Regno di Corsica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando Il regno rivoluzionario di Corsica del 1736, vedi Regno di Corsica (1736).
Regno di Corsica
Regno di Corsica – Bandiera Regno di Corsica - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Motto: Amici e non di ventura
Regno di Corsica - Localizzazione
Dati amministrativi
Lingue parlate italiano
Inno Dio vi salvi Regina
Capitale Corte (1794-1795)
Altre capitali Bastia (1796)
Dipendente da Union flag 1606 (Kings Colors).svg Regno di Gran Bretagna
Politica
Forma di governo monarchia costituzionale sotto protezione britannica
Organi deliberativi Parlamento
Nascita 17 giugno 1794 con Pasquale Paoli e Giorgio III del Regno Unito
Causa Rivoluzione francese
Fine 19 ottobre 1796 con Pasquale Paoli e Giorgio III del Regno Unito
Causa occupazione francese
Territorio e popolazione
Bacino geografico Corsica
Massima estensione 8.681 km² nel 1793
Economia
Valuta lira corsa
Risorse pesca, legname, allevamento
Commerci con Regno di Gran Bretagna
Religione e società
Religione di Stato Cattolicesimo
Religioni minoritarie greco-ortodossa
Regno di Corsica - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Francia
Succeduto da Francia

Il Regno di Corsica o Regno Anglo-Corso fu un regno dipendente dal Regno di Gran Bretagna esistente in Corsica dal 1793 al 1796.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Corte, capitale del Regno di Corsica

La Corsica venne occupata nell'ottobre del 1793 dall'ammiraglio inglese Horatio Nelson, che la strappò ai francesi, poco tempo dopo tornò nell'isola Pasquale Paoli, eroe dell'indipendenza corsa. Il governo e il parlamento vennero fissati a Corte. Nel giugno 1794 venne redatta la Costituzione del Regno di Corsica da Pasquale Paoli e Carlo Andrea Pozzodiborgo, venne approvata dalla consulta riunita a Corte. Prevedeva la divisione della Corsica in 9 giurisdizioni e in pievi che eleggevano due deputati ogni 2 anni. Nel 1796 venne occupata dalle truppe francesi e così finì il Regno di Corsica e Pasquale Paoli fu costretto all'esilio a Londra.


Giorgio III del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda, Re di Hannover e Re di Corsica dal 1794 al 1796

Pievi[modifica | modifica sorgente]

  • Aiaccio (Aiacciu)
  • Algaiola (Algaiola)
  • Alesani (Alisgiani)
  • Ampugnani (Ampugnani)
  • Balagna Orientale (Balagna di Là)
  • Bevinco (Bevincu)
  • Bigorno (Bigornu)
  • Bonifacio (Bonifaziu)
  • Bozio (Boziu)
  • Brando (Brandu)
  • Caccia (Caccia)
  • Calvi (Calvi)
  • Campoloro (Campuloru)
  • Canari (Canari)
  • Capo Bianco (Capu Biancu)
  • Carbini (Carbini)
  • Cargese (Carghjese)
  • Casacconi (Casacconi)
  • Casinca (Casinca)
  • Castello (Castellu)
  • Celavo (Celavu)
  • Cinarca (Cinarca)
  • Cruzini (Cruzinu)
  • Corsa (Cursa)
  • Covasina (Cuvasina)
  • Giovellina (Ghjuvellina)
  • Giosani (Ghjunsani)
  • Istria (Istria)
  • Lama (Lama)
  • Lota (Lota)
  • Mariana (Mariana)
  • Mercurio (Mercuriu)
  • Moriani (Moriani)
  • Niolo (Niolu)
  • Nonza (Nonza)
  • Olmia (Olmia)
  • Orezza (Orezza)
  • Ornano (Ornanu)
  • Orto (Ortu)
  • Patrimonio (Patrimoniu)
  • Porto Vecchio (Portivechju)
  • Rogna (Rogna)
  • Rostino (Rustinu)
  • Sampiero (Sampieru)
  • Sant'Andrea (Santu Andria)
  • Sartena (Sartè)
  • Scopamene (Scupamena)
  • Seneca (Seneca)
  • Serra (Serra)
  • Sevindentro (Sevindentru)
  • Sevinfuori (Sevinfora)
  • Sorro nel Ghio (Sorru In Ghjò)
  • Sorro del Talavo (Sorru In Sù Talavu)
  • Talcini (Talcini)
  • Tallano (Tallà)
  • Tavagna (Tavagna)
  • Tavignano (Tavignanu)
  • Tenda (Tenda)
  • Tuani (Tuani)
  • Tuda (Tuda)
  • Ortolo (Urtolu)
  • Ostriconi (Ustriconi)
  • Valinco (Valincu)
  • Vallerostia (Vallerustie)
  • Vecchio (Vechju)
  • Verde (Verde)
Pasquale Paoli, eroe nazionale corso e presidente del Regno di Corsica

Cariche[modifica | modifica sorgente]

Charles Stuart (1794)
Gilbert Elliot-Murray-Kynynmound (1794-1796)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]