Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione (console 111 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica Romana
Nome originale Publius Cornelius Scipio Nasica Serapio
Gens Cornelia
Padre Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione
Consolato 111 a.C.

Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione[1] (latino: Publius Cornelius Scipio Nasica Serapio) (... – ...) è stato un politico romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del console e pontefice massimo Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione, fu eletto console nel 111 a.C. con Lucio Calpurnio Bestia. Ma mentre quest'ultimo fu inviato in Numidia a combattere contro Giugurta, Scipione Nasica Serapione rimase in Italia.

Note[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Lucio Calpurnio Pisone Cesonino
e
Marco Livio Druso
(111 a.C.)
con Lucio Calpurnio Bestia
Spurio Postumio Albino
e
Marco Minucio Rufo