Riksdag degli Stati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Riksdag dei Quattro Stati o Ståndsriksdagen, era il nome utilizzato per gli Stati del Regno di Svezia (e dell'Impero) nei momenti in cui si riunivano. Fino alla sua dissoluzione nel 1866, questa istituzione era la più alta autorità della Svezia, la più vicina al sovrano. Era una Dieta composta dai quattro stati, che storicamente erano i gruppi in cui era divisa la società svedese:

Importanti assemblee[modifica | modifica wikitesto]

La Casa dei Cavalieri, sede della nobiltà svedese.

La riunione di Arboga del 1435 è considerata il primo Riksdag, ma non vi sono documenti che attestino la presenza del quarto stato, il proletariato, nell'assemblea.

Il nuovo Riksdag[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1866 tutti gli Stati votarono in favore della dissoluzione e allo stesso tempo dell'istituzione di una nuova assemblea, il Riksdag di Svezia, o Sveriges Riksdag. Rispetto agli altri stati, le corporazioni della nobiltà e della cavalleria rimasero rappresentanti dell'intera nobiltà del Paese. L'attuale Partito di Centro si potrebbe descrivere come la moderna rappresentanza dello Stato dei proletari.

Nel 1809 i poteri del governo furono spartiti tra i sovrani Bernadotte e il Riksdag degli Stati, e nel 1866.

Riksdag in Finlandia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1809 la Svezia cedette la Finlandia alla Russia. La Finlandia divenne un Granducato, sotto il comando dello zar dell'Impero russo, ma le istituzioni politiche furono mantenute praticamente intatte. La Dieta di Finlandia continuò a seguire le regole del Riksdag svedese, essendo il corpo legislativo della nuova regione autonoma. Durante il regno di Alessandro I e Nicola I di Russia, la dieta non si riunì mai e non fu approvata alcuna legge. Con Alessandro II le assemblee ripresero nel 1863, dato che vi era il bisogno di cambiare totalmente la legislazione. Dopo questa seduta, il Riksdag si riunì regolarmente fino al 1905, quando fu approvata una legge che formava un nuovo parlamento unicamerale. La House of the Knights (Casa dei Cavalieri, Ritarihuone) ancora oggi rappresenta la tradizione della nobiltà, anche se nessuna nuova famiglia è stata introdotta dal 1906.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]