Costa sassone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costa Sassone
Litus Saxonicum
Fortificazioni del litus saxonicum.
Fortificazioni del litus saxonicum.
Localizzazione
Stato attuale Regno Unito Regno Unito Francia Francia
Informazioni generali
Tipo forti e fortini ausiliari, burgi, ecc. lungo il litorale che costeggia la Manica
Utilizzatore Impero romano
Funzione strategica a protezione delle province romane di Britannia e Gallie
Inizio costruzione III secolo
Termine costruzione IV secolo
Condizione attuale alcune antiche vestigia rinvenute in varie località.

vedi sotto bibliografia.

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Costa Sassone (latino: litus Saxonicum) era la linea di fortificazioni costruite tra III e IV secolo dalle Fiandre al Cotentin (costa europea) e sulla costa sud-occidentale dell'Inghilterra per impedire le invasioni dei Sassoni e degli Scoti. Noi conosciamo questo sistema difensivo e le truppe che vi erano dislocate dalla Notitia dignitatum.

In Europa questo sistema difensivo era limitato alla Manica e al Mare del nord ed era incentrato su quattro punti chiave, tra cui Rouen e Avranches. Ognuna di queste quattro città aveva un contingente militare. Al comando del Litus Saxonicum continentale era un tribuno di stanza a Granona (ubicazione sconosciuta).

Sulla costa inglese sud-occidentale noi troviamo i seguenti luoghi fortificati: Portchester Castle, Pevensey, Lympne, Dover, Richborough, Reculver, Bradwell-on-Sea, Burgh Castle, Brancaster. Il comando era affidato al Comes litoris Saxonici per Britannias. È probabile che in Britannia questo sistema difensivo sia stato costruito già nel tardo III secolo, cioè al tempo della rivolta di Carausio contro Roma. Del resto, si sa dalle fonti che prima di ribellarsi Carausio aveva ricevuto dal governo centrale il compito di difendere la costa dai pirati. La realizzazione di queste fortificazioni era dunque in linea con la politica imperiale. Più a nord, le precauzioni dei Romani presero la forma di depositi a Lincoln e Malton, con tutto un complesso sistema di strade e stazioni, così che, all'occorrenza, le truppe potessero marciare rapidamente da un luogo all'altro. .

Forti[modifica | modifica sorgente]

In Gran Bretagna[modifica | modifica sorgente]

I nove forti britannici della Costa sassone raffigurati in un manoscritto della Notitia dignitatum.

I nove forti della Costa sassone sulla sponda britannica sono i seguenti, elencati da nord a sud:[1]

Ospitava la Legio II Augusta.

Esistono alcuni altri siti che appartenevano chiaramente alla porzione britannica della Costa sassone (il cosiddetto limes Wash-Solent), sebbene non siano inclusi nella Notitia, come i forti a Walton, nel Suffolk, oggi sprofondato nel mare a causa dell'erosione, e a Caister-on-Sea; più a sud Carisbrooke Castle sull'Isola di Wight e Clausentum (Bitterne, nella moderna Southampton) sono considerati estensioni a occidente della linea di fortificazioni. Altri siti probabilmente connessi col sistema fortificato della Costa sassone sono il forte sprofondato a Skegness e i resti di possibile stazioni di segnalazione a Thornham, Corton e Hadleigh.[5]

Più a settentrione lungo la costa furono costruiti dei depositi a Lindum (Lincoln) e Malton, da cui partivano delle strade che raggiungevano le stazioni di segnalazione costale: quando giungeva un allarme, le truppe potevano essere inviate lungo queste strade. Ancora più a nord lungo la costa, nel North Yorkshire, furono costruite alcune torri di guardia costale (a Huntcliff, Filey, Ravenscar, Goldsborough e Scarborough) che mettevano in collegamento le difese meridionali alla zona militare settentrionale del Vallo.[6]

In Gallia[modifica | modifica sorgente]

Secondo la Notitia dignitatum esistevano due comandi separati incaricati di controllare la costa settentrionale della Gallia, entrambi appartenenti al sistema della Costa sassone. Va però notato che all'epoca della compilazione definitiva della Notitia (risalente al 420 circa) i Romani si erano già ritirati dalla Britannia.

Il comando più a nord era quello del Dux Belgicae secundae, avente il proprio quartier generale a Portus Aepatiaci e l'incarico di sorvegliare le coste della Belgica Secunda (all'incirca tra gli estuari della Schelda e della Somme):[7]

  • Marcae (luogo non identificato nei pressi di Calais, forse Marquise o Marck).
    Assieme a Graronna è l'unico sito gallico di cui nella Notitia si dica esplicitamente che si trova in litore Saxonico. Ospitava gli Equites Dalmatae.
  • Locus Quartensis sive Hornensis (probabilmente alla foce della Somme).
    Era il porto della Classis Sambrica ("Flotta del Somme").
  • Portus Aepatiaci (forse Étaples)
    Ospitava i milites Nervii.

Sebbene non sia menzionato nella Notitia, il porto di Gesoriacum o Bononia (Boulogne-sur-Mer), che era stato la base principale della Classis Britannica fino al 296, sarebbe ricaduto sotto il Dux Belgicae Secundae.

Più a occidente, sotto il Dux tractus Armoricani et Nervicani, erano le coste della Normandia e dell'Armorica fino alla foce della Loira. La Notitia registra i seguenti siti:[8]

  • Grannona (locazione dubbia, o alla foce della Senna o a Port-en-Bessin).[9]
    Nella Notitia è detta esplicitamente rientrante in litore Saxonico. Sede del dux, ospitava la Cohors I nova Armoricana.
  • Rotomagus (Rouen).
    Ospitava i milites Ursariensii
  • Constantia (Coutances).
    Ospitava la Legio I Flavia Gallicana Constantia
  • Abricantis (Avranches).
    Ospitava i milites Dalmati
  • Grannona (non è chiaro se si trattasse di un luogo differente dalla prima Grannona, forse Granville).
    Ospitava i milites Grannonensii
  • Aleto o Aletum (Aleth, vicino Saint-Malo).
    Ospitava i milites Martensii
  • Osismis (Brest).
    Ospitava i milites Mauri Osismiaci
  • Blabia (forse Hennebont).
    Ospitava i milites Carronensii
  • Benetis (forse Vannes).
    Ospitava i milites Mauri Beneti
  • Manatias (Nantes).
    Ospitava i milites superventores

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Notitia dignitatum, pars Occidentalis, XXVIII.
  2. ^ CBA Report 18: The Saxon Shore, pp.3-5
  3. ^ CBA Report 18: The Saxon Shore, p. 8
  4. ^ Attestolo dall'unica iscrizione trovata (si veda Regulbium a RomanBritain.org).
  5. ^ D. White (1961)
  6. ^ Roman Frontier Studies, pp. 124-147
  7. ^ Notitia dignitatum, "Pars Occidentalis" XXXVIII
  8. ^ Notitia dignitatum, "Pars Occidentalis" XXXVII
  9. ^ CBA Report 18: The Saxon Shore, p. 67

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • David J. Breeze, Roman Forts in Britain, Shire Publications, 1994, ISBN 0-85263-654-7.
  • John Cotterill, Saxon Raiding and the Role of the Late Roman Coastal Forts of Britain in Britannia, vol. 24, XXIV, 1993, pp. 227–239, DOI:10.2307/526729.
  • Nic Fields, Rome's Saxon Shore - Coastal Defences of Roman Britain AD 250-500 (Fortress 56), Osprey Publishing, 2006, ISBN 978-1-84603-094-9.
  • Stephen Johnson, The Roman Forts of the Saxon Shore, Londra, Elek, 1979, ISBN 978-0-236-40165-9.
  • Valerie A. Maxfield, The Saxon Shore, a Handbook, University of Exeter Press, 1989, ISBN 0-85989-330-8.
  • Andrew Pearson, The Roman Shore Forts: Coastal Defences of Southern Britain, Tempus Publishing, 2002, ISBN 978-0-7524-1949-7.
  • John Ward, Romano-British Buildings and Earthworks, 1911.
  • Donald A. White, Litus Saxonicum: the British Saxon Shore in Scholarship and History, Madison, W, University of Wisconsin Press, 1961.
  • David E. Johnston, et als., The Saxon Shore (PDF) in CBA Research Report, nº 18, 1977. URL consultato il 20 agosto 2007.
  • Valerie A. Maxfield, Dobson, Michael J. (Eds.), Roman Frontier Studies: Proceedings of the XVth International Congress of Roman Frontier Studies, Exeter, Exeter University Press, 1991, ISBN 978-0-85989-710-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]