English Heritage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo dell'English Heritage

English Heritage, prima conosciuto come Historic Building and Monuments Commission for England (fino al 1999), è un organismo pubblico inglese che si incarica della gestione del patrimonio culturale dell'Inghilterra. L'English Heritage si definisce come « il consigliere legale del governo sul patrimonio storico ». Dipende dal ministero della cultura, dei media e dello sport (DCMS).

Il suo ruolo principale è quello di gestire un gran numero di siti storici ed archeologici di primo piano, dalle vestigia preistoriche di Stonehenge al relativamente moderno Iron Bridge. Si occupa anche di conservare, registrare e proteggere il patrimonio storico, inoltre consiglia direttamente il segretario di stato sulla politica di conservazione e la classificazione dei vari monumenti. English Heritage possiede direttamente numerosi siti, ma collabora anche con proprietari ed associazioni minori; collabora frequentemente con il National Trust inglese.

English Heritage è stato fondato nel 1983, e conta nel 2010 oltre 400 siti sparsi nel paese. Dal 1999 al 2008 ha creato l'iniziativa Images of England, un progetto che ha raccolto 323.107 fotografie di tutti i siti appartenenti ai monumenti classificati di Gran Bretagna.

Chiunque può iscriversi ad English Heritage: l'adesione conferisce dei vantaggi come l'ingresso gratuito nelle sue proprietà, ma non da ai membri nessun potere sulla gestione dell'organizzazione, che dipende dal governo (è infatti un'organizzazione pubblica non dipartimentale).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito