Preludi (Chopin)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Preludi (Opera 28) di Fryderyk Chopin sono una raccolta di 24 composizioni per pianoforte dell'autore polacco, una per ogni tonalità musicale, sia in modo maggiore che minore. Nonostante il termine preludio sia abitualmente utilizzato, all'interno del sistema tonale occidentale, per indicare una composizione con il compito di introdurne un'altra, più lunga e articolata, i 24 preludi chopiniani possono essere eseguiti e analizzati come piccole opere a sé stanti.

La prima pagina autografa del Preludio numero 15, in Re bemolle Maggiore

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fryderyk Chopin scrisse i suoi Preludi tra il 1835 e il 1839, la maggior parte di questi durante il suo soggiorno presso Valdemosa, una località vicina a Palma di Maiorca, dove il compositore si era recato insieme alla sua compagna George Sand per motivi di salute (in particolare, la coppia era alla ricerca di un clima salutare, rispetto alla piovosa Parigi, per tentare di contrastare la tubercolosi polmonare di cui il compositore soffriva, e che lo condurrà alla morte nel 1849). La raccolta fu poi pubblicata nel 1839, al rientro nella capitale francese. La pubblicazione dei Preludi provocò molto scalpore nell'ambiente musicale dell'epoca, principalmente per due motivi: da una parte, Chopin sfidava qualsiasi regola classica, votando le sue creazioni a una mancanza di forma evidente, e dall'altra, sfidava le convenzioni del periodo per la breve durata delle composizioni contenute nell'opera 28 (basti considerare come nessun preludio sia più corto di 13 battute, ma contemporaneamente nessuno superi le 89 battute di lunghezza). A partire dall'inizio del ventesimo secolo, comunque, i Preludi di Chopin sono diventati un vero e proprio standard per i pianisti, come dimostra la lunga serie di registrazioni dell'opera a partire dal 1926, con un'incisione di Alfred Cortot.

Reazioni nel mondo musicale[modifica | modifica wikitesto]

I Preludi di Chopin furono spesso, nel corso degli anni e dei secoli a venire, indicati come "degni successori" dei 24 Preludi per Il clavicembalo ben temperato di Johann Sebastian Bach, anch'essi composti in modo da averne uno per ogni chiave (la differenza sostanziale, tuttavia, vede l'opera di Bach strutturata in 2 libri di 24 preludi e ventiquattro fughe ciascuno, mentre Chopin non offre una prosecuzione ai suoi preludi dell'opera 28).

I Preludi[modifica | modifica wikitesto]

  1. (Do maggiore, Agitato)
  2. (La minore, Lento)
  3. (Sol maggiore, Vivace)
  4. (Mi minore, Largo)
  5. (Re maggiore, Allegro Molto)
  6. (Si minore, Lento Assai)
  7. (La maggiore, Andantino)
  8. (Fa diesis minore, Molto Agitato)
  9. (Mi maggiore, Largo)
  10. (Do diesis minore, Allegro Molto)
  11. (Si maggiore, Vivace)
  12. (Sol diesis minore, Presto)
  13. (Fa diesis maggiore, Lento)
  14. (Mi bemolle minore, Allegro)
  15. (Re bemolle maggiore, Sostenuto)
  16. (Si bemolle minore, Presto, con fuoco)
  17. (La bemolle maggiore, Allegretto)
  18. (Fa minore, Allegro Molto)
  19. (Mi bemolle maggiore, Vivace)
  20. (Do minore, Largo)
  21. (Si bemolle maggiore, Cantabile)
  22. (Sol minore, Molto Agitato)
  23. (Fa maggiore, Moderato)
  24. (Re minore, Allegro Appassionato)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]