Questa notte è ancora nostra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa notte è ancora nostra
Titolo originale Questa notte è ancora nostra
Paese di produzione Italia
Anno 2008
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere commedia
Regia Paolo Genovese, Luca Miniero
Soggetto Massimiliano Bruno, Paolo Genovese, Luca Miniero, Fausto Brizzi, Marco Martani, Xiang Yang Li
Sceneggiatura Paolo Genovese, Luca Miniero, Massimiliano Bruno, Fausto Brizzi, Marco Martani,
Produttore Fulvio Lucisano, Federica Lucisano
Fotografia Gianfilippo Corticelli
Montaggio Nicola Bonifati e Alessandro Lucidi
Musiche Daniele Silvestri e Maurizio Filardo
Scenografia Emita Frigato
Costumi Cristina Francioni
Interpreti e personaggi

Questa notte è ancora nostra è un film del 2008 diretto dai registi Paolo Genovese e Luca Miniero.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film narra la storia d'amore tra Massimo (impresario di pompe funebri e leader di una rock band in cerca di successo) e Jing, ragazza cinese. La band di Massimo ha bisogno di una brava cantante cinese, altrimenti non verrà scritturato loro il contratto con un noto produttore (Franco Califano). Convincere Jing ad entrare nel gruppo non sarà un'impresa facile. Servirà una geniale idea da parte di Andrea, amico e collega di Massimo, per convincerla: farle la corte e convincerla a cantare. Ma i problemi non finiranno lì poiché i genitori della ragazza hanno grossi problemi economici. Per pagare un grosso debito, infatti, la famiglia di Jing vuole far sposare la ragazza con il nipote dell'uomo con cui hanno il debito. Così la ragazza, aiutata dall'amica Maria (Ilaria Spada), inventerà una storia che racconterà alla sua famiglia per non sposarsi: ovvero che Massimo è il suo ragazzo. Alla fine Jing e Massimo supereranno il finto affetto dovuto al bisogno dell'altro, o nella band o come finto ragazzo e si ameranno l'un l'altra di un amore vero.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Tre dei brani che Massimo esegue con la sua band sono scritti da Daniele Silvestri: Occhi da orientale, Il mondo stretto in una mano, Testardo.
  • I membri della band di Massimo suonavano effettivamente insieme nel gruppo hardcore Evangeline; all'epoca delle riprese il gruppo era già in fase di scioglimento.
  • Il titolo è tratto da una strofa della canzone di Antonello Venditti Notte prima degli esami, titolo dell'omonimo film diretto da Fausto Brizzi. Il cantautore romano è stato fortemente contrariato per il riferimento nel titolo al suo brano senza che lo stesso fosse interpellato[1]
  • Il film era stato inizialmente scritto con un altro titolo (YIE-YIE, che significa "nonno" in cinese) e la distribuzione ha deciso di cambiarlo all'ultimo momento.[senza fonte]
  • Il giornalista televisivo e scrittore Giovanni Floris fa un piccolo cameo in questo film: lo si può vedere al supermercato, nel ruolo di cassiere, quando Massimo e Jing finiscono di fare la spesa.
  • Nella scena al ristorante, fa una breve apparizione anche Ettore Bassi.
  • Maurizio Mattioli e Franco Califano tornano a recitare insieme dopo venticinque anni. L'ultima volta fu nel film Due strani papà del 1983.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è prodotto da Italian International Film e Walt Disney Studios Motion Pictures Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Venditti: "Le mie canzoni usate per i titoli dei film? Insopportabile", 31 marzo 2008. URL consultato il 20 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema