Renato Pollini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Renato Pollini
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Partito Partito Comunista Italiano, Partito Democratico della Sinistra
Legislatura IX, X
Gruppo Comunista, Comunista-PDS
Incarichi parlamentari
  • X Legislatura
    • Membro della 6ª Commissione permanente (Finanze e tesoro)
    • Parlamentari membri della Commissione per la vigilanza sulla cassa depositi e prestiti
    • Vicepresidente Vicario del Gruppo parlamentare Comunista-PDS
  • IX Legislatura
    • Membro della 6ª Commissione permanente (Finanze e tesoro)
Pagina istituzionale

Renato Pollini (Grosseto, 8 febbraio 1925Firenze, 20 agosto 2010) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Esponente del Partito Comunista Italiano, a 21 anni divenne consigliere provinciale e poi assessore ai lavori pubblici, fu sindaco di Grosseto dal 1951 al 1970, quando venne eletto alle elezioni regionali in Toscana nelle liste del PCI e confermato per tre legislature consecutive (1970-1975, 1975-1980 e 1980-1985), ricoprendo anche la carica di assessore regionale al bilancio e finanze[1].

Senatore nella IX e X Legislatura, membro del Comitato Centrale, della Commissione Centrale di Garanzia del PCI, Vicepresidente Vicario del gruppo parlamentare PCI-PDS del Senato nella X legislatura, è stato Tesoriere del partito dal 1982 al 1989[2], quando si dimise per motivi di salute[3].

Fu arrestato nel maggio 1993 in seguito allo scandalo di Tangentopoli, ma venne successivamente scarcerato su istanza dei difensori[4]. Fu inquisito otto volte ed è stato sempre assolto in tutte le vicende giudiziarie in cui era stato coinvolto[1][5][3].

È morto a Firenze all'età di 85 anni[2][3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Ugo Sposetti, Vita, opere e compleanno d'un riformista della realtà» - Il personaggio in l'Unità, 12 febbraio 2010, p. 28. URL consultato l'11 aprile 2011.
  2. ^ a b Morto Pollini il 'tesoriere' del vecchio Pci in la Repubblica, 21 agosto 2010, p. 5 sezione: Firenze. URL consultato l'11 aprile 2011.
  3. ^ a b c Con Pollini se ne va un pezzo di storia in Il Tirreno, 21 agosto 2010, p. 3 sezione:Grosseto. URL consultato l'11 aprile 2011.
  4. ^ Per Pollini in Senato gli abbracci dei Compagni in la Repubblica, 29 luglio 1993, p. 17. URL consultato l'11 aprile 2011.
  5. ^ Prosciolto per la settima volta l'ex tesoriere Pci Renato Pollini in Il Tirreno, 29 luglio 1993, p. 17. URL consultato l'11 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Sindaco di Grosseto Successore Grosseto-Stemma.png
Lio Renzi 1951 - 1970 Giovanni Battista Finetti