Pax romana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'Impero romano sotto Traiano, nella sua massima estensione (nel 117).

Pax Romana o Pax (intesa come divinità romana) o Pax Augusti (la pace donata dall'Imperatore al mondo romano) che in italiano significa Pace Romana, è il lungo periodo di pace imposto sugli stati all'interno dell'Impero Romano grazie alla presa del potere da parte di Augusto e chiamato per questo anche Pax Augustea. L'espressione deriva dal fatto che il dominio romano e il suo sistema legale pacificarono le regioni che avevano sofferto per le dispute tra capi rivali. Durante questo periodo Roma combatté comunque un numero di guerre contro gli stati e le tribù vicine, soprattutto le tribù germaniche e la Partia. Fu un'epoca di relativa tranquillità, nella quale Roma non subì né le grandi guerre civili, come il bagno di sangue perpetuo del I secolo a.C., né gravi invasioni, come quelle della seconda guerra punica del secolo precedente.

Questo periodo viene generalmente considerato a partire dal 29 a.C., quando Augusto dichiarò la fine della grande guerra civile romana del I secolo a.C., fino al 180, quando morì l'imperatore Marco Aurelio.

Rappresentazione[modifica | modifica wikitesto]

Troviamo numerose rappresentazioni monetali della stessa durante il periodo imperiale, normalmente con un ramo d'ulivo ed uno scettro di traverso, come segue:

Rappresentzaione della Pax nella monetazione imperiale romana
Immagine Valore Dritto Rovescio Datazione Peso; diametro Catalogazione
Tiberius&Livia Aureus.jpg aureo TI CAESAR DIVI AUG F AUGUSTUS, testa laureata di Tiberio verso destra; PONTIF MAXIM, la madre Livia (come fosse la Pax) seduta verso destra su un trono, tiene uno scettro e un ramo d'ulivo; 36-37 19 mm, 7.55 gr, 5 h (zecca di Lugdunum); RIC I 29; Calicó 305c.
VESPASIANUS RIC II 437-151705.jpg Æ Sesterzio IMP CAES VESPAS AUG PM TRP PP COS III, testa laureata verso destra. PAX AUGUSTI, la dea Pace in piedi verso sinistra, tiene un rametto ed una cornucopia; S C in esergo. 71 3.34 gr RIC Vespasianus, II, 437; BMCRE 555; Cohen 327.
MAXIMINUS I-RIC IV 12-876901.jpg denario IMP MAXIMINVS PIVS AVG, testa verso destra con alloro, drappeggio sulle spalle; PAX AUGUSTI, la dea Pax in piedi verso sinistra, tiene un ramo d'ulivo ed uno scettro di traverso. 236 20 mm, 2.95 gr, 7 h (Zecca di Roma antica, 2° emissione); RIC Maximinus Trax, IV 12; RSC 31a.
CONSTANTINE I-RIC VII 342-838871.jpg Æ Follis CONSTAN-TINUS AVG, testa laureata verso destra, indossa una trabea che tiene uno scettro con un'aquila. BEATA TRAN***QUILLITAS, un globo posto su un altare, che reca la scritta VO-TIS XX; tre stelle nella parte superiore e P(rima oficina)TR•. 322 19 mm, 3.26 gr, 6 h; zecca di Augusta Treverorum. RIC Constantinus I, VII 342.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A Roma la dea della Pace fu celebrata con un Tempio lungo la via Sacra, accanto al foro di Augusto (vedi Fori imperiali-Roma), fatto costruire sotto l'Imperatore Vespasiano. Definito dai contemporanei come una delle meraviglie del mondo,[1] venne fatto costruire sotto Vespasiano dal 74 d.C. e concluso da Domiziano. Il tempio venne inaugurato nel 75 dopo Cristo, dopo il trionfo per la guerra giudaica, e dedicato alla Pax Augusta dell'Impero, restaurata proprio dalla dinastia flavia secondo la propaganda imperiale.

Altri significati[modifica | modifica wikitesto]

La città romana di Pax Iulia ("Pace della gens Iulia") è l'odierna Beja in Portogallo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Plinio, Naturalis Historia XXXVI, 102.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma