Say Anything (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Say Anything
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Emo[1]
Emo-pop[1]
Pop punk[1]
Indie rock[1]
Periodo di attività 2001 – in attività
Etichetta Doghouse
J Records
RCA
Album pubblicati 4 + 3 EP
Studio 4 + 3 EP

I Say Anything sono un gruppo emo/indie rock statunitense fondato nel 2001 dal cantante Max Bemis.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I Say Anything nascono nel 2001 sotto il nome di Sayanything. Il gruppo si autoproduce i primi due EP, Junior Varsity e Menora/Majora, e il primo LP, intitolato Baseball.

Nel 2004 esce sotto etichetta Doghouse Records ...Is A Real Boy, stavolta sotto la produzione di Tim O'Heir, disco che riscuote ottimo successo di pubblico e di critica. In seguito all'uscita dell'album e poco prima del loro tour da headliner viene diagnosticato a Max Bemis un disturbo bipolare.

Nel 2005 il gruppo firma un contratto con la J Records (etichetta appartenente alla BMG), che ristamperà ...Is A Real Boy affiancandolo ad un disco bonus intitolato ...Was A Real Boy, contenente 8 brani inediti, da cui sarà anche estratto il secondo singolo della band, Wow, I Can Be Sexual Too.

Il primo singolo estratto dalla ristampa è invece Alive With The Glory Of Love. Nell'Ottobre del 2007 vede la luce il secondo full-lenght del gruppo, un doppio album intitolato In Defense Of The Genre, da cui sarà estratto il singolo Baby Girl, I'm A Blur.

Sempre nel 2007 i Say Anything annunciano la partecipazione al primo Myspace Tour, dei quali saranno co-headliner insieme agli Hellogoodbye.

Il 3 novembre 2009 pubblicano il loro terzo album di studio, Say Anything, con la RCA Records.

Attualmente i Say Anything sono formati da Max Bemis (voce), Coby Linder (batteria), Kenny Vasoli (basso), Jake Turner (chitarra e voce), Jeff Turner (chitarra e voce), and Parker Case (tastiera e voce).

Successo di critica e di pubblico[modifica | modifica sorgente]

...Is A Real Boy ottiene un enorme apprezzamento sia dalla critica che dal pubblico. Emblematico del successo dell'album è il 99% ottenuto su AbsolutePunk dalla critica e il 97% ottenuto dal pubblico.[2] In Defense of the Genre ha ottenuto ottimi riscontri dalla critica statunitense. L'omonimo Say Anything, uscito per RCA Records è l'album della definitiva maturazione ed affermazione della band negli Stati Uniti d'America ma nonostante sia uscito per una major non è possibile reperirlo in Italia se non come disco d'importazione.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album studio[modifica | modifica sorgente]

Data di Uscita Titolo Etichetta
2001 Baseball A.D.D. Records
2004
2006 (ristampa)
...Is a Real Boy Doghouse Records
J Records (ristampa)
2007 In Defense of the Genre J Records
2009 Say Anything RCA Records

EP[modifica | modifica sorgente]

Data di Uscita Titolo Etichetta
2000 Junior Varsity -
2003 Menora/Majora -
2004 For Sale... Doghouse Records

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Data di Uscita Titolo Album
2006 Alive with the Glory of Love ...Is a Real Boy
2007 Wow, I Can Get Sexual Too ...Was a Real Boy
2007 Baby Girl, I'm a Blur In Defense of the Genre

Apparizioni in compilation[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Say Anithing in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ Say Anything - ... is a Real Boy - Album Review - AbsolutePunk.net
punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk