Lucio Cornelio Scipione (console 259 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Cornelio Scipione
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Lucius Cornelius Scipio
Gens Cornelia
Padre Lucio Cornelio Scipione Barbato
Consolato 259 a.C.
L'elogium di Lucio Cornelio Scipione, dal sepolcro degli Scipioni sulla via Appia

Lucio Cornelio Scipione[1] (... – ...) fu un console e censore di Roma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di Lucio Cornelio Scipione Barbato, console nel 298 a.C. e censore nel 280 a.C., e fratello di Gneo Cornelio Scipione Asina, console nel 260 a.C. e nel 254 a.C.

Come console nel 259 a.C., egli guidò la flotta romana nella conquista della città di Aleria e quindi della Corsica durante la prima guerra punica, ma fallì nel tentativo di occupare successivamente Olbia in Sardegna. I Fasti Triumphales registrano che gli fu tributato un trionfo, ma altre due iscrizioni relative alla sua carriera, tra cui il suo elogio funebre, non ne fanno menzione. L'anno seguente fu eletto censore con Gaio Duilio.

Successivamente dedicò un tempio alle Tempestates, presso Porta Capena.

Fonte principale sulla sua opera è l'elogium riportato sulla sua lapide tombale:[2]

(LA)

« HONC·OINO·PLURIME CONSENTIONT·R[OMANE]
DUONORO·OPTUMO FUISE·VIRO
LUCIOM·SCIPIONE. FILIOS·BARBATI
CONSOL·CENSOR·AIDILIS HIC·FUET·A[PUD VOS]
HEC·CEPIT·CORSICA ALERIAQUE·URBE
DEDET·TEMPESTATEBUS AIDE·MERETO [D.]
 »

(IT)

« A Roma moltissimi riconoscono che lui solo è stato tra i buoni cittadini il migliore, Lucio Scipione. Figlio di Barbato, fu console, censore ed edile presso di voi. Prese la Corsica e la città di Aleria, consacrò alle Tempeste un tempio, a buon diritto. »

(Adatt. della traduzione di G. Pontiggia e M.C. Grandi, Letteratura latina. Storia e testi, Principato.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Pontiggia, M.C. Grandi, Letteratura latina. Storia e testi, Milano, Principato, 1996.
Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Gneo Cornelio Scipione Asina
e
Gaio Duilio
(259 a.C.)
con Gaio Aquilio Floro
Aulo Atilio Calatino
e
Gaio Sulpicio Patercolo