Rutupiae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 51°17′33.72″N 1°19′46.56″E / 51.2927°N 1.3296°E51.2927; 1.3296

Rutupiae
Richborough Roman Fort.JPG
Resti del forte romano di Richborough
Periodo di attività dal 43 circa al IV secolo
Località moderna Richborough
Unità presenti Legio II Augusta (fine del IV secolo)
Dimensioni castrum circa 2,5 ha
Provincia romana Britannia

Rutupiae era un insediamento romano corrispondente alla moderna Richborough, nei pressi di Sandwich, Kent, Regno Unito. La città fu fondata nel 43, a seguito dell'invasione romana della Britannia, e divenne uno dei porti principali della Britannia romana.

Dell'epoca romana si conservano resti di diverse epoche, che collettivamente prendono il nome di Richborough Fort o Richborough Roman Fort e sono affidati all'English Heritage: le prime fortificazioni furono scavate nel I secolo, probabilmente come deposito e testa di ponte per l'esercito romano, poi trasformate in edifici civili di una città che prese un carattere commerciale e infine soppiantate attorno al 277 da uno dei forti che difendevano la Costa sassone, costruito probabilmente dall'usurpatore Carausio.[1] Il forte fu abbandonato con il ritiro delle truppe romane dalla Britannia nella prima metà del V secolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I-II secolo[modifica | modifica sorgente]

Secondo la maggioranza degli storici, Richboroug fu il punto in cui sbarcò l'esercito romano impegnato nella conquista della Britannia del 43: ad avvalorare questa tesi è la presenza di trincee e fortificazioni del I secolo sul sito, che gli storici ritengono servissero a proteggere la testa di ponte e i depositi di provviste romani. Nel 2008, durante gli scavi delle mura romane, sono state trovate tracce dell'antica linea di costa, distante quasi quattro km da quella moderna, che confermano come i terrapieni servivano a difendere una testa di ponte sulla spiaggia di circa 700 metri.[2]

Mentre l'invasione si spostava sempre più a nord, Rutupiae divenne un insediamento sempre più civile, con templi, un anfiteatro e una mansio, un ostello per ufficiali in visita, con terme e ufficio amministrativo (costruito in più fasi). Come porto, la città si confrontò sempre con Portus Dubris, la moderna Dover, sito 25 km più a sud lungo la costa. Rutupiae era famosa nel mondo romano per la bontà delle sue ostriche (Giovenale le paragona a quelle italiane allevate nel Lago di Lucrino),[3] mentre "costa rutupina" era usato come sinonimo per l'intera costa della Britannia in alcune opere letterarie.[4]

Un grande arco trionfale quadrifonte, di cui si sono conservate solo le fondamenta, fu eretto su Watling Street, la strada principale che portava da Rutupiae a Londinium (Londra); la sua dimensione e la sua posizione (fu eretto tra il porto e la provincia a simboleggiare l'ingresso formale nella Britannia romana) suggeriscono che fu costruito per celebrare la conquista definitiva della Britannia dopo la vittoria di Gneo Giulio Agricola nella battaglia del Monte Graupio (83 o 84).[5] Alto quasi 25 metri, aveva la facciata rivestita in pietra

III-V secolo[modifica | modifica sorgente]

Rovine di "Richborough Castle", il nome moderno per il forte della Costa sassone costruito a Rutupiae
Moneta di Carausio simile a quelle trovate a Rutupiae

Durante il tardo III secolo, l'insediamento civile, ora divenuto molto grande, fu re-militarizzato e convertito in forte della Costa sassone; i forti della Costa sassone erano una serie di forti costruiti dai Romani lungo le coste inglesi e francesi della Manica, per difendersi dagli attacchi dei pirati sassoni. La costruzione del forte di Rutupiae sembra essere iniziata nel 277 e terminata nel 285, durante il regno di Carausio secondo le prove numismatiche; per la sua edificazione fu demolito l'arco trionfale e se ne riutilizzarono i materiali.[1] Il forte si estendeva su 2 ettari ed era circondato da mura massicce alte 8 metri, che formavano un quadrato quasi perfetto, con l'ingresso principale a ovest. Le mura settentrionali e quelle meridionali erano però differenti, con queste ultime costruite da un'unica squadra di lavoratori, mentre le prime edificate da più squadre: questo suggerisce che le mura settentrionali furono edificate dopo il completamento di quelle meridionali.

Esiste una struttura esagonale, oggi quasi totalmente distrutta, che si ritiene possa essere un fonte battesimale di una chiesa in legno, costruita tra la fine del IV e l'inizio del V secolo.[6]

La Notitia dignitatum, che per questa parte dell'impero fu compilata alla fine del IV secolo (nel 395 circa), designa Rutupiae come sede del prefetto della Legio II Augusta, sottoposto al Comes litoris Saxonici per Britannias.[7]

Rutupiae fu abbandonata dai Romani all'inizio del V secolo e sul luogo si insediò successivamente una comunità religiosa sassone.

Archeologia del sito[modifica | modifica sorgente]

Rutupiae
Richborough
Civiltà romana e Britanni
Localizzazione
Stato Regno Unito Regno Unito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b White, Donald. Litus Saxonicum; The British Saxon Shore in Scholarship and History. Madison: State Historical Society of Wisconsin for Dept. of History, University of Wisconsin, 1961, p. 36.
  2. ^ "Dig Uncovers Roman Invasion Coast", BBC News; "Roman Invasion Beach Found In Kent", The Independent.
  3. ^ Giovenale, Satire, iv.141.
  4. ^ p. 39, Victoria County History of Kent: Romano-British Kent, 1932. Acceduto il 10 maggio 2007.
  5. ^ Stillwell, Richard, William Lloyd MacDonald, Marian Holland McAllister, The Princeton Encyclopedia of Classical Sites, Princeton University Press, 1976, p. 778. URL consultato il 10 maggio 2007.
  6. ^ P.D.C Brown, The Church at Richborough in Britannia, vol. 2, 1971, pp. 225–231, DOI:10.2307/525812.
  7. ^ Notitia dignitatum, Occidentalis, XXVIII.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]