Stazione di Acqui Terme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°40′21.14″N 8°28′24.46″E / 44.672538°N 8.47346°E44.672538; 8.47346

Acqui Terme
stazione ferroviaria
Stazione di Acqui Terme 04.jpg
Stato Italia Italia
Localizzazione Piazza Vittorio Veneto, Acqui Terme
Attivazione 1858
Stato attuale in uso
Linee Asti-Genova
Alessandria-San Giuseppe di Cairo
Tipo stazione in superficie, passante, di diramazione
Interscambi Autobus extraurbani

La stazione di Acqui Terme è la stazione ferroviaria dell'omonimo comune. Presso questo scalo la ferrovia Asti-Genova si incrocia con la Alessandria-San Giuseppe di Cairo

Si trova in Piazza Vittorio Veneto vicino al centro storico della cittadina.

Il gestore Rete Ferroviaria Italiana (RFI) classifica l'impianto all'interno della categoria silver[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

La stazione è stata aperta il 3 gennaio 1858, quando fu inaugurato il tronco ferroviario per Alessandria. L'impianto rimase di testa fino al 1874, quando fu aperta all'esercizio la prosecuzione per San Giuseppe di Cairo. Nel 1893 la stazione fu raggiunta dalla AstiOvada, primo tronco della linea per Genova[2].

Strutture e impianti[modifica | modifica sorgente]

Interno della stazione di Acqui Terme, evidenti le storiche pensiline metalliche

L'orientamento del parco binari è in direzione Est-Ovest: da Est entrano i due binari singoli delle linee per Alessandria (da Nord-Est) e per Ovada-Genova (da Sud-Est), mentre verso Ovest escono paralleli, per separarsi diverse centinaia di metri più avanti, i due binari destinati ad Asti (lato Nord) e S.Giuseppe di Cairo-Savona (lato Sud). I binari destinati al traffico viaggiatori sono in tutto otto: cinque passanti, numerati da 1 a 5, un tronchino numerato 1a ed attestato al lato Est del fabbricato viaggiatori, condividendo una parte della banchina con il binario 1, e altri due binari con numerazione regolare (6 e 7), che attraversano il piazzale come gli altri cinque ma che sono tronchi, essendo privi di uno sbocco a Ovest. Sia per questi sia per il binario 1a l'utilizzo viene quindi circoscritto ai treni che hanno origine o destinazione nella stazione stessa e diretti ad una delle due destinazioni ad Est, segnatamente regionali per Genova che genera un discreto traffico pendolari.

Al di là del fascio viaggiatori, si trova un modesto fascio binari ad esso parallelo, utilizzato per stazionamenti e manovre.

La stazione è dotata di sottopassaggio pedonale, relativamente recente.

Sono rimaste tuttora in opera le pensiline metalliche di fattura ottocentesca a coprire le banchine dei primi 5 binari.

Il capolinea delle autolinee e dei servizi sostitutivi effettuati via autobus è ubicato presso il Movicentro, localizzato in posizione attigua al fabbricato viaggiatori e dotato di parcheggio.

Servizi[modifica | modifica sorgente]

Piazzale binari della stazione

La stazione dispone di:

  • Biglietteria Biglietteria
  • Biglietteria Capolinea autolinee
  • Parcheggio di scambio Parcheggio
  • Sottopassaggio Sottopassaggio
  • Bar Bar
  • WC Servizi igienici

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stazioni del Piemonte, sul sito di RFI SpA
  2. ^ Sviluppo delle ferrovie italiane dal 1839 al 31 dicembre 1926, Roma, Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, 1927. Vedi Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it, 1997-2007. URL consultato il 16 gennaio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Acqui Terme
Direzione Stazione precedente Ferrovia Stazione successiva Direzione
Asti TriangleArrow-Left.svg Alice Belcolle Pfeil links.svg Asti-Acqui Terme-Genova
 (58+175)
Pfeil rechts.svg Visone TriangleArrow-Right.svg Genova
Alessandria TriangleArrow-Left.svg Strevi Pfeil links.svg Alessandria-San Giuseppe di Cairo
 (33+909/48+010)
Pfeil rechts.svg Terzo-Montabone TriangleArrow-Right.svg San Giuseppe di Cairo