Richard Trenton Chase

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Richard Trenton Chase
Soprannomi Il vampiro di Sacramento[1][2]
Nascita 23 maggio 1950
Morte 26 dicembre 1980
Vittime accertate 6
Periodo omicidi 27 dicembre 1977 - 27 gennaio 1978
Luoghi colpiti Sacramento
Metodi uccisione Colpi di fucile[3][4][5]
Altri crimini Necrofilia, squartamento, vampirismo[3][4]
Arresto Sacramento, 28 gennaio 1978
Provvedimenti Condanna a morte[6], si suicidò con antidepressivi
Periodo detenzione 1978 - 1980

Richard Trenton Chase (Sacramento, 23 maggio 1950Vacaville, 26 dicembre 1980) è stato un assassino seriale statunitense. Soprannominato Il vampiro di Sacramento[1][2], è stato ritenuto colpevole di sei omicidi commessi tra il dicembre 1977 e il gennaio 1978, con metodi che includevano vampirismo e squartamento[3][4]: a causa del modus operandi adottato, viene spesso identificato come il prototipo di serial killer disorganizzato[1][2][7].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La malattia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di una famiglia violenta (i genitori erano convinti che la disciplina si potesse insegnare solo con la violenza[4]), sin dall'infanzia Chase iniziò a soffrire di alcuni sintomi identificati come triade di Macdonald (enuresi[4], piromania e zoosadismo, quest'ultimo sotto forma di uccisione e tortura di gatti[8]). In età adolescenziale iniziò a soffrire di una forma di impotenza (ritenuta da alcuni psicologi che lo visitarono come il focolaio di una malattia mentale)[4][8] e ad abusare di droghe e medicinali[4][8]. In seguito a ciò Chase iniziò a manifestare gravi disturbi paranoidi che furono diagnosticati come una forma di schizofrenia[8] dopo che fu ricoverato all'ospedale in preda a delle allucinazioni (dichiarò ai medici che qualcuno gli aveva rubato l'arteria polmonare[9], che le sue ossa stavano uscendo dal corpo e che lo stomaco si stava sciogliendo[4][8]).

Ormai sprofondato in uno stato ipocondriaco e convinto di essere stato avvelenato dai genitori[8], Chase si trasferì in un nuovo appartamento e iniziò ad effettuare pratiche di vampirismo su conigli, squartandoli e bevendone il sangue per salvare il proprio cuore che si stava rimpicciolendo[4][8]. Ricoverato per una seconda volta in seguito ad una grave intossicazione del sangue (si era iniettato nelle vene del sangue contaminato da acido[4][8]), gli fu diagnosticata una schizofrenia dovuta all'abuso di farmaci curabile con un farmaco sperimentale[4][8]. In seguito agli scarsi risultati della terapia, Chase tentò di fuggire dall'ospedale[4], ma fu trasferito in un'altra clinica dove gli fu diagnosticata la sindrome di Reinfeld per poi essere rilasciato perché non ritenuto pericoloso[4][8].

Gli omicidi[modifica | modifica wikitesto]

Stabilitosi in altro appartamento e senza più l'aiuto dei genitori (che smisero di passargli i medicinali)[8], Chase ricominciò a torturare animali[8]. Di lì a poco Chase decise di passare agli omicidi: la prima vittima fu Ambrose Griffin, un ingegnere di 51 anni ucciso il 27 dicembre 1977 con un colpo di fucile calibro 22 sparato da lunga distanza[5]. Nei giorni successivi Chase iniziò a vagabondare per le case del vicinato alla ricerca di nuove vittime: pur essendo talvolta individuato, riuscì a fuggire non prima di aver messo a soqquadro le abitazioni e sfregiato i mobili urinando o defecando nei cassetti[4][10].

Il 23 gennaio 1978 Chase si introdusse nella casa di Theresa Wallin, ventiduenne incinta di tre mesi: dopo averla uccisa con 3 colpi di fucile calibro 22, la trascinò sul letto iniziando a compiere atti di squartamento, vampirismo e necrofilia[3]. Quattro giorni dopo, Chase uccise quattro persone (tra cui un neonato, il cui corpo sarà ritrovato solo il 24 marzo nei pressi di una chiesa[6]) con lo stesso metodo adottato per la vittima precedente[3][4].

L'arresto e la condanna[modifica | modifica wikitesto]

Immediatamente identificato grazie alle dichiarazioni di una sua ex compagna di classe incontrata il giorno del primo omicidio e al recupero della cartella clinica[11], Chase fu arrestato il giorno successivo al triplice omicidio[11]. Dopo alcuni mesi di dibattito sulla sua sanità mentale[6], il 2 gennaio 1979[6] si aprì il processo a Chase che si concluse con una condanna a morte (emessa l'8 maggio) per l'omicidio di sei persone[6]. Il 26 dicembre 1980, dopo più di un anno dalla condanna (in cui fu ripetutamente interrogato da psichiatri dell'FBI nel tentativo di tracciarne un preciso profilo psicologico[12]), Chase si suicidò ingerendo un'enorme quantità di farmaci antidepressivi[1][4].

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

[3][4][5]

Nome Età Data di morte
Ambrose Griffith 51 27 dicembre 1977
Theresa Wallin 22 23 gennaio 1978
Evelyn Miroth 38 27 gennaio 1978
Jason Miroth 6 27 gennaio 1978
Dan Meredith 51 27 gennaio 1978
David Ferreira 1 27 gennaio 1978

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Amanda Howard, Martin Smith: River of Blood, Universal Publishers (2004), ISBN 978-1581125184

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Richard Trenton Chase - A Vampire's Demise su Crime Library
  2. ^ a b c Richard Trenton Chase su bellaonline.com
  3. ^ a b c d e f Richard Trenton Chase - The Mutilation Murders su Crime Library
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Richard Trenton Chase su about.com
  5. ^ a b c Richard Trenton Chase - The First Victim su Crime Library
  6. ^ a b c d e Richard Trenton Chase - The Trial su Crime Library
  7. ^ Profile of a Serial Killer
  8. ^ a b c d e f g h i j k l Richard Trenton Chase - The Making of a Vampire su Crime Library
  9. ^ Howard, Smith: River of Blood, pag.82
  10. ^ Richard Trenton Chase - The Intruder su Crime Library
  11. ^ a b Richard Trenton Chase - Hunting the Vampire su Crime Library
  12. ^ Richard Trenton Chase - The FBI Interview su Crime Library

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie