uscì vincitore. Tegea tentò di ribellarsi a Sparta ma fu nuovamente sottomessa. Quindi iniziò un periodo di decadenza culminato con l'egemonia di Tebe e la costruzione di Megalopoli.

Un monumento di grande interesse è rappresentato dai resti del santuario dedicato a Atena Alea, distrutto da un incendio nel 395 a.C. venne ricostruito dall'architetto e scultore greco Scopas che ne abbellì i frontoni con figure ricche di pathos e drammaticamente espressive. Poco resta della cinta muraria.

Località[modifica | modifica wikitesto]

Tegea è formata dall'insieme delle seguenti località:

  • Alea
  • Episkopi
  • Garea
  • Kamari
  • Kandalos
  • Kerasitsa, where the politician Gregoris Lambrakis was born in 1912
  • Lithovounia
  • Magoula (Magoula, Giokareika)
  • Manthyrea
  • Mavriki
  • Psili Vrysi (Psili Vrysi, Bouzaneika)
  • Rizes
  • Stadio (Stadio, Agios Sostis, Akra)
  • Tzivas
  • Vouno
  • Strigkos (Strigkos, Demiri)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Censimento 2001. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ piano Kallikratis. URL consultato il 2 maggio 2011.
  3. ^ Erodoto, I, 68.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia